Val d’Enza: parliamo d’acqua partendo dalla scienza. Appuntamento a Ciano

"Il governo della risorsa acqua in Val d'Enza, decisioni informate per l’adattamento ai cambiamenti climatici". È il titolo di una iniziativa prevista presso il Teatro Comunale di Ciano d’Enza, 26 gennaio 2019 ore 9.00.  "Nel contesto del Cambiamento climatico in atto da diversi anni - spiegano gli organizzatori - gli addetti ai lavori, mondo dell’agricoltura in particolare, sono impegnati nella gestione delle emergenze idriche e i ruoli politico-amministrativi ben poco hanno fatto in concreto per affrontare questa sfida. Anche nel territorio della Val d’Enza ancora oggi non si è riusciti a impostare un dibattito adeguato alla reale complessità del problema e molti preferiscono parlare di dighe invece di parlare di acqua".

"Per questo è urgente portare il confronto su riscontrabili basi scientifiche per dare subito risposte all’agricoltura con programmi e progetti nel rispetto dell’ambiente e delle esigenze delle comunità in base al presupposto che l’acqua è un bene collettivo prezioso e limitato. Il convegno intende mettere a fuoco i temi significativi e meritevoli di approfondimento per la redazione di piani e la realizzazione di interventi, in una cornice complessiva di buon governo delle risorse idriche. Alle qualificate relazioni in programma gli organizzatori hanno aggiunto uno spazio aperto ai contributi dei partecipanti per la più ampia condivisione delle proposte di gestione dell’acqua in Val d'Enza".

Tra i diversi relatori l'assessore regionale all'ambiente Paola Gazzolo.

Per informazioni

Progetto Ambiente - la nuova bonifica, (334.6599442, cangiari53@gmail.com)

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Un Commento

  1. Ma non ci posso credere… un altro convegno in cui si parlerà di acqua ma non bisogna parlare di diga… Mi inchino a tanta scienza in cui si parla di cambiamenti climatici, di agricoltura, di essere parsimoniosi nell’uso dell’acqua, dovremo infatti andare in bagno con una caraffina d’acqua perché lo sciacquone sono solo 12 litri di acqua buona che se ne vanno, ma da quel che posso leggere tra le righe c’è sempre il Po che ci può salvare. Meno male altrimenti ero pronto a una crisi isterica. Ma perché, Geniacci, non avete pensato che nel torrente Enza, dato che non serve a nulla, ci si può fare una bella superstrada e colleghiamo i due versanti, e fine a pensieri idioti ed inutili come la diga di Vetto.
    Spero comunque chi è preposto a decidere, se ha in mente di baipassare certe realtà, venga messo in un angolo, senza alcun compenso e sia dimenticato velocemente.

    Andrea Azzolini

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Powered by WordPress | Officina48