Massimo Carlotto parla del suo nuovo noir a Carpineti

Massimo Carlotto

Massimo Carlotto

Nella biblioteca di Carpineti sabato 28 novembre, alle ore 18.00 l'associazione culturale "La 25^ ora" ospita Massimo Carlotto, scrittore, drammaturgo e sceneggiatore italiano. Tra gli anni '70 e '90 fu inoltre protagonista di un noto e controverso caso giudiziario di cronaca nera. Carlotto è stato definito come uno dei migliori scrittori di noir e hard boiled a livello internazionale.

A Carpineti presenterà il suo nuovo noir "Per tutto l'oro del mondo".

L’autore de "Il fuggiasco"  e di libri brucianti come "Le Irregolari" sui gironi della morte della dittatura argentina, con questo nuovo noir aggiunge un nuovo capitolo alla sua serrata inchiesta sull’nord - est. A dare il la a questa nuova indagine dell’Alligatore, a sorpresa, è un ragazzino di 12 anni, disposto ad anticipargli una manciata di centesimi, pur di sapere la verità sul furto in villa che è costato la vita ai suoi.

Per tutto l'oro del mondo. Massimo Carlotto

Per tutto l'oro del mondo. Massimo Carlotto

Lo scrittore Massimo Carlotto racconterà dal vivo le ragioni e le molte passioni che lo hanno portato, dopo sei anni di silenzio dell’Alligatore, a immaginare sue nuove avventure.

«Coniugati con figli, vita di paese, parrocchia, calcetto, bar. Persone normali». Scorre sui binari dell’ordinario la vita nel nord-est. Almeno all’apparenza. Una terra dove la gente «vive per il lavoro e per la causa». Non sempre nobile, però.

Come nel caso di Kevin Fecchio, di professione orafo, ma capace di ammazzare a sangue freddo, per qualche grammo.

È uno dei protagonisti del nuovo romanzo di Massimo Carlotto Per tutto l’oro del mondo (Edizioni E/O). Un romanzo in cui torna la banda dell’Alligatore, detective romantico, capace di smascherare i meccanismi più nascosti e perversi della nuova criminalità ma anche di perdere la testa per una intensa e tormentata «donna di jazz», che canta in stile Carmen Lundy per compensare una vita di duro lavoro in corsia.

Accanto all’Alligatore, Marco Buratti, ritroviamo anche il “malavitoso” old style Beniamino Rossini e Max la memoria, che ha vissuto gli anni di piombo e ne porta ancora le ferite. Insieme tornano ad indagare il lato oscuro di una certa realtà italiana, quella apparentemente “normale”, dal volto presentabile, ma dalla doppia vita nel mondo della criminalità globalizzata.

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48