Esercitava senza licenza: sequestrata sala scommesse dai carabinieri

L’insolito movimento di clienti notati presso un esercizio commerciale ubicato nel centro di Castelnovo ne' Monti aveva insospettito i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia locale che il 19 gennaio scorso, unitamente alla Polizia Municipale, avevano eseguito un controllo amministrativo accertando effettivamente che all’interno dell’esercizio commerciale oggetto delle attenzioni investigative, munito di autorizzazioni per la vendita di gadget sportivi e ricariche telefoniche, era stata abusivamente allestita una sala scommesse ove venivano raccolte le scommesse sportive per conto di una società allocata in Austria e non affiliata ai Monopoli di Stato.

All’atto dei controlli i militari avevano modo di verificare che il titolare dell’attività commerciale, un 28enne reggiano, raccoglieva scommesse sportive senza essere munito della prevista autorizzazione di cui all’art. 88 del Testo Unico delle Leggi di P.S. che non gli era stata rilasciata dalla competente Autorità di P.S. con diffida a intraprendere ovvero proseguire l’attività di esercizio di scommesse.

Per questi motivi il G.I.P. del Tribunale di Reggio Emilia, accogliendo le richieste della Procura reggiana, concorde con gli esiti investigativi dei carabinieri di Castelnovo ne' Monti, ha messo il decreto di sequestro preventivo dei locali che ospitano la sala scommesse, delegando per l’esecuzione i carabinieri del nucleo radiomobile.

I militari, ricevuto il provvedimento, ieri vi davano esecuzione sottoponendo a sequestro i locali che ospitano la sala scommesse.

Nel corso delle attività condotte il 19 gennaio detto i carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile unitamente alla Polizia Municipale di quel centro avevano avuto modo di identificare diversi clienti che avevano appena fatto scommesse e altri che si apprestavano a farle in una delle dieci postazioni presenti nel negozio.

Tra i clienti anche due minori in violazione alle norme che tutelano i minori dai rischi connessi alla ludopatia e per i quali il commerciante era stato segnalato al competente ufficio dei monopoli di stato per la contestazione della violazione prevista dall’art. 7 del D.lg. n.158/2012 convertito dalla legge n.189/2012.

Per questi fatti il 28enne commerciante reggiano è stata indagato dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Emilia per il reato previsto dall’art. 4 c.4 bis della l.401/89, (esercizio abusivo dell’attività di gioco d’azzardo).

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Powered by WordPress | Officina48