La Vassallo: “Mi contattò il listone. In quel caso andava bene la mia candidatura?”

Non è certo una sorpresa per me trovarmi al centro di accese polemiche per le  mie posizioni sulla questione del punto nascita e dell'intero ospedale che ribadisco è il valore aggiunto del nostro comune e dell'intero territorio appenninico.
Senza l'ospedale non ci sono scuole, attività commerciali, artigiani, servizi sanitari e servizi al cittadino ad esso collegati, pubblici esercizi, alberghi, famiglie, in una parola non c'è VITA.
Senza la tenuta di un ospedale degno di questo nome e non, si badi bene di un presidio di primo intervento e non di pronto soccorso come dicono, con presidio ambulatoriale e di attività programmata, dicevo senza tutto questo Castelnovo non sarebbe Castelnovo , ma altro.
Ora si può fare finta di nulla e dire che va tutto bene per non innervosire chi su questa  strada ci ha condotto oppure si può alzare il tiro e continuate a lottare dandosi una identità più strutturata ed istituzionalizzata di quella di un comitato, che tanto ha fatto e tanta farà ancora.
Noi abbiamo fatto questo, con me in testa. Non è stato facile prendere questa decisione ma è stata una logica conseguenza. A chi dice che è stato un errore rispondo che può anche essere vero però mi si deve spiegare perché mi è stato chiesto di candidarmi nel loro listone di coalizione?
Come portavoce del comitato dentro la loro lista vado bene e come candidato sindaco no?
Con loro sono una brava persona, da sola divento: "falsa cattiva e incompetente"?
La lista sul PN ha la stessa identica visione del comitato: nessun travisamento dei fatti, nessuna bugia e nessun attacco alle persone ma solo al loro comportamento politico. E come potrebbe essere differente visto che tutto è documentato e visibile sui social?
Perchè allora tanta acredine? Cosa c'è dietro? Quali piani stiamo scompigliando?
Sono domande legittime come legittima è la nascita di una lista civica da un comitato cittadino. Non siamo i primi e sicuramente non saremo gli ultimi a farlo.
(Nadia Vassallo, candidata sindaco di Castelnovo ne' Cuori)
Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Un Commento

  1. Una precisazione pare necessaria. Il “Listone” al quale Nadia Vassallo fa riferimento non è Castelnovo Libera. Primo perché non abbiamo mai rivolto quelle parole a Nadia, secondo perché mi è stato chiarito da Gianni Marconi che si tratta di uno scontro verbale avvenuto con il dottor Boni, candidato nella lista del sindaco uscente, Enrico Bini. Ho ritenuto di dover intervenire perché alcuni cittadini mi hanno telefonato per chiedere spiegazioni. Un saluto e un bocca al lupo a Nadia Vassallo.
    Alessandro Davoli

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Powered by WordPress | Officina48