Coldiretti: avanza l’agricoltura giovane

Arriva l’approvazione alla graduatoria del quarto bando a sostegno dei giovani in agricoltura e Coldiretti Emilia-Romagna esprime soddisfazione per la conferma di una forte tendenza da parte degli degli under 41 della nostra regione a voler lavorare in campagna.

Sono 442 le domande di premio per il primo insediamento in agricoltura (o collegate) ammesse a finanziamento dalla Regione, per un totale di 24,8 milioni di euro. Di queste 442 domande accolte 211 provengono da Coldiretti, un dato che attesta i giovani associati attorno alla metà (48%) degli “esordienti” in campagna della nostra regione.

“Una cifra del tutto in linea con quanto successo negli ultimi quattro anni”, commenta Coldiretti Emilia Romagna. Nei primi 4 bandi infatti, dal 2015 al 2018, su un totale di 1.263  giovani insediati, oltre il 50% sono di Coldiretti.

Sono complessivamente 3.300 giovani che in Emilia-Romagna hanno investito in agricoltura, settore in cui l’occupazione giovanile risulta in costante crescita, con le nuove generazioni sempre più disposte a sognare un futuro in campagna. La rinnovata attrattività della campagna per i giovani – sottolinea Coldiretti Emilia Romagna – si riflette nella convinzione comune che l’agricoltura sia diventata un settore capace di offrire e creare opportunità occupazionali e di crescita   professionale,   peraltro   destinate   ad   aumentare   nel   tempo.   Non   a   caso   secondo un’analisi Coldiretti/Censis, oltre otto italiani su dieci (82,1%) sarebbero contenti se il proprio figlio lavorasse in agricoltura con la percentuale che sale addirittura all’86,2% se si considerano i soli genitori laureati, dalla quale emerge anche che appena il 5,4% delle mamme e dei papà sarebbe contrario a vedere il figlio in campagna.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Un Commento

  1. Il nonno paterno, mio omonimo, era contadino e forse da lì, la mia predilezione per la categoria. Ciò premesso, assisto qui in montagna ad una ecatombe di stalle che chiudono i battenti, al punto che oggi mi diceva un agricoltore che anche le rondini per nidificare affollano le ultime stalle superstiti. Mi basta questo piccolo e semplice indicatore a confermarmi che tutto questo bengodi… Sarà…

    Umberto

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Powered by WordPress | Officina48