Funivia per la Pietra?

La lista Castelnovo libera che si presenta alle elezioni a Castelnovo ne’ Monti propone nel suo programma la realizzazione di una funivia dal centro del paese alla sommità della Pietra.

Si può discutere ampiamente della opportunità di tale idea, ma bisognerebbe anche sapere che non si tratta di una idea originale.

Umberto Monti nel suo lavoro “Castelnovomonti dalle origini ad oggi”, Tipografo-Editore Casoli, Castelnovo Monti, 1962 pubblica una corposa testimonianza del Dottor Francesco Manfredi nella sua qualità non di farmacista, ma di Presidente della Pro Loco, in cui scrive: “A questo punto si presenta spontanea la domanda: perché non tentare finalmente ogni sforzo per attuare il progetto che la Pro Loco ha fatto eseguire ed inoltrarlo per la costruzione di una funicolare che dal capoluogo porti alla sommità della Pietra, al “cacume” dantesco”? I turisti d’oggi, provvisti largamente di automezzi, potranno pensare che  una eventuale strada possa sostituire l’impianto meccanico. Noi non riteniamo sia da preferirsi perché la Pietra di Bismantova non sarebbe più la stessa. Perderebbe assai di misticismo, religiosità e singolarità. A parere nostro l’impianto meccanico, che sarebbe il primo nell’Appennino reggiano, lascerebbe immutato nel turista e nel visitatore di tutte le epoche quel senso di elevazione e di isolamento nello spazio, che offre l’inconfondibile scenario dalla sommità: “de l’alta ripa, a la scoperta piaggia …”.

A ciascuno valutare se, passati sessanta anni, possa essere ancora utile ragionare su tale progetto.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

2 Commenti

  1. Gentile Pietro Ferrari,
    diceva Bernardo di Chartres che noi siamo come “nani sulle spalle di giganti, così che possiamo vedere più cose di loro e più lontane, non certo per l’acume della vista o l’altezza del nostro corpo, ma perché siamo sollevati e portati in alto dalla statura dei giganti”.
    L’idea della cabinovia, cosa molto diversa dalla funicolare, non sarà originale e non ne voglio il merito, ma certamente importante per il turismo e l’economia commerciale ad esso collegata.
    L’imprenditore castelnovese che me l’ha presentata, già quindici anni fa la propose al sindaco Gianluca Marconi, e poi più di recente ad Enrico Bini.
    Lo hanno guardato come un folle. Ma chi ha costruito la cabinovia del Sestriere, chi impiega e paga ogni mese lo stipendio a più di cento persone, chi ha il denaro per il forte investimento necessario, da 4 a 6 milioni di euro, non credo si possa definire un folle sognatore.
    Forse si possono definire miopi e poco perspicaci quegli amministratori che l’hanno bloccato; nel farlo non hanno danneggiato solo un nostro imprenditore, ma tutti i nostri concittadini.
    Castelnovo Monti è la capitale di una montagna in agonia, e le ultime amministrazioni hanno fatto solo l’ordinaria amministrazione. Nessuna visione né strategia, ma tante conferenze, tanti tavoli di concertazione, tanti studi autoreferenziali sulle famose Aree Interne, per il rilancio, la valorizzazione del turismo e del commercio.
    Tanti fallimenti clamorosi. Hanno dato valium e aspirina ad un ammalato grave, perché non si lamentasse e non sentisse il disagio. Terapia inutile, e lo vediamo tutti.
    Si vorrà riconfermare l’immobilità e il nulla come sistema di controllo del potere amministrativo? Bene si continui a votare per i soliti noti. Non cambierà nulla, l’agonia del paese continuerà. Se prevarrà il coraggio, io e i miei sedici candidati ci saremo.
    Auguri a tutti i concittadini castelnovesi per domenica 26 maggio, buon voto e voto utile. A buon intenditor … poche parole.

    Alessandro Davoli
    Candidato sindaco, lista numero due, Castelnovo libera

    Rispondi
  2. I soliti noti. Come se il suo nome fosse nome nuovo della politica. Anche la chiamata al voto utile è un qualcosa di veramente triste, quasi a sottolineare l’ignoranza dell’elettorato,ma vedrà Raniero che l’elettorato intelligente la rilegherà nuovamente all’opposizione, e chissà se lei sarà in grado stavolta di accettare tale incarico.

    Simon

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Powered by WordPress | Officina48