Lettura scenica dedicata alla figura di Pietro Manodori

Pietro Manodori

Iniziativa originale e interessante quella in programma  sabato 17 febbraio, alle ore 18, nella sala concerti dell'Istituto “C. Merulo” di Castelnovo ne’ Monti. Si tratta di una lettura recitata a cura della compagnia teatrale “Il Fortunale” della graphic novel Pietro Manodori”. Si tratta di una storia illustrata, realizzata da Francesco Vacca e Carlo Rispoli, su soggetto di Alberto Guarnieri e Leopoldo Barbieri Manodori, dedicata al sindaco di Reggio dell'800, ma anche filantropo e fondatore di diverse realtà che poi hanno segnato il futuro della città.

La narrazione di sabato sarà diretta da Guglielmo Del Sante, accompagnato al pianoforte da Cristina Calzolari. Reggio Emilia è famosa non solo per aver dato i natali al Tricolore. Nella città emiliana ci sono scuole per l’infanzia tra le migliori del mondo. Che hanno un “padre” nato duecento anni fa (a Valestra di Carpineti, nel 1817). Pietro Manodori, fondatore di scuole, di banche, sindaco, antagonista dei privilegi di vecchi notabili, ha attraversato la storia della sua città e dell’educazione infantile in modo avventuroso, combattendo in nome del progresso e della solidarietà. La sua vita, avvincente come un romanzo, nata da una leggenda e finita nella storia, è l’oggetto di questa rappresentazione e della lettura che si terrà, come detto, alla sala concerti del “Merulo”.

Per informazioni: Biblioteca comunale “R. Crovi”, tel. 0522610204, mail biblioteca@comune.castelnovo-nemonti.re.it.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Un Commento

  1. Leggendo queste righe mi è tornata alla mente la mia frequentazione dell’Asilo Manodori, in via Mari, nei primissimi anni del dopoguerra, e la vivace esuberanza di noi bambini, durante il mattutino tragitto verso Palazzo Mosti, che si trasformava in silenzio e compostezza nel momento in cui ne varcavamo la soglia, entrando in un atrio che nei miei ricordi era dominato da una grande scala.

    P.B. 17.02.2018

    (P.B.)

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Powered by WordPress | Officina48