Sabotato il servizio di autobus pubblici nei pressi di Collagna e a Busana

img-20161024-wa0000Nella giornata di ieri, in due località dell’appennino reggiano, si sono verificati atti di sabotaggio ed intimidazione ai danni di Seta: l’azienda esprime la più ferma condanna per gli ignobili gesti ed ha immediatamente sporto denuncia contro ignoti, riservandosi altresì di attivare ogni ulteriore azione volta a tutelare l’incolumità dei propri dipendenti, dei passeggeri e la sicurezza generale del servizio offerto.

Nel primo caso, avvenuto alle ore 6,20 circa in località Schiocchi (frazione di Collagna), una corriera partita dal deposito di Castelnovo ne' Monti e diretta a Cerreto Laghi per prendere servizio, giunta in prossimità della casa cantoniera posta al km. 42,5 della strada statale 63 si è imbattuta in un ostacolo posto sull’asfalto, costituito da due assi di legno nei quali erano stati conficcati numerosi grossi chiodi che sporgevano per una lunghezza di circa 20 cm. Fortunatamente, il conducente della corriera si è accorto in tempo dell’ostacolo nonostante l’oscurità (nel tratto in questione non è presente illuminazione pubblica), riuscendo così a fermare il mezzo prima dell’impatto, che avrebbe senz’altro provocato quantomeno la foratura di tutti gli pneumatici o altre conseguenze anche peggiori. Una volta accostato il mezzo, l’autista ha rimosso i manufatti dalla carreggiata e li ha portati presso il deposito Seta di Castelnovo ne' Monti, dove sono attualmente custoditi a disposizione degli inquirenti.

L’altro episodio, dalle conseguenze materiali ancora più serie, è avvenuto alle ore 10,30 circa a Busana: una corriera parcheggiata al km. 52,6 della strada statale 63, in pausa tra due turni di servizio, è stata pesantemente danneggiata e resa inutilizzabile: ignoti hanno approfittato dell’assenza del conducente per forzare il vano motore, tagliare la cinghia degli alternatori e tranciare di netto il tubo dell’idroguida. Al di là del danno patrimoniale, ancora da quantificare, l’atto vandalico ha causato l’interruzione temporanea del servizio, costringendo Seta a predisporre la sostituzione del mezzo per ripristinare la corsa prevista.

A nome dell’azienda esprimo la più ferma condanna per queste azioni incivili, che non possono trovare alcuna giustificazione e che avrebbero potuto avere conseguenze molto gravi sia per il nostro personale sia per gli eventuali passeggeri dei mezzi” dichiara Vanni Bulgarelli, presidente di Seta. “Abbiamo denunciato senza esitazione i fatti ai Carabinieri di Collagna, ai quali offriamo la nostra più completa collaborazione. Non accetteremo alcun tipo di intimidazione e confidiamo che i responsabili vengano  rapidamente individuati”.

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

2 Commenti

  1. No Comment! Ma a che punto siamo arrivati? Oltre al danno materiale, pensate alle gravi conseguenze, che potevano provocare questo sabotaggi.

    (Enrico 60)

    Rispondi
  2. Ma le telecamere che sono state installate qualche tempo fa non hanno ripreso niente? Quella corriera rimane ferme qualche ora e da lì non passano milioni di auto.

    (Bacs)

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Powered by WordPress | Officina48