Silvano Scaruffi presenta “Le pecore si contano a maggio”

Riceviamo e pubblichiamo.

-----

Silvano Scaruffi - Le pecore si contano a maggio

Sa essere profondo, ma sa essere anche divertente. Parecchio divertente. Anzi, quando è in forma (spesso) è capace di farti ridere come uno scemo. Naturalmente sto parlando di Silvano Scaruffi, il “Philip K. Dick della Val d’Ozola”, come ho sentito dire a qualcuno al termine di una presentazione che abbiamo tenuto insieme in biblioteca a Reggio, l’inverno scorso. Ora che ci penso, è stata l’ultima volta che ci siamo visti di persona, io e Silvano. Alla fine, prima dei saluti, per ringraziarmi (“E di cosa?” mi verrebbe ancora da dire) mi ha regalato un suo libricino che è impostato come una specie di guida turistica di Ligonchio e delle varie tipologie di abitanti. Spassosissimo, neanche a dirlo. Ci siamo così lasciati ripromettendoci di rivederci in primavera, a maggio per la precisione, al termine di un periodo che si preannunciava importante sia per lui che per me. A maggio “avremo contato le pecore”, avremmo tirato le somme e fatto alcuni piccoli bilanci, insomma. Ed eccoci qui allora. Alla fine sarà giugno, non maggio, ma conta poco. Quel che conta è che sabato 17 alle 17,30 Silvano presenterà un nuovo romanzo nella nostra piccola libreria; appuntamento che ha voluto fissare diversi mesi prima e che sarà un’anteprima assoluta.

Silvano Scaruffi - Le pecore si contano a maggio

Questo naturalmente non può che inorgoglirci; sono proprio belle soddisfazioni quando un autore ti fa capire che ci tiene davvero a venire da te per esporre i suoi lavori. Ti fa pensare che forse qualcosa di buono lo stai anche facendo, tutto sommato. Con Silvano naturalmente ci sarà il mitico Emanuele Ferrari, editore di Abao Aqu; insieme formano una coppia che neanche Tognazzi e Vianello. Se li avete già visti all’opera, non potrete che essere d’accordo. Se non l’avete ancora fatto, dovreste rimediare al più presto. E allora vi aspettiamo tutti a Reggio in via Squadroni 10/a, in pieno centro storico, sabato 17 giugno. Vi avviso, Silvano ama sorprendere la gente, proprio come il proverbiale contadino dal cervello fino e dalle scarpe grosse; anche se a dir la verità il Nostro indossa spesso delle Adidas Gazelle che sono una meraviglia, altro che scarponi. Insomma come direbbe lui: smettetela di girotlare, e venite a passare un bel pomeriggio diverso dal solito, perché con Silvano Scaruffi - è non una frase fatta - Non ci si annoia mai.

(Andrea Gibertoni Miskatonic University Bookstore)

* * *

Territorio

Silvano Scaruffi

Scrivo da un avamposto di confine, selvatico, montano, inaccessibile. Di popoli aggrappati a costoni rocciosi, compatti, taglienti. Un tempo erano i clan a coagulare la vita, le fonti a dissetare,  riti, battaglie, fame, scomparire nelle selve, selvaggia matrigna montagna  a dettare tempi, funesta cupa frondosa foresta a riparare. Oggi, con leggi calate dall’alto, confini sempre mutevoli, fusioni in prospettiva disgregativa, rimane poco, se non l’ostinazione, la consapevolezza di essere parte del displuvio, come i massi, i faggi, le alture, le salamandre.

Scrivo di una nazione a sbalzo sul vuoto, di un mondo lasciato a se stesso, avvelenato nelle idee, obbligato a dissipare  lingua e folclore. Un mondo che vive di ritmi arcaici, gesti saggi, presidio umano in ettari di primitiva natura.

Siamo i fautori di una rappresaglia contro noi stessi,  ma le radici sono ben più profonde, che terra di confine, di passo e d’invasioni lo saremo sempre, che un tempo ne deportarono settemila, che molti piuttosto che in catene si lasciarono schiantare dagli Schiocchi, che altri rimasero. Tutto attorno è incertezza, l’andare del tempo, lo spopolamento, nello sfibrato abbandono. Siamo ancora vivi, perché siamo deriva. Siamo ancora qua perché siamo tradizione, e la tradizione è rivoluzione permanente.

“Le pecore si contano a Maggio” trae la sua sfrantumatezza  da frontiera, colonizzazione, deriva,  solchi entro i quali da secoli agonizza la vita di crinale. “Le pecore si contano a Maggio” è altresì una lunga riflessione sul tempo. “Le pecore si contano a Maggio” è singulto schizofrenico di irrequieta vita paesana, di varchi temporali, bande criminali, misteriose sparizioni, intrighi vegetali, morti forzate, creature antennute, esistenze spappolate, di gente sempre vinta sempre ribelle.

(Silvano Scaruffi)

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Powered by WordPress | Officina48