Il Tar annulla la chiusura a giorni alterni dell’Ufficio postale di Collagna

Riceviamo e pubblichiamo.

-----

È con grande piacere e senza rammarico per l’esito della consultazione elettorale testé conclusa, che la Lista “Vivere Ventasso” accoglie e trasmette alla cittadinanza tutta la sentenza del Tar Parma n. 191/2016 che annulla il provvedimento 1.7.2015 col quale Poste Italiane disponeva la chiusura a giorni alterni dell’Ufficio postale di Collagna.Le stesse Poste Italiane sono state condannate a rifondere le spese legali al Comune di Collagna che aveva proposto il ricorso.

È motivo di grande soddisfazione per i componenti e i sostenitori della Lista “Vivere Ventasso” poter comunicare ai cittadini e agli elettori tutti che, solo tre giorni dopo le elezioni, è maturato un primo tangibile e significativo riconoscimento, ora definitivo, della validità ed efficacia dell’impegno che abbiamo profuso per la tutela e salvaguardia dei servizi pubblici nella montagna e nel Comune di Ventasso in particolare.

Ciò ci impegna ancor di più a lavorare, pur dalla posizione di opposizione, per il conseguimento degli obiettivi che abbiamo indicato e proposto per questo territorio.

(Paolo Bargiacchi già candidato Sindaco della Lista “Vivere Ventasso”)

Il testo integrale della sentenza: Sentenza ricorso contro Poste italiane S.p.A.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

4 Commenti

  1. Un articolo normalissimo dove il titolo inganna. È una sentenza a livello nazionale e vale per tutti i Comuni che hanno fatto ricorso ai vari Tar e vinta da tutti, dopo di che le Poste hanno fatto dietro front.

    (Anonimo)

    Rispondi
  2. Se un sindaco ha fatto bene il suo lavoro bisogna dargli merito e basta! Quel ricorso bisognava presentarlo. E Bargiacchi l’ha fatto! Al contrario di altri sindaci che hanno accettato passivamente la decisione delle Poste privando la comunità di un servizio essenziale. Un esempio di come si fa il sindaco al servizio dei cittadini. Qualcuno farà bene a prender nota. Cordialmente.

    (Giò)

    Rispondi
    • Io non ci vedo niente di così eclatante, se uno si prende l’impegno di fare il sindaco è giusto che porti avanti certi problemi e presenti ricorsi, altrimenti che sindaco è?

      (Anonimo)

      Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48