Guido Tirelli è il nuovo coordinatore Pd della zona montana

Guido Tirelli

Guido Tirelli

Domenica 6 marzo, nella sede del Partito democratico di Castelnovo ne' Monti, l’assemblea della zona montana ha eletto il suo nuovo coordinatore. E’ Guido Tirelli, 64 anni, da sempre impegnato in politica, che da pochi mesi ha concluso  il suo impegno di direttore del servizio di igiene e sanità pubblica della provincia di Reggio e che da 36 anni vive in Appennino.

“In tempi in cui i cittadini hanno una scarsa reputazione della politica – ha detto il neocoordinatore –  il Partito democratico nella nostra montagna rappresenta la forza di maggiore riferimento non solo nelle amministrazioni locali ma anche nel complesso della società civile.

Le idealità che sono confluite nel Partito democratico sono quelle che dal dopoguerra ad oggi hanno realizzato l’Appennino che conosciamo, dando forza al tessuto sociale ed economico, realizzando la rete dei servizi sociali, sanitari, scolastici, infrastrutture materiali ed immateriali, attraverso la  partecipazione generosa ed intelligente di tanti militanti, amministratori, cittadini.

Oggi il modello di sviluppo che ha dato servizi e lavoro a i montanari è a rischio; viviamo in un  territorio  fragile di fronte ai mutamenti demografici e  socio-economici, che stanno colpendo tutte le aree anche quelle più sviluppate.

E' proprio per questa nostra storia che il Partito democratico della montagna deve affrontare questa fase di cambiamento epocale e contribuire a progettare l’Appennino degli anni futuri,  un territorio dove uomo ed ambiente sono in equilibrio, con disponibilità di lavoro e servizi, in cui è bello vivere.

Il nostro territorio ha grandi potenzialità legate alla qualità ambientale, alla cultura ed alla nostra storia, che possono essere sfruttate per sviluppare un progresso sostenibile: energia, foreste, pastorizia, agricoltura, produzione alimentare tutelata e biologica, turismo, artigianato, terziario.  I nostri cittadini usufruiscono di servizi sociali, sanitari, scolastici di ottimo livello.

Il nostro territorio ha però un equilibrio fragile, che va preservato e mantenuto nel paesaggio, patrimonio boschivo, agricolo, urbanistico, tutelato dal dissesto idrogeologico. Le potenzialità devono trovare modo di esprimersi utilizzando forze e risorse interne ma disponendo anche di fondi strutturali europei”.

L’elezione di Tirelli arriva al termine di un percorso lungo che tappa dopo tappa ha cercato il confronto con i cittadini su strategici per lo sviluppo del territorio. “Ricostruire il Pd in montagna è una priorità – ha detto il segretario provinciale del Pd Andrea Costa – L’elezione del coordinatore arriva dopo mesi in cui volutamente la federazione provinciale non ha programmato il congresso ma ha invece sostenuto un percorso di incontri tematici. Questa è una prima tappa, è l’inizio di un lavoro di allargamento della partecipazione in un territorio assolutamente fondamentale per questa provincia. Il nuovo coordinamento può contare sull’esperienza di amministratori passati e presenti ma anche sul supporto di militanti e giovani che si sono già messi in luce nel corso degli incontri che nel 2015 hanno caratterizzato l’attività del Pd.

Abbiamo parlato di infrastrutture per la montagna, materiali e immateriali, di Sanità, delle potenzialità di creazione di indotto legate a strutture e luoghi peculiari per la montagna che può vedere nel wellness uno dei mercati del futuro. Solo dopo questo confronto ampio di idee si è dato vita all’appuntamento formale del congresso. Auguro – ha concluso Costa – buon lavoro a Guido Tirelli e tutto il Pd della montagna reggiana”.

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

6 Commenti

  1. Complimenti e auguri di buon lavoro.

    (Alessandro Ferretti)

    Rispondi
  2. Bene e complimenti al neo coordinatore, ma attento a quello che dice… Se fra i nomi per il candidato sindaco del Ventasso c’è quello di un sindaco appena dismesso e che ha già avuto diverse esperienze nello stesso ruolo, significa che il Pd della montagna non è affatto cambiato e vivono ancora logiche di vecchia concezione. Vogliamo volti nuovi, persone nuove, idee nuove. A lei la palla ora…

    (Commento firmato)

    Rispondi
  3. Complimenti e buon lavoro anche perchè siamo in una fase di non politica e dove alcuni circoli, vedi quello di Castelnovo ne’ Monti, sono spariti per cui c’è molto da fare.

    (Savio)

    Rispondi
  4. Credo fermamente che Guido Tirelli sia la persona giusta nel posto giusto.Sicuramente avrà il suo da fare specie per le prossime votazioni che si terranno nel nuovo Comune di Ventasso, la scelta dei candidati alle prinarie, se ci saranno, sarà un vero banco di prova. Da li si capirà se esiste la volontà di rinnovamento e pulizia di un amiente che nel corso degli anni è andato deteriorandosi causando la scarsa fiducia e affluenza negli elettori del comprensorio montano.

    (Mario)

    Rispondi
  5. In bocca al lupo grandissimo Guido! Sono sicuro che metterai tutto te stesso in questa nuova avventura proprio come hai fatto fino all’ultimo giorno sul lavoro. Grande grande!!!

    (Gio.Alb)

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48