Salvare la possibilità di nascere in Appennino / Dalla fiaccolata un incendio

Pare proprio che i giorni che passano anzichè spegnere le proteste vedano il loro crescere. Peggio (per coloro che hanno deciso la soppressione del reparto "più vitale" di un ospedale - nello specifico il nostro "S. Anna" - qual è quello deputato a far nascere nuovi esseri umani): esse, le proteste, si stanno ingrossando e strutturando. Altro che rassegnazione. E così, complice la "rete" come punto d'incontro delle istanze, della rabbia, dell'indignazione, della contrarietà popolare a "questa politica", si è formato un gruppo che si è chiamato “Montagna RE–Esiste, diritto di nascita montanara". Di seguito il loro comunicato, che si configura già come prima base di lavoro, un piccolo "manifesto" insomma, per le iniziative prossime che si riterrà di intraprendere per contrastare questa deriva.

-----

In seguito al rifiuto della Regione Emilia-Romagna di concedere la deroga al punto nascite dell’Ospedale Sant’Anna del capoluogo montano, decretandone così la chiusura, nasce un nuovo movimento deciso ad opporre una forte resistenza contro quella che, trasversalmente sull’intero territorio, viene vissuta come una decisione discriminante e antidemocratica.

Il gruppo si è radunato attorno alla rabbia espressa da alcuni cittadini della montagna, concretizzandosi inizialmente nella realizzazione di una pagina Facebook che nel giro di poco più di ventiquattr’ore è passata da 50 a 6000 iscrizioni. Un piccolo fuoco che sta, nel giro di poco tempo, appiccando un vero e proprio incendio.

Siamo consapevoli, fanno sapere gli amministratori, che la rabbia di un intero territorio si sta concentrando e sta prendendo corpo. Abbiamo lanciato in rete un appello, una richiesta di partecipazione che è già stata raccolta da più di 6000 persone. Bisogna quindi subito sgomberare il campo dall’idea che si tratti di un gruppo slegato dalla vita politica e civile collettiva e prendere atto che si è appena formata quella che a ragion veduta consideriamo la vera novità politica degli ultimi anni, con cui la politica, quella dei livelli progressivi, dovrà presto fare i conti.

Noi ci schieriamo al fianco di altri comitati, come "Salviamo le cicogne", che da anni stanno lottando per opporsi a questa deriva antidemocratica che baratta i diritti fondamentali dell’uomo con i bilanci dell’azienda-Stato, con la volontà di lottare insieme, di non arrendersi, di opporre una strenua resistenza e di ottenere il risultato per cui abbiamo sentito il bisogno di unirci.

Abbiamo le idee chiare e siamo pronti a mettere in atto le strategie di opposizione e di disobbedienza civile che riterremo più efficaci per raggiungere il nostro scopo. Abbiamo ricevuto adesioni da più parti, compresa quella di alcuni avvocati che si sono detti disposti a seguirci per meglio individuare le azioni più efficaci da portare a termine. A breve ci incontreremo tutti, pubblicamente, per presentare i piani che stiamo preparando.

Quindi ci rivolgiamo a quanti hanno creduto che una fiaccolata fosse il massimo di protesta cui sarebbero andati incontro: noi ci siamo, siamo qui e siamo più forti di prima. E al presidente della Regione Bonaccini comunichiamo che la questione del punto nascita è tutt’altro che chiusa!

Il logo del gruppo

Avete provato a impallinare le cicogne, ma non ci siete riusciti; non avete ammazzato la lotta. Anzi, ci avete fatti più forti e numerosi. Per questo, e solo per questo, vi diciamo grazie di cuore!

Vogliamo andare controcorrente, a bracciate vigorose. Nel tempo dell’a-politica, dove persino i partiti sembrano tenere la parola lontana dal corpo per vestire i logori panni del nuovo, nel grande mercato elettorale delle vacche, noi affermiamo il primato dell-A Politica. Vogliamo riappropriarcene, muovendoci come soggetti attivi. Il nostro gruppo è totalmente A-partitico, questo sì, e vuole raccogliere sotto la bandiera dell’unità chiunque sia disposto a lottare per il fine comune: riprendersi il reparto nascite e bloccare il piano spudorato di tagli che sta smantellando pezzo dopo pezzo la nostra sanità pubblica.

Siamo consapevoli che la nostra lotta è la lotta di tutti. Questa politica di tagli che sta investendo i territori più disagiati (quasi sempre di montagna, ma non solo) è il sintomo di una malattia più grande che sta divorando le basi del vivere democratico e costituzionale dell’intero paese. Per questo ci siamo aperti, e ci apriremo ancora di più, ad altri territori, con la volontà di allargare il fronte della lotta.

La chiamata è ancora aperta. Arde chiara e cristallina. Siete tutti coinvolti.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

88 Commenti

  1. Iniziativa interessante e nella quale si nota un certo spessore, non trascurabile, di consapevolezza politica. Tuttavia credo che difficilmente porterà a una inversione di rotta, anche perché, per avere un minimo di chance, è necessario, per lo meno, agire a livello europeo. Agire sul semplice piano nazionale è fallimentare: sappiamo tutti come si è conclusa la sfida di Tsipras qualche anno fa in Grecia: con un Paese completamente in vendita, dalle ferrovie agli aeroporti, in nome del pareggio di bilancio dello Stato (azienda).

    (Un cittadino)

    Rispondi
  2. Io ci sono!

    (Antonio D. Manini)

    Rispondi
  3. Bonaccini, la questione è apertissima.

    (Mattia Rontevroli)

    Rispondi
  4. Bonaccini, la questione è apertissima!

    (Nicola Tarlanda)

    Rispondi
  5. Bonaccini, la questione è apertissima!

    (Massimiliano Genitoni)

    Rispondi
  6. Occorre combattere per i nostri diritti. W le Cicogne, W la resistenza.

    (F.D.)

    Rispondi
  7. Bonaccini, la questione è apertissima!

    (Damiano Pignedoli)

    Rispondi
  8. Bonaccini, la questione è apertissima!

    (Fc)

    Rispondi
  9. Convinti che fosse un gioco a cui avremmo giocato poco, provate pure a credevi assolti, siete lo stesso coinvolti.

    (MB)

    Rispondi
  10. Bonaccini, la questione è apertissima!

    (Pierangela)

    Rispondi
  11. Bonaccini, la questione è apertissima!

    (Umberto Gianferrari)

    Rispondi
  12. Bonaccini, la questione è apertissima!

    (Cristiano Giampellegrini)

    Rispondi
  13. Bonaccini, la questione è apertissima!

    (MA)

    Rispondi
  14. Bonaccini, la questione è apertissima.

    (Kella)

    Rispondi
  15. Per rispondere ad “un cittadino”: grazie per le sue delucidazioni ma, vede, noi montanari abbiamo il difetto di badare più alla pratica che alla grammatica. Le battaglie non ci spaventano, le sconfitte nemmeno. E’ la nostra vita di tutti i giorni. Quel che ha citato è molto lontano. Intanto rimbocchiamoci le maniche per risolvere l’immediato. Non ci riusciremo? Può darsi, almeno avremo provato e ci riproveremo. Mi piace molto il progetto che si va consolidando, purchè i partiti ne restino fuori. Per la difesa del nostro ospedale (che sarebbe bello ribattezzare Ospedale dell’Appennino” S. Anna”), per la tutela dell’ambiente, per la promozione e lo sviluppo del territorio, per la salute e la sicurezza dei suoi cittadini, io ci sto.

    (Mgc.)

    Rispondi
  16. Io ci sono.

    (Roberto Malvolti)

    Rispondi
  17. Grandissimi, abbasso il rosso! Abbasso il regime. W la montagna!

    (Montanara come tante)

    Rispondi
  18. Io ci sono!

    (Elisa Medici)

    Rispondi
  19. Bonaccini, la questione è apertissima.

    (Fabio Gaccioli)

    Rispondi
  20. Bonaccini, la questione è apertissima!

    (Daniela Lusetti)

    Rispondi
  21. Bonaccini, la questione è apertissima!

    (Michele Lombardi)

    Rispondi
  22. Bonaccini, la questione è apertissima.

    (Alex Ceretti)

    Rispondi
  23. Bonaccini, la questione è apertissima.

    (Francesca)

    Rispondi
  24. Bonaccini, la questione è apertissima.

    (Nuccia)

    Rispondi
  25. Correre lungo una statale con una donna partoriente è un rischio per la paziente, per gli operatori, per i cittadini. Lasciare 4 centri nascite in pianura e togliere l’unico a 45 km di strada è insensato, inutile e molto pericoloso. Combattere per questa opportunità non è solo un diritto di noi montanari, ma un dovere. Non lasciate che questo accada, non lasciate che tutti i comuni della montagna debbano sottostare a questa pazzia, questa follia dettata dai soldi e dagli interessi. Sono questi i casi dove combattere per i nostri diritti.

    (Erminio)

    Rispondi
  26. Signor Bonaccini, la questione è ancora aperta.

    (Maria)

    Rispondi
  27. La questione è aperta, cerchiamo di partecipare e non solo di scrivere. Il consiglio rosso deve dimettersi, facciamo vedere da veri montanari la partecipazione al di là del rosso, nero, giallo. L’identità montanara ce l’abbiamo tutti; io ci sono, da RSU aziendale e spero che quelli che scrivono passino dalle parole ai fatti.

    (Pinna)

    Rispondi
  28. Bonaccini, la questione è apertissima!

    (Angela Delucchi)

    Rispondi
  29. Bonaccini, la questione è apertissima.

    (Valentina Rontevroli)

    Rispondi
  30. Credo che far sentire la propria voce per difendere il proprio territorio sia giusto, anzi doveroso!

    (Lolly)

    Rispondi
  31. Bonaccini, la questione è apertissima!

    (Loretta Pelliciari)

    Rispondi
  32. Bonaccini la questione è apertissima

    (Andrea Poletti)

    Rispondi
  33. Bonaccini, la questione è apertissima.

    (Roberta)

    Rispondi
  34. Bonaccini, la questione è apertissima!

    (Sandra Pinelli)

    Rispondi
  35. I veri montanari sono quelli che non si arrendono e noi non ci arrendiamo! La questione non solo è aperta, per noi è spalancata; non si parla solo di un servizio, ma di un diritto!

    (Sara Lombardi)

    Rispondi
  36. Signor Bonaccini, la questione è apertissima.

    (Sandra Belli)

    Rispondi
  37. Bonaccini, la questione è apertissima! Sono nata a Castelnovo ne’ Monti, sono montanara, sono fiera di esserlo e non sono da meno!

    (Monica Magliani)

    Rispondi
  38. Bonaccini, la questione è ancora apertissima!

    (Chiara Capanni)

    Rispondi
  39. La questione è apertissima!

    (Francesca Russo)

    Rispondi
  40. Bonaccini, la questione é apertissima.

    (Isabella Geti)

    Rispondi
  41. Bonaccini, la questione è apertissima!

    (Stefano Regio)

    Rispondi
  42. Bonaccini, la questione è apertissima!

    (Jessica Morelli)

    Rispondi
  43. Bonaccini, la questione è apertissima.

    (Ornella Coli)

    Rispondi
  44. Bonaccini, la questione è apertissima, viva i montanari!

    (Gabriella Bolondi)

    Rispondi
  45. Bonaccini, la questione non è chiusa!

    (Evelina Tognetti)

    Rispondi
  46. Bonaccini, la questione è apertissima, eccome!

    (Sandra Gaccioli)

    Rispondi
  47. Bonaccini, la questione è apertissima!

    (Dona)

    Rispondi
  48. Bonaccini, la questione è apertissima!

    (Matilde Corsini)

    Rispondi
  49. Bonaccini, la questione è apertissima!

    (Evelina Tognetti)

    Rispondi
  50. Bonaccini, la questione è apertissima!

    (Luca Ganapini)

    Rispondi
  51. Signor Bonaccini, la questione è apertissima!

    (Federzap)

    Rispondi
  52. Signor Bonaccini, la questione è apertissima. Spalancata direi! Non ci arrendiamo.

    (Francesca D.)

    Rispondi
  53. Aperta come la nuova galleria del Bocco, la questione, signor Bonaccini. A proposito: ora sarebbe più semplice per un ginecologo raggiungere Castelnovo, invece di far viaggiare la partoriente.

    (Normanna Albertini)

    Rispondi
  54. Caro Bonaccini, la questione è apertissima!

    (Roberto Giorgini)

    Rispondi
  55. Bonaccini, la questione è apertissima! Noi montanari non ci facciamo intimidire da nessuno!

    (Emma Bombardi)

    Rispondi
  56. Bonaccini, la questione è ancora apertissima!

    (Alle)

    Rispondi
  57. Bonaccini, la questione è apertissima.

    (Cinzia)

    Rispondi
  58. Bonaccini, la questione è apertissima!

    (Carmen)

    Rispondi
  59. Spero che ci ricorderemo tutti alle prossime elezioni, cari politici!

    (Jmmy)

    Rispondi
  60. Bonaccini, qui di chiuso ci sei solo tu, ma di mente!

    (Pamela Ielli)

    Rispondi
  61. Bonaccini, non faccia il bonaccione, non stiamo giocando: la questione è più che mai aperta,

    (Partigiana Jane)

    Rispondi
  62. Riaprite il reparto e dag a dree.

    (Gabriele Rossi)

    Rispondi
  63. Bonaccini, la questione è apertissima.

    (Nicola)

    Rispondi
  64. Bonaccini, la questione é apertissima!

    (Michele Dallari)

    Rispondi
  65. Bonaccini, la questione è apertissima!

    (Cate)

    Rispondi
  66. Bonaccini, la questione è apertissima!

    (Debora Francia)

    Rispondi
  67. Nessuno farà morire la nostra amata montagna!

    (Ivi)

    Rispondi
  68. Discriminati perché minoranza e pure presi per fessi (lo facciamo per il vostro bene…). Bonaccini e soci, la questione non sarà mai chiusa!

    (Laura Ferretti)

    Rispondi
  69. Cominciate intanto col prenotarvi per martedì, così gli si può dire in faccia al signor Bonaccini che la questione è ancora aperta!

    (Antonio D. Manini)

    Rispondi
  70. Bonaccini, la questione è apertissima!

    (Simona)

    Rispondi
  71. Bonaccini, la questione è apertissima!

    (Gemma Tomirotti)

    Rispondi
  72. Bonaccini, la questione è ancora aperta!

    (Francesco Dalla Porta)

    Rispondi
  73. Bonaccini, la questione è apertissima!

    (Laura Grassi)

    Rispondi
  74. Bonaccini, la questione è apertissima!

    (Linda Felici)

    Rispondi
  75. Bonaccini, la questione è apertissima.

    (Roberta Castagni)

    Rispondi
  76. Se ci vogliono riserva indiana, benissimo: Bonaccini, tu sarai il nostro generale Custer.

    (MA)

    Rispondi
  77. Bonaccini, la questione è apertissima!

    (Veneranda Cribaro)

    Rispondi
  78. Bonaccini, non ci arrenderemo, il caso non e chiuso.

    (Simone g)

    Rispondi
  79. La questione è apertissima.

    (Cristina Gambarelli)

    Rispondi
  80. Bonaccini, la questione è apertissima!

    (Alessandra Iacopetti)

    Rispondi
  81. Ci sono anch’io, ma aggiungerei la richiesta di dimissioni della ministra Lorenzin. Lei che parla sempre con orgoglio del suo parto gemellare, ha una bella faccia tosta!

    (Alessandra Casarini)

    Rispondi
  82. Bonaccini, la questione è apertissima!

    (Joppa)

    Rispondi
  83. Io ci sono e pronto per non fare morire la montagna!

    (Il Grillo Parlante)

    Rispondi
  84. La soppressione del punto nascite é una vergogna.

    (Tina Guidetti)

    Rispondi
  85. Bonaccini, la questione è ancora apertissima!

    (Elisa Albertini)

    Rispondi
  86. Sono con voi.

    (Riccardo Varini)

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Powered by WordPress | Officina48