Giovanelli: “L’Europa serve, guardate in Appennino”

Fausto Giovanelli interviene sul tema delle fake news sull'utilità dell'Europa dopo il recente intervento di Tim Cook, Ceo di Apple

Utilità dell'Europa e fake news contro la stessa tenuta della nostra Unione: prendendo spunto da un recente intervento sulle false notizie della rete, di Tim Cook , Ceo di Apple dal 2011, interviene Fausto Giovanelli, presidente del Parco dell'Appennino tosco-emiliano. Lo fa con un post con l'hastag #sapevatelo - usato nei social per condividere informazioni che si ritengono essere di utilità, ndr .

Tim Cook aveva commentato: "Le fake news stanno uccidendo le menti delle persone. Le società tecnologiche devono trovare il modo di fermare la loro diffusione, senza intaccare la libertà di espressione" mentre, sui social anche di diversi montanari, è possibile incontrare post che inveiscono o quanto meno dubitano della utilità della stessa Unione Europea.

Pur senza indagare l'utilità storica e sociale della stessa Unione, il presidente del Parco ha preso a riferimento le tante opere materiali realizzate in Appennino con il sostegno europeo.

"Un pezzo della nuova variante di Ponterosso - scrive Giovanelli -, l’arredo del Piazzale Dante a Bismantova, gli orti dei frati, il recupero dell Eremo di Bismantova, la piazza di Carpineti risistemata qualche anno fa, i marciapiedi a Cinquecerri e Casalino, la ripavimentazione di Sologno e di Carnola, la 'piazza' di Primaore, la rinaturazione, le nuove passerelle sospese alle Fonti di Poiano, il rifacimento del borgo di Pineto a Vetto, la via Matildica e il miglioramento ciclopedonale del Giro della Pietra, in corso di realizzazione il giardino e l’arredo dell’albergo Il Castagno a Busana, il nuovo municipio di Ventasso a Cervarezza".

E ancora: "Gli arredi e le pavimentazioni a Civago il recupero del Mulino di Cerreto Alpi, il centro benessere alla Valle dei Cavalieri a Succiso, il recupero con 60 posti letto della casa del custode al Rifugio Segheria, le sistemazioni e il percorso per tutti attorno al lago del Ventasso, gli aiuti a tante aziende agricole e latterie per attrezzature, magazzini e nuovi punti vendita diretta, le decine di finanziamenti Gal ai privati e un sacco di altre piccole opere fatte qui su cui poggiamo i piedi tutti i giorni - e ne ho elencate meno della metà -". Un solo commento da parte di Giovanelli: "sono da fondi europei".

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

6 Commenti

  1. Manca una galleria che dall’Emilia esca in Toscana.
    Per il turismo, ma anche per il commercio.
    Per svalicare siamo costretti a percorrere quel “benedetto” Passo del Cerreto.

    N.N.

    Rispondi
  2. si leggono ovunque report e dati in cui il nostro stato -ITALIA- figura come da sempre essere contribuente attivo dell’unione economica europea,
    quindi se qualcosa ci ridanno indietro dei tanti che paghiamo e riuscite a sistemare 2 piazze da 15mq e una cascina quasi diroccata c’è da essere contenti?
    si parla di fondi europei per completare una variante?
    hanno costruito una strada in mezzo ad un campo di circa 1km fatta anche male con 4 rotonde ed ancora da completare, sono stati impiegati quasi 6anni e forse non sono bastati una decina di milioni di €, ma a voi sembra tutto così normale?
    oltretutto fanno anche la festa per inaugurarla.
    comunque se si fanno i conti DARE/AVERE quest’unione europea non ha di certo il segno+

    gs76

    Rispondi
  3. L’Italia è contribuente netto al bilancio europeo, cioè versa più soldi di quanti ne riceve. La differenza è di un paio di miliardi l’anno. Inoltre, poiché mantiene sotto organico la pubblica amministrazione (cioè mantiene alta la disoccupazione per non fare salire l’inflazione), fatica a gestire la farraginosa burocrazia correlata ai progetti europei, rischiando di perdere anche i soldi che riceve. La fake-news è che sia l’Europa a mantenerci, mentre è esattamente il contrario.

    Commento firmato

    Rispondi
  4. La galleria che va dall’Emilia alla Toscana sarebbe la soluzione a tutti i problemi della montagna. Ma i nostri politici non hanno tempo per progetti concreti.

    G. V.

    Rispondi
  5. Se anziché versare fondi alla C.E., lo stato avesse girato le stesse cifre alle Regioni, come minimo avremmo avuto lo stesso risultato che vanta Giovannelli, sicuramente avremmo avuto più risorse visto che il saldo versato dall’Italia alla UE è ampiamente positivo a favore dell’Unione.
    Faccio presente inoltre che la maggior parte dei fondi europei, viene dirottata verso quei paesi dell’unione che “hanno maggior bisogno di sostegno” paesi dell’est Europa, guarda caso gli stessi che:
    1) sono decisamente contrari all’accoglienza dei migranti
    2) hanno una tassazione bassissima
    3) sono la meta di delocalizzazione di moltissime aziende italiane che visto la pressione fiscale ed il costo del lavoro è irrisorio, risultato chiudono da noi per aprire nei paesi dell’Est Europa.
    questo non mi pare sia o vada nel solco della comunità europea e della condivisione.
    Vogliamo davvero parla di Europa Unita? Cominciamo a fissare il costo del lavoro unico su tutta l’unione e le tasse uniche su tutta l’unione, poi vediamo se e chi ne trarrà maggior beneficio. La capacità lavorativa, il genio, l’inventiva degli Italiani non sono secondi a nessuno.

    M.B.

    Rispondi
  6. Non credo di aver capito il perché di questa montatura fotografica in cui il senatore e’ arrabbiato con il tizio che ha parlato di false notizie da parte dei montanari. Mi sembra tutto fuori luogo. Non e’ che con la galleria al Cerreto per svalicare, risolveremmo tutti i nostri problemi come non e’ che potremmo vivere meglio di adesso senza Europa. Credo indispensabile essere europei con una Europa diversa. E anche questo non e’ facile, perche’ siamo popoli diversi, con storia, mentalita’, cultura, punti di vista e, noi Italiani, con un forte individualismo che non si ritrova certo in Germania o Austria. Un’Europa che pretenderebbe di farci fare le mozzarelle col latte condensato o la stessa misura per le zucchine o i fagiolini o di imporci regole insignificanti-se non stupide-non piace a nessuno ma aspettiamo il cambiamento, sopratutto per quanto riguarda i migranti la cui odissea non finira’ certo-e non deve finire con sceneggiate ma deve essere un problema con una soluzione europea, perche’ ogni stato possa accogliere chi ha bisogno senza imporli in numero esorbitante e collocarli nei ”cara”,veri e propri letamai, malamente allestiti per 700 persone e che ne ”ospitavano” 1.300. fra uomini, donne, vecchi e bambini ammassati in luoghi sporchi, senza acqua, in una promiscuita’ pericolosa e invivibile con 6 servizi a disposizione e anche rabbiosi cani randagi che di notte cercavano da mangiare. (Queste notizie vengono da un giornalista dell’Espresso). E io dico no a questa immigrazione e anche a quella che gode di aiuti o privilegi o alloggi o cure che non ci sono piu’ per noi perche’ e’ questo che fa aumentare l’odio. Se il governo precedente ne avesse fatto entrare un numero ragionevole-e allora si sarebbe potuto-forse il PD, pur non avendo migliorato la nostra condizione, avrebbe mantenuto il governo dell’Italia che ha miseramente perso. Tornando al discorso iniziale, le cose che il senatore Giovanelli dice di aver fatto coi soldi europei sono tutte visibili e visitabili e non era suo compito portarci in Liguria o Toscana in galleria. Ricordo che parecchi anni fa, l’ingegnere Dazzi fu incaricato di redigere un progetto per una galleria che avrebbe dovuto passare il Cerreto, raggiungendo il mare, ma poi non se ne fece nulla. Sono pienamente d’accordo con chi sostiene che il genio, l’inventiva, la fantasia, le capacita’ degli Italiani sono uniche.
    Buonasera a tutti.

    Paola Agostini.

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Powered by WordPress | Officina48