Home Homepage Il “Mandela” vincitore di progetti interculturali

Il “Mandela” vincitore di progetti interculturali

5
0

Riceviamo e pubblichiamo.

-----

Il logo

Nell’ambito dei progetti di mobilità europei, che mirano ad un’interculturalità dei nostri ragazzi e a un’identità transnazionale ed europea, c’è sul territorio un “maestro” (è proprio il caso di dirlo!): l’IIS Mandela di Castelnovo ne' Monti. La ragione di tutto questo? Innanzitutto l’impegno con cui ogni anno si prodiga nel cercare di far viaggiare i suoi studenti e far loro vivere queste importanti e formative esperienze. Ma da ultimo, e non in ordine di importanza (last but not least!), risaltano soprattutto i recenti successi. Allo stato attuale si parla di 3 progetti Erasmus+ nell’ultimo anno: uno appena terminato, uno in corso d’opera, ed uno inaugurato a fine 2016. 3 bandi europei vinti, su 3 bandi a cui ha partecipato negli ultimi 2 anni e mezzo. Un successo. La chiave di tutto questo? La passione ed abnegazione alla causa di un asso del mestiere: il prof. Ligabue, che lavora assiduamente per trovare i progetti giusti e riuscire a partecipare. Ma non solo: nell’ultimo progetto Erasmus+, i nostri ragazzi hanno vinto la gara sul logo che rappresenterà in Europa il progetto. Si tratta di una mobilità che mette al centro dell’attenzione e dello studio i nuovi media digitali, e un loro corretto e critico utilizzo. Il suo nome è Media Literacy, e il logo che ha vinto di fronte a tanti altri, provenienti da ogni nazione, è il nostro (in figura). È il frutto di un lavoro in team di alcuni studenti, che si sono confrontati con i loro professori e hanno dato con creatività il loro meglio nella rappresentazione grafica. In particolare l’autrice del disegno si chiama Sara Tosi, frequenta la terza agrario nell’Istituto, ed è una dei tanti studenti modello che partecipano al bando. È da ricordare inoltre che il progetto europeo coinvolge anche da scuole provenienti da altre nazioni: Estonia, Rep. Ceca, Slovacchia, Spagna, Turchia, Grecia, Romania, Croazia. Quest’ultima ospiterà alcuni fra i nostri ragazzi nelle prime settimane di aprile. Non ci resta che ringraziare l’Istituto e i nostri ragazzi e fare loro un vivo e sentito in bocca al lupo, per questo viaggio, e per una vita aperta e senza muri.

Viva l’Istituto Mandela, viva i nostri ragazzi!

(Prof. Leonardo Farhadi)