“Ventasso, è tempo di sistemare le indicazioni” (ed anche di rettificare l’altezza del monte omonimo)

segnalazioni-stradali"Al neonato Comune di Ventasso chiedo se siano state progettate e installate le indicazioni relative ai confini comunali su strada. Quest'estate non le ho viste, almeno lato Passo del Cerreto: trovavo sempre l'indicazione Comune di Collagna. All'interno delle indicazioni di ingresso paese, comparivano sempre le diciture relative ai vecchi comuni: a Ramiseto per esempio si indicava ancora capoluogo".

Ci scrive un affezionato lettore dal livornese, Miriano Monnanni. Che prosegue: "Sul lato Passo Lagastrello l'omonimia tra Ventasso montagna, Ventasso Comune e Ventasso Laghi quale località turistica-sciistica crea confusione a chi non conosce la zona, occorrerebbero cartelli precisi per ogni indicazione. Ventasso Laghi per esempio merita una sua indicazione con nomenclatura completa, il Monte Ventasso è se vogliamo un'altra cosa così come ovviamente il Comune di Ventasso".

L'altezza del Monte Ventasso

"Il bellissimo Monte Ventasso misura 1.727 metri (come precisato da qualche visitatore) e non 1.657, come inciso sulla targa a terra nell'area inaugurata quest'anno alla Porta dei parchi presso il Passo del Cerreto. Premetto - afferma sempre Monnanni - la Porta del Parco creata sul Passo del Cerreto è a mio avviso ben fatta. La cartina della zona ben segnalata, la descrizione molto accurata, così come l'intera struttura compreso il bellissimo punto di veduta sporgente verso l'Alpe di Succiso. La porta del Parco sul passo del Cerreto è ubicata poi in un punto panoramico di particolare bellezza dell' Appennino, per cui nel caso fosse accertato l'errore, non saranno i 70 metri in meno imputati al Monte Ventasso a cambiare il parere su quest'opera, tuttavia... si dovrebbe ora rimediare".

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

5 Commenti

  1. Ringrazio per la pubblicazione, giusto una rettifica. La segnalazione relativa all’altezza del Monte Ventasso riportata sulla targa della Porta dei Parchi al Passo del Cerreto è datata settembre 2013, onestamente poi non ricordo con certezza se ci sia stato un intervento correttivo o meno, mi sembra di sì. La segnalazione odierna riguarda l’eventuale mancanza di indicazioni e cartellonistica stradale riferita al Comune di Ventasso nonchè all’omonimia e quindi alla necessità di precisare meglio la località di Ventasso Laghi e del Monte Ventasso, sempre sulla cartellonistica stradale. Grazie per l’attenzione.

    (Miriano Monnanni)

    Rispondi
  2. Scusate, se mi intrometto, ma possiamo dare il tempo necessario per cambiare cartelli stradali e altre cose? Non so se sapete che in Italia esistono ancora leggi relative al ventennio fascista e decreti del regno… e sono passati quasi 100 anni; se passano anche alcuni anni per cambiare cartelli indicatori non credo che sia un problema!

    (Massimo Carpineti)

    Rispondi
  3. Signor “Carpineti”, senz’altro il Comune di Ventasso avrà priorità diverse, non lo metto in dubbio, ma proprio perchè trattasi di cambiare dei cartelli stradali probabilmente più che anni, basterebbero poche settimane. Aggiornare la cartellonistica stradale di un territorio ha poi un’utilità pubblica, pensi sempre che dalle strade che lei percorre abitualmente e di cui conosce ovviamente tutto, passano anche turisti, magari stranieri, viaggiatori per lavoro al suo primo passaggio in zona… Chiarire, invece che confondere chi si trova a percorrere una strada, influisce anche a livello di percezione dell’interessato nei confronti del luogo stesso attraversato. Di questi tempi, forse, converrebbe dare una buona immagine del territorio, ognuno ovviamente per quanto di competenza, i motivi sono facilmente intuibili, almeno spero.

    (Miriano Monnanni)

    Rispondi
  4. Bisognerebbe sistemare le strade quasi impraticabili, i cartelli sono bagaiate che possono attendere e a proposito di turisti: sono poche manciate, qui può cambiare nome e cartello ma la sostanza è sempre la stessa, un Appennino svuotato e a mio avviso non ci saranno modi per ripopolarlo. Poveri noi e la nostra terra.

    (Anonimo)

    Rispondi
    • Poveri noi se la propensione al turismo è questa, tipica di molti, che considerano quelle evidenziate solo “menate”. Chiaro che conta asfaltare e sistemare la strade, ma l’accoglienza conta per dare l’idea di un luogo non in abbandono. Che poi siano una manciata i turisti non credo, e comunque potrebbero essere molti di più. Tra le altre cose faccio osservare che esistono ancora i cartelli stradali che indicano le località sciistiche di Appenninia e Ospitaletto, chiuse da anni ormai, non costerebbe molto toglierle, semplificando la cartellonistica ed evitando di dare comunicazioni fuorvianti. Credo peraltro che si dovrebbe ringraziare chi, come Monanni, si impegna tanto per segnalare problemi, ma anche per valorizzare le potenzialità turistiche del nostro Appennino.

      (Piansano)

      Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Powered by WordPress | Officina48