Studenti in protesta per la chiusura del reparto di maternità: il fotoracconto

La protesta degli studenti (Foto apparsa su vari profili facebook)

Questa mattina gli studenti dell’istituto superiore “Cattaneo-Dall’Aglio” di Castelnovo ne’ Monti hanno messo in atto un corteo per esternare la loro vicinanza verso il reparto di ostetricia e la loro disapprovazione verso la chiusura dello stesso.

Sono stati ricevuti in sala consiliare dal sindaco Enrico Bini con l’assessore Chiara Borghi.

“Ritengo sia stato un momento estremamente positivo: ringrazio i ragazzi, e faccio loro i complimenti perchè hanno dimostrato grande compostezza, voglia di partecipazione, impegno civile, desiderio di rendersi protagonisti del loro futuro”. Così il Sindaco di Castelnovo Monti, Enrico Bini, commenta la manifestazione a sostegno dell'Ospedale Sant'Anna e contro la chiusura del Punto nascite, manifestazione che questa mattina ha portato centinaia di ragazzi, partiti dalle scuole superiori di via Matilde di Canossa, fino in Municipio, dove hanno avuto un colloquio con lo stesso primo cittadino nella sala Consiliare. “Erano davvero tantissimi – afferma Bini – ma nessuno si è lasciato andare a slogan aggressivi o grida scomposte, nessun tono offensivo ma anzi la voglia di capire come poter contribuire in questa fase alla salvaguardia e lo sviluppo dell'Appennino. La situazione dell'Ospedale è stata la base per un dialogo che poi si è allargato a domande e richieste sulle loro prospettive di futuro in questo territorio, del quale capiscono bene sia i problemi che le potenzialità. Ho chiesto loro di continuare ad essere interessati e impegnati, di partecipare all'importantissimo percorso che ci vede protagonisti nell'ambito della Strategia nazionale per le Aree Interne, che nei prossimi giorni vivrà momenti di fondamentale importanza, e di mantenere questo spirito e desiderio di protagonismo: ne abbiamo assoluto bisogno, è la spinta che deve essere alla base di ogni nostro intervento, e questo dialogo è stato per me davvero rinfrancante”.
Dopo l'incontro in Municipio, i ragazzi hanno tenuto un sit-in in piazza Unità d'Italia, nel centro storico di Castelnovo, e per molti anni in passato teatro delle principali iniziative politiche e civili del paese.

Tutto è avvenuto con ordine e rispetto delle cose e delle persone.

Le foto e i filmati stanno girando sui social, eccone alcune.

Video di Debora Cattozzi

Pubblicato da Debora Cattozzi su Domenica 15 ottobre 2017

 

 

 

 

 

 

 

(Foto di Robertino Ugolotti e Associazione Centro Storico Castelnovo ne' Monti - commercianti e cittadini)

 

* * *

Articolo di presentazione della manifestazione

Punto nascite del S. Anna / Lunedì 16 ottobre gli studenti dell’Istituto “Cattaneo-Dall’Aglio” scenderanno in piazza per manifestare

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

9 Commenti

  1. Siete meravigliosi!

    (Alle)

    Rispondi
  2. Bravi, insistete, studiate la montagna e i suoi problemi, il mondo in cui vivete, indagate, approfondite, discutete, proponete, reclamate, chiedete con forza, divertitevi a costruire la vostra città, insomma partecipate alla vostra vita dal vero! Mamma mia quanti imperativi, sembro quasi una vecchia prof in pensione! Ma mi piace pensare che il vostro interesse voglia andare oltre questo giorno e questo momento, che pure già mi dà molta gioia. Grazie, buon lavoro.

    (Giovanna Caroli)

    Rispondi
  3. Non serve a niente, il Od ha già deciso! Siamo una riserva indiana, bella la commedia dei nostri politici, se occorresse andrebbero anche a servire la messa!

    (Onny)

    Rispondi
  4. Sono orgogliosa di essere montanara e sono molto orgogliosa di questi giovani ragazzi di montagna. Grazie per il vostro entusiasmo. Un grazie di cuore anche al comitato “Salviamo le Cicogne” che in questi anni hanno lavorato sottraendo tempo alle loro famiglie e continuano a dar voce a chi non può parlare. La nostra montagna è splendida, non permettiamo che la distruggano.

    (Roberta)

    Rispondi
  5. Bravissimi ragazzi, sono felice che anche i ragazzi lottino per tutelare il nostro ospedale.

    (Simone g)

    Rispondi
  6. Grazie, ragazzi, la vostra manifestazione è stata importantissima. Avete dimostrato di essere bene organizzati, determinati, di avere le idee chiare riguardo la decisione sul Punto Nascita e le sue gravi conseguenze, di avere un grande senso di appartenenza ad un territorio dove ci si deve impegnare tutti, politici, cittadini, istituzioni per avere una buona qualità di vita e potere progettare il proprio futuro. Complimenti, ragazzi!

    (“Insieme per il S. Anna”)

    Rispondi
  7. Bravi ragazze e ragazzi, il futuro è nelle vostre mani. Tocca a voi provare a cambiare quello che non va e quello che non vi piace in questo mondo. La lotta che si perde è quella che non si combatte. Buona vita!

    (Monja)

    Rispondi
  8. Che abbia “imparato” che la politica non sia il suo mestiere e si sia dato alla fotografia? Splendidi ragazzi, se fosse così, avreste già cambiato il mondo!

    (Mv)

    Rispondi
  9. Condivido gli apprezzamenti di Giovanna Caroli! Ragazzi, perchè non costituite un vostro comitato a tutela e difesa del nostro territorio? Con buona pace di chi pensa che la scuola sia solo sui banchi e senza escludere tutta la teoria necessaria per affrontare a livello conoscitivo ciò che serve per diventare esperti dell’ambiente, sarebbe bello che tanto entusiasmo non si concludesse con una manifestazione peraltro ben riuscita! Conoscere in maniera approfondita il nostro Appennino, la sua storia, le peculiarità e le fragilià, saperne valorizzare i luoghi anche oltre quello che è il monumento simbolo, la Pietra di Bismantova, essere disponibili a “regalare” parte del proprio tempo (magari durante i mesi estivi) per attività di monitoraggio del territorio, di prevenzione ed informazione circa i fenomeni naturali che condizionano la nostra vita in Appennino, eventualmente affiancati ed istruiti dagli enti già preposti quali la Protezione Civile (e perchè no anche la scuola?), sarebbe splendido ed oltre ad approfondire la conoscenza/rispetto dell’ambiente che produce frutti altamente educativi, potreste forse aprirvi ad un ventaglio di possibilità lavorative “in loco”. Sono solo alcune idee da chi è rimasto molto colpito dalla vostra partecipazione, ma saprete da soli quel che desiderate fare. Bravi!

    (Mgc.)

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48