Earth day, Uncem con Legambiente: sì agli sgravi per chi investe in valorizzazione del capitale naturale e green economy: ora i ristorni in montagna

Nella Giornata mondiale della Terra, Uncem si unisce a Legambiente che nei giorni scorsi ha chiesto a Governo e Parlamento di mettere in campo più sgravi fiscali per chi investe nella tutela del patrimonio naturale, nella green economy, nella protezione della biodiversità.

Legambiente ha ragione. Defiscalizzazione, con sgravi al 65% delle imposte, per le donazioni. E non solo. "L'Earth Day ci spinge a riprendere quanto affermato due anni fa a Cagliari, alla Settimana dei Cattolici - afferma Marco Bussone, Presidente Uncem - E cioè che va abbassata l'iva sui prodotti con impronta ecologica positiva, legati alle filiere della green e blue economy. Chiediamo al Ministro dell'Ambiente di azionarsi subito".

Uncem chiede al Ministro di non dimenticare che la legge 221 del 2015 è la prima legge in Italia proprio sulla green economy, tra le più avanzate in Europa. "Qualcuno, anzi molti, tendono a dimenticarsi che il Paese ha questo articolato - riflette Bussone - È grave. Pensare che ci sono molti articoli capaci di rispondere alle sfide della Cop21 di Parigi, alla Laudato Si di Papa Francesco, a quanto affermano i Premi Nobel per l'Economia 2018. Dove sono il Governo e il Parlamento?".

Uncem chiede in particolare i decreti attuativi legati a tre articoli, che ridefiniscono i rapporti tra territori, tra aree urbane e rurali, tra montagna e città: l'articolo 70, che "Delega al Governo per l'introduzione di sistemi di remunerazione dei servizi ecosistemici e ambientali", il 71 sulle Oil free zones e il 72 della 221/2015 con la Strategia per le Green communities che si dovrebbe congiungere con la Strategia per lo Sviluppo sostenibile. Dei decreti non vi è traccia. "Chiediamo il Parlamento intervenga - prosegue Bussone - Sono troppo importanti e moderni questi dispositivi per dimenticarli e non attuarli. I territori sono pronti. Le Regioni devono peraltro fare delle leggi attuativi. Molte, troppe, lo stanno ignorando".

Fondamentale poi estendere positivi interventi regionali legati alla valorizzazione dei servizi ecosistemici-ambientali. Come ad esempio i "Fondi Ato" di Piemonte ed Emilia-Romagna, regioni dove ogni anno, dalla tariffa idrica pagata da ogni cittadino viene destinata una percentuale - pochi euro ma preziosi - ai territori montani attraverso gli Enti locali per interventi di difesa delle fonti idriche e protezione dei versanti dal dissesto.

Non si aumenta la spesa pubblica e si attua una sussidiarietà decisiva per il Paese. Va estesa a tutte le Regioni. Come vanno potenziate le esperienze di mercato dei crediti di carbonio, per l'assorbimento della Co2 nei boschi gestiti. Questi interventi, uniti a una defiscalizzazione per le imprese green e agli sgravi per chi investe nel 'capitale naturale', renderebbero l'Italia più moderna e la montagna protagonista del futuro, Alpi e Appennini scrigno unico di biodiversità e servizi ecosistemici-ambientali. Non da saccheggiare, ma da valorizzare e remunerare.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Un Commento

  1. Questa è una piattaforma seria di richieste e proposte che i territori montani possono avanzare alla politica nazionale ed europea.Hanno possibilità di successo e grande dignità politica, perché non si configurano come le tante richieste di elemosine e assistenza sgangherate e demagogiche,destinate a raccogliere facili consensi localmente e a fallire nel momento in cui approdano ai tavoli dove si decide. Queste di Uncem e Legambiente sono richieste fondate su dati fisici geografici e territoriali incontestabili e sono al tempo stesso proposte di valenza e interesse generale -oltre le aree montane- perché sostenibilità e contrasto e/o adattamento ai cambiamenti climatici sono necessità di tutti. Agevolazioni fiscali che non servono solo a chi ne beneficia,aiuti a territori che producono ambiente migliore per tutta la comunità nazionale si configurano come investimenti sul nostro comune futuro. Sono proposte che meriterebbero l’attenzione di tutti coloro che si candidano a governare i comuni della montagna , Alpi e naturalmente anche Appennino

    Nuccia Mola Legambiente Appennino Reggiano

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Powered by WordPress | Officina48