Prima proiezione pubblica a Casina del film “La rugiada di San Giovanni”

Il cinema estivo di Effetto Notte nel Parco Pineta ospita giovedì 13 luglio p.v. alle ore 21,15 la proiezione del recente film prodotto e diretto da Christian Spaggiari, con la sceneggiatura di Samanta Melioli, che ripercorre le note vicende accadute nei giorni fra il 22 e il 24 giugno del 1944 nella frazione di Bettola, fra i comuni di Casina e Vezzano sul Crostolo, che si conclusero con la morte di 32 innocenti.

La pellicola, che si può fregiare delle musiche di Beppe Carletti, fondatore dei Nomadi, è stata girato in buona parte nel comune di Casina, per la precisione nella frazione di Migliara e si basa sul libro “Il nazista e la bambina” di Liliana Manfredi, superstite undicenne della strage, tuttora commossa testimone dei fatti accaduti oltre settanta anni fa.

Alla proiezione, a cui sarà possibile accedere alle consuete condizioni del cinema estivo di Casina, 4 euro biglietto unico oppure gratuito per i soci di Effetto Notte (tessera 15 euro), saranno presenti sia il regista Spaggiari che la sceneggiatrice Melioli.

Maggiori dettagli all’indirizzo web www.effettonotte.it, telefonando al 349 44 33 017 oppure sulla pagina Facebook Pineta Casina - EffettoNotte.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

2 Commenti

  1. Ho visto il film parecchi mesi fa, quando era appena uscito, insieme a mio marito e ai nostri bimbi. Noi viviamo a Bettola e dunque è stato parecchio emozionante e coinvolgente vedere questa rappresentazione curata e quasi nostalgica della vita quotidiana in questi luoghi e in un altro tempo. Il film è molto “forte” e travolge dal punto di vista emotivo, ma vale la pena, per la memoria e per affondare le nostre radici più in profondità. Complimenti a Christian Spaggiari e Samanta Melioli!

    (Barbara Bonacini)

    Rispondi
  2. Sono nato un po’ di anni dopo i tragici fatti. La barbarie che si fa uomo, colpendo innocenti senza alcuna colpa. Complimenti al giovane regista perché racconta la nostra storia, va anche detto, tuttavia, che è stata un’incauta operazione partigiana. L’orrore e colpe dei tedeschi rimangono comunque.

    (MA)

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48