Cavalese (TN) riapre il punto nascite? La nostra Regione si attivi per chiedere la stessa cosa per Castelnovo ne’ Monti

Riceviamo e pubblichiamo 

L'Adige 10/10/2018

Da notizie Ansa sembrerebbe che la Commissione Nascite nazionale abbia  accolto la richiesta tesa  ad ottenere la riapertura del punto nascita dell’Ospedale di Cavalese,  in  Val di Fiemme.

Dal comunicato ANSA  si evince che sono state accolte le richieste di tale  Commissione per poter rimettere in funzione detto Reparto, sia dal punto di vista strutturale-organizzativo  che  sotto l’aspetto medico, il che non è per noi  privo di  interesse dal momento che riteniamo esservi una certa qual  analogia tra noi e Cavalese.

La riapertura di Cavalese è stata  annunciata a pochi giorni dalle elezioni provinciali in Trentino, ma al di là della tempistica  si  aprono in ogni caso  le condizioni  perché  nel 2019  quell’ Ospedale possa  rimettersi  a funzionare anche  come punto nascita,  andando così incontro alle esigenze ed aspettative di un territorio e dei suoi cittadini.

Noi dobbiamo attendere di conoscere gli ulteriori  dettagli per capire se  possa trattarsi  soltanto di  uno slogan elettorale  del sottosegretario Fraccaro o se invece vi siano  già gli elementi concreti per veder riattivato il punto nascita di Cavalese, ma è una verifica che la nostra Regione è in grado di fare sin  da ora, e celermente, e vale altrettanto per la nostra Amministrazione comunale.

Se infatti Cavalese è nelle condizioni di poter  riaprire, le nostre Amministrazioni dovrebbero chiedere fin da subito alla Regione di  attivarsi in due direzioni,  puntando da un lato a far sì che la Commissione Nazionale riconsideri la posizione dell’Ospedale di Castelnovo Monti, alla luce per l’appunto di quanto avvenuto a Cavalese.

In parallelo, occorre muoversi per fare in modo che la Conferenza Stato-Regioni riveda i criteri e i parametri  previsti  per i punti nascita di montagna,  onde consentirne la sopravvivenza anche quando non avessero a raggiungere  il numero dei 500 parti annui, stante  l’importanza che  un tale servizio riveste  per le popolazioni montane, una importanza che gli abitanti del nostro Appennino hanno cercato di far capire ai “governanti”  in tutte le possibile maniere.

Robertino Ugolotti e Daniele Valentini Consiglieri Comunali Lista civica “Progetto per Castelnovo ne' Monti”

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

5 Commenti

  1. Prendiamo atto che Robertino Ugolotti ha più coraggio del sindaco Bini nel voler chiedere alla Regione la revisione del giudizio ministeriale:
    “Se infatti Cavalese è nelle condizioni di poter riaprire, le nostre Amministrazioni dovrebbero chiedere fin da subito alla Regione di attivarsi in due direzioni, puntando da un lato a far sì che la Commissione Nazionale riconsideri la posizione dell’Ospedale di Castelnovo Monti, alla luce per l’appunto di quanto avvenuto a Cavalese.”
    A questo punto chiediamo a Ugolotti se ha maturato l’intenzione di rivedere il suo giudizio sull’appello che i Comitati hanno fatto l’8 giugno rivolto alla Regione. Nel caso attendiamo la sua firma.
    Comitato Salviamo le Cicogne
    Di.NA.MO

    #iostoconlecicogne
    #ritirnotraimonti
    #nonsolopuntonascita

    Nadia Vassallo portavoce comitati

    Rispondi
  2. La lista civica ha sempre mantenuto una posizione, ha votato in consiglio comunale il documento delle Cicogne , per asserendosi tra gli sconfitti della battaglia sul Punto Nascita , abbiamo sempre sostenuto di percorrere tutte le strade per la riapertura del punto nascita, impegno preso anche in campagna elettorale come candidato al Senato per la lista Civica Popolare Lorenzin, di modificare in Parlamento, l’accordo Stato -Regioni sul numero dei parti nelle aree interne e disagiate del territorio montano.
    Quindi non ho problemi ad aggiungere la mia firma a quella richiesta alla Regione.
    Credo che il percorso del governo, sia proprio di rivedere quel vincolo al fine di non creare cittadini di serie A .
    Sarà nostro e mio impegno sollecitare l’Ammistrazione Comunale a verificare le reali intenzioni della Regioni per dare risposte concrete al nostro Appennino
    Robertino Ugolotti consigliere comunale Lista Civica progetto per Castelnovo ne Monti

    Robertino Ugolotti consigliere comunale Lista Civica progetto per Castelnovo ne Monti

    Rispondi
  3. Non ho ovviamente la pretesa di essere nel giusto, ma io ritengo che politica e corpi sociali – e metterei tra questi anche i Comitati – siano espressioni della società che dovrebbero rimanere quanto più possibile distinte, anche perché i secondi possono funzionare da stimolo e da contrappeso rispetto alla prima (specie quando i Comitati nascono laddove la politica non sembra in grado di corrispondere alle aspettative dei cittadini, o dà l’impressione di non volerlo fare).

    Se i Comitati “arruolano” la politica, o viceversa, tale “dualismo” viene di fatto a cadere e anche l’operato dei Comitati, e il loro “potenziale”, rischiano di indebolirsi, e può esservi altresì il rischio di reciproche strumentalizzazioni, sempre a mio modesto parere, e mi sembrerebbe pertanto più efficace l’azione condotta sui due binari, dove ciascuno dei soggetti in campo fa la propria parte senza reciproche interferenze e senza confusione di ruoli (pur se l’obiettivo resta comune).

    P.B. 13.10.2018

    Rispondi
    • Trovo difficile confrontarmi su questo tema così delicato, che per anni è stato considerato tabù da una parte di addetti ai lavori, da trattare solo ed esclusivamente ai piani alti dell’azienda e della politica, e farlo per “difendere” l’operato di un comitato che ha sgomitato tra addetti ai lavori senza “arruolare” la politica e soprattutto senza farsi “arruolare”, dicevo trovo difficile farlo con chi si firma solo con una sigla.
      Il comitato non ha la pretesa di avere la verità in tasca ma ha sicuramente la coscienza pulita,

      Nadia Vassallo portavoce Comitato Salviamo le Cicogne

      Rispondi
  4. @P.B.
    Direi che la linea di principio che lei traccia è corretta e credo che i comitati abbiano dimostrato autonomia d’azione e di giudizio. L’appello che i comitati hanno rivolto alla Regione e hanno richiesto agli amministratori e alle forze politiche di sottoscrivere non è commistione ma la richiesta di un pronunciamento chiaro che ha diviso chi ha abbandonato la causa del Punto Nascita per difendere Bonaccini, Venturi e la giunta targata politicamente da quelli che si impegnano anche nella prossima legislatura, in caso di vittoria alle elezioni regionali, a riaprire il PN. Quindi schiena dritta e approccio sulle cose e non sulle appartenenze.

    Gianni Marconi

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Powered by WordPress | Officina48