Caso Robert, interviene la Commissione Servizi Sociali di Castelnovo

In relazione alla segnalazione di Alessandro Davoli ( https://www.redacon.it/2019/03/07/aaa-sistemazione-cercasi/  ) interviene con una nota la Commissione Servizi Sociali del Comune di Castelnovo ne’ Monti.

“L’Amministrazione comunale, e successivamente la Commissione, hanno seguito il caso di Robert fin dal 2014, quando è arrivato sul territorio di Castelnovo ne’ Monti.

Da subito, in collaborazione con la Parrocchia di Castelnovo, erano stati proposti a Robert percorsi di inserimento, anche attraverso l’intervento di mediatori culturali, ed erano state raccolte informazioni sulla sua famiglia, composta dal padre e fratello, tutti pastori evangelici. Ma Robert non ha voluto affrontare questi percorsi, e senza mai chiedere nulla al Comune ha continuato a praticare quella che ha spiegato essere la sua missione: da Reggio, dove risulta tuttora residente, si è trasferito a Castelnovo per annunciare la parola di Dio, e non ha mai chiesto nulla al Comune.

L’Amministrazione comunale gli è comunque stata vicina interessandosi alla sua situazione particolare, ma senza che fosse mai necessario utilizzare fondi per assisterlo.

In quest’ultimo periodo, operando in contatto con le forze dell’Ordine e la Direzione del supermercato di via Monzani, si è scelto di intervenire su un contesto che non riguardava soltanto il decoro pubblico ma anche questioni di sicurezza: Robert aveva allestito il suo giaciglio, con numerosi, grandi scatoloni, in prossimità dell'ingresso di una sala riunioni e lungo un percorso di deflusso dal supermercato in caso di emergenza.

Le sue cose, che oggettivamente ostacolavano il transito delle persone, sono state prelevate e spostate nel magazzino comunale, dopo aver informato preventivamente Robert che ha comunque la possibilità di accedere agli scatoloni, e che come nelle altre occasioni intende spedirli al padre e al fratello predicatori non appena troverà il modo di farlo”.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

4 Commenti

  1. Scusate ma se un candidato a sindaco non arriva a capire certe tematiche, che si notano anche dalla foto. Il futuro candidato sindaco conosce le regole più elementari della sicurezza sugli incendi?
    E poi al signor Robert sono state proposte tantissime opportunità, giusta la scelta del comune di aver agito nell’interesse della comunità.

    E. Zini

    Rispondi
  2. Gentile signor Zini, il suo commento non mi stupisce per nulla. Lei si esprime in un italiano approssimativo, e produce un “anacoluto”. (Se non sa cos’è vada a leggersi un libro di grammatica italiana). Anacoluto che è alla base del suo ragionamento zoppicante anche sotto il profilo logico. Lei inizia con una certezza che è evidentemente offensiva: “se un candidato sindaco non capisce …” Va da se che chi ha segnalato, il candidato sindaco Alessandro Davoli, non solo ha capito benissimo qual è il reale motivo della vicenda, ma non ha scritto tutto al riguardo, per non mettere in eccessivo imbarazzo sia il comandante della Polizia Municipale sia l’amministrazione Bini.
    L’intervento della polizia municipale, due agenti piu’ il comandante Musiari, è irregolare e fuori dalle norme. Come è irrituale la disposizione dell’amministrazione all’intervento di una cooperativa. Cooperativa che si è occupata del trasloco di beni di un privato, da un’area privata, con deposito degli stessi in un magazzino comunale. Non mi risulta che tra i compiti dell’ente vi sia anche il trasloco e la custodia di effetti personali, su richiesta di privati. A spese delle casse comunali. Questo per quanto riguarda le norme. Poi vi è l’aspetto umano. Nessuno ha chiarito qual è lo status di Robert. È un rifugiato e quindi ha diritto alla protezione e all’accoglienza da parte dello Stato, oppure non ha permesso di soggiorno e quindi è a Castelnovo Monti come clandestino? Se ha diritto all’accoglienza, non deve dormire in un giaciglio precario, ma dovrebbe essere ospitato adeguatamente e possibilmente, per integrarlo nella comunità, avere un contratto di lavoro. Se non ha permesso di soggiorno, o lo si regolarizza o si avvia un iter per l’espulsione. Risiede a Castelnovo Monti da cinque anni, e solo ora, a ridosso delle amministrative di maggio, si attua un intervento …? Tra l’altro fastidio e allarme sociale lo procurano ai nostri anziani i mendicanti organizzati, di origine africana, che un furgone provvede a scaricare a Castelnovo e Felina davanti ai diversi supermercati, Questi attuano spesse volte un accattonaggio molesto, mentre Robert si limita a pregare e sorridere. Però lo fa alla Coop, cosa che, forse, alla nuova direzione non è gradita. Vede, io non ho le certezze che lei ha, ho posto una questione, alla quale non sono state date risposte convincenti. Anzi, pure l’intervento della Commissione Servizi Sociali è dubbio: la commissione non si è riunita, i membri non sono stati convocati, non esiste verbale in merito all’intervento eseguito due giorni fa (questo mi è stato detto chiaramente da un consigliere comunale membro della commissione)… Penso quindi che il testo pubblicato sopra sia un comunicato per tamponare l’errore, intervento scritto dal solo presidente Robertino Ugolotti. Consigliere comunale in procinto di entrare nella lista del Pd. A giudicare dalle dichiarazioni di apprezzamento, da capogruppo d’opposizione, sempre più sconcertanti, che rilascia a favore dell’attuale giunta. Come vede ho compreso bene anche quello che lei, signor Zini, non vede, o fa finta di non vedere.

    Alessandro Davoli

    Rispondi
    • Vede signor Davoli, il suo buonismo le fa onore ma vede, il mio commento era solo rivolto verso il lato sicurezza, tutto il materiale ostruiva uscite di sicurezza, lo si vede chiaramente nella foto. Per il lato umanitario mi scusi, penso che il Comune abbia fatto ciò che doveva e poi vedremo cosa farà se verrà eletto sindaco lei.
      Il tempo al tempo, tanti cari saluti

      E. Zini

      P.s. Scusi ma purtroppo io non ho fatto scuole alte ma solo la terza media, non tutti possono essere acculturati come lei.

      Rispondi
  3. Forza capitan Davoli, non disperi! Quando sarà lei sindaco immagino che emetterà molti atti di espulsione per tutti quegli accattoni molesti! E finalmente potrà dire anche lei “è finita la pacchia”. Al momento non le rimane altro che rosicare. Bacioni!

    Simon

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Powered by WordPress | Officina48