Carpineti. Futuro Comune: la sicurezza delle strade è una nostra priorità

I due incidenti sul tratto carpinetano della SS63, purtroppo gli ennesimi, riportano in primo piano il problema della sicurezza delle strade, sia per chi le percorre, sia per le comunità che ci vivono accanto.

Bisogna intervenire in maniera puntuale, analizzando con attenzione le caratteristiche dei diversi tipi di strada e avendo chiaro un obiettivo: la sicurezza dei cittadini.

Un tema che non può riguardare solo lo stato di manutenzione, ma anche il comportamento di chi guida.

Ci sono tratti delle nostre strade, quello oggetto dei due incidenti sulla SS63 e altri meno noti, ma altrettanto degni di attenzione, in cui è pericoloso aspettare i mezzi pubblici o avvicinarsi alla fermata, in cui i mezzi per il trasporto scolastico trovano con difficoltà un punto sicuro in cui far salire e scendere i bambini, in cui è complesso uscire in automobile dalla propria abitazione e in cui basta il comportamento sconsiderato di un automobilista per generare un possibile disastro.

Sono problemi che le comunità che vivono intorno a quei tratti di strada hanno spesso segnalato, ricevendo risposte sbagliate o, spesso, nessuna risposta.

Problemi che vanno affrontati con decisione e su vari fronti.

Avvicinarsi alla fermata di un mezzo pubblico deve essere sicuro.

Aspettare un mezzo pubblico deve essere sicuro.

Far salire e scendere i nostri bambini dal mezzo che li conduce a scuola deve essere sicuro.

Camminare nelle strade del nostro Comune, così frequentate anche da chi ama passeggiare nel verde, deve essere sicuro.

Questo significa impegnarsi sul fronte del controllo delle strade, attraverso un uso puntuale e coordinato della Polizia municipale, che deve essere più presente nei punti critici del carpinetano.

Mettere in sicurezza le aree di sosta dei mezzi pubblici e il cammino che serve per raggiungerli.

Sanzionare i comportamenti pericolosi e gli eccessi di velocità anche utilizzando, dove è necessario la tecnologia.

Impegnarsi in tutte le sedi e con tutti gli Enti preposti (Prefettura, ANAS, Polizia Stradale) per ridurre al minimo il rischio di incidenti.

È un impegno che Futuro Comune prende con decisione.

Faremo un censimento puntuale di tutte le situazioni di pericolo, ascoltando con attenzione le segnalazioni del territorio.

E agiremo di conseguenza.

Sulla sicurezza dei cittadini non possono esserci esitazioni

(Patric Fogli, candidato sindaco di Futuro Comune - Lista civica per Carpineti)

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

5 Commenti

  1. Mi sembra proprio di cattivo gusto, prendere l’occasione purtroppo di incidenti stradali per fare campagna elettorale.

    Alessandra

    Rispondi
  2. Purtroppo questi ultimi 6 feriti sono solo l’epilogo di una lunga serie che dura da molti anni… Questo tratto della statale 63 è pericolosissimo e ormai è necessario intervenire per porlo in sicurezza.
    Chiunque si impegni per cercare di fare questo è il benvenuto!
    E posso garantire che parlarne non è un male, non è un metodo pretestuoso di fare campagna elettorale, potrebbe anzi essere un qualcosa in più perché gli enti preposti facciano qualcosa. In primis ANAS.
    Intervengo anche perché i miei due bimbi aspettano tutte le mattine il pulmino per andare all’asilo nell’esatto punto in cui ora vi sono le sagome gialle disegnate sull’asfalto.
    Cordialmente
    Simone Bertani

    Rispondi
  3. È ora di cambiare. Finalmente si inizia a parlare della sicurezza sulle nostre strade. Finalmente una lista giovane che affronta i problemi.

    FP

    Rispondi
  4. Basta l’educazione, il buon senso, l’attenzione e la responsabilità quando si è alla guida di un mezzo stradale, non è da attribuire alle istituzioni, bensì ai singoli. Il figlio va male a scuola, colpa dei professori, non mi impegno sul lavoro e mi licenziano, è colpa del datore, leggo messaggini e passo nella selve dell’ultima rotonda del Bocco… colpa dell’Anas, direi, stop. Poi ben vengano controlli, milizie, velox, controvelox, ma se tutti non ci mettiamo nell’ordine delle idee di fare le cose con serietà, responsabilità e attenzione, tutto vano. Complimenti comunque alla nuova lista in concorso, per la dialettica e i punti mirati, vedi Pio Istituto, viabilità… hanno fiuto.

    Luca

    Rispondi
  5. Borghi per anni non ha fatto nulla. Ha fatto solo promesse. Non è possibile avere paura ad andare per strada o essere preoccupato se i ragazzi devono prendere l’autobus. Non si chiede la luna.

    P. P.

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48