Villa Minozzo / “Meno giorni di trasporti per i bambini ma stesso costo”. AGGIORNAMENTO – Fiocchi: “Servizi ridotti? No, aumentati”

“Come se vivere in montagna non fosse già difficile, la strana politica messa in campo dall’amministrazione continua a renderlo ancora più difficoltoso. Ultimo esempio solo in ordine di tempo quello accaduto a Villa Minozzo dove a una settimana dall’apertura dell’asilo le famiglie sono state informate che il servizio di trasporto pomeridiano dei bimbi sarebbe stato ridotto a due sole giornate dalle cinque iniziali, ma senza riduzioni di costo. Assurdo e vergognoso”.

Lo denunciano la Lega nord Appennino reggiano e il vicecapogruppo del Carroccio in Regione Emilia-Romagna, Gabriele Delmonte.

“Trecento euro per un servizio ridotto di oltre il 50% non ha senso, così come non ha senso tagliare su quei servizi fondamentali per le nostre famiglie. Il trasporto pomeridiano del bambini non era un di più. Non un qualche cosa di superfluo, ma un servizio basilare al quale moltissime famiglie facevano riferimento. E ora? Ancora una volta tutti zitti davanti a quelle decisioni miopi assunte da chi, probabilmente, ha perso il contatto con la realtà? Ci auguriamo proprio di no. Così come chiediamo a gran voce al sindaco Luigi Fiocchi di adoperarsi affinché il servizio di trasporto pomeridiano dei bimbi sia prontamente ripristinato”.

“Tanto più – è la conclusione – perché alle famiglie, a fronte di una riduzione del servizio, è stato chiesto comunque il pagamento di quanto previsto inizialmente. Se è un problema di costi si taglino gli sprechi. Ma si smetta con la folle politica del taglio dei servizi. Soprattutto quando questi sono pagati due volte, prima con le tasse e poi con il contributo chiesto ai cittadini stessi”.

* * *

Aggiornamento mercoledì 14 settembre 2016

Leggiamo sui giornali le esternazioni della Lega nord Appennino reggiano e del vicecapogruppo nel Consiglio regionale Gabriele Delmonte in riferimento al servizio di trasporto scolastico del nostro Comune.

Pur rimarcando che nessuno di essi ha avuto il buon senso di rivolgersi alla nostra Amministrazione per verificare la veridicità di quanto riportato, riteniamo necessario dare alcuni chiarimenti.

Da quando è sindaco il sottoscritto (anno 2006) sino ad oggi le tariffe per il trasporto scolastico sono state mantenute inalterate. Il costo che gli alunni sostengono per usufruirne è pari a 29,50 euro mensili. Considerando che il servizio funziona cinque giorni a settimana, il costo giornaliero per andata e ritorno è inferiore a 1,50 euro.

Il trasporto comunale è garantito per la scuola dell’obbligo (primaria), tutti i giorni della settimana. Per quanto riguarda la scuola dell’infanzia è possibile ugualmente usufruire del servizio, in accordo con la scuola, adeguandosi agli orari della primaria. Diversamente i genitori devono provvedere per loro conto in quanto spazi per ulteriori trasporti per rientri pomeridiani legati alla sola scuola materna non li potevamo e non li possiamo garantire.

Quest’anno infatti il servizio in questione è già stato potenziato con l’aggiunta di un’autovettura per consentire a tutti di raggiungere i plessi prescelti in tempi utili e funzionali all’orario scolastico conseguentemente alla richiesta di diverse famiglie di portare i loro bambini nel capoluogo dove è garantita la monoclasse.

Come si vede, dunque, il Comune non ha ridotto i servizi e l’investimento sui trasporti scolastici, ma al contrario li ha incrementati.

Informiamo i signori della Lega nord e il vicecapogruppo in Consiglio regionale che come Amministrazione spendiamo per i trasporti scolastici oltre 170.000 euro annui, a fronte di 17.000 euro di entrate da parte degli utenti del servizio, che gestiamo cercando d’individuare i percorsi più adatti a servire l’intero territorio.

Infine, visto che i signori medesimi parlano di sprechi e costi da tagliare, come Amministrazione, anche alla luce dei continui tagli agli enti locali, siamo disponibili ad un confronto in cui esaminare come sono retribuiti da un lato gli amministratori e i gruppi regionali e dall’altro gli amministratori e i gruppi comunali, e altresì valutare assieme da dove debbano venire le risorse per garantire gli attuali ed eventuali nuovi servizi ai cittadini.

(Luigi Fiocchi, sindaco di Villa Minozzo)

* * *

Correlati:

“Le promesse sono state disattese” (16 settembre 2016)

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

4 Commenti

  1. Il servizio non è sospeso, dite le cose come stanno realmente! Semplicemente i bambini della materna usciranno agli orari delle scuole elementari per fare un unico viaggio, contenere i costi e non aumentare i trasporti (€ 29,50 al mese).

    (Ornella)

    Rispondi
  2. Al netto dei modi “opportunistici” della Lega, la sostanza non cambia, c’era un servizio che ora è stato depotenziato mettendo nella condizione le famiglie di bambini che abitano lontano dalle scuole materne di dover scegliere tra il trovare qualcuno che vada a prendere i loro figli al pomeriggio oppure far perdere alla propria prole 3 pomeriggi formativi, e mi pare che l’aggiornamento non aggiunga nulla di nuovo a questo dato di fatto.

    (Anto)

    Rispondi
  3. Quindi è stato tolto il trasporto del pomeriggio per poter garantire a chi non si accontenta della scuola più vicina di raggiungerne una più lontana? Strana gestione delle risorse.

    (Stefania)

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48