Succiso: una targa per l’alpinista Franco Rustichelli caduto nel 1982 sull’Alpe

Domenica 16 giugno due gruppi di escursionisti della Sottosezione Cai di Scandiano saliranno per itinerari diversi sull'Alpe di Succiso per ricordare Franco Rustichelli, il forte alpinista scandianese che proprio sull'Alpe morì il 26 dicembre del 1982. A Rustichelli è dedicata la Sottosezione di Scandiano.

Un gruppo risalirà la valle della Liocca fino ai Ghiaccioni, per poi raggiungere il Passo di Pietra Tagliata e la vetta all'Alpe di Succiso (2016 m). L'altro gruppo raggiungerà il Rifugio Rio Pascolo per salire alla cima del Casarola e proseguire fino all'Alpe di Succiso, per incontrare il primo gruppo. Tutti gli escursionisti ritorneranno a Succiso Nuovo passando dal Rifugio Rio Pascolo.

Franco Rustichelli era un alpinista bravissimo e preparato, che aveva effettuato difficili salite sulle Alpi. Era stato istruttore dei corsi di alpinismo del Cai Reggio Emilia, fino a diventarne vicedirettore. Tra le sue salite si ricordano la Cresta Signal sul Monte Rosa, lo Sperone della Brenva sul Monte Bianco,il Diedro Fehrman sul Campanile Basso in Brenta, la Nord della Presanella, la Nord dell'Uia di Ciamarella.

Dopo la tragica scomparsa di Rustichelli, che colpì profondamente il mondo alpinistico reggiano, fu deciso di costituire una squadra del Soccorso Alpino a Succiso.

Info: Pietro Pioppi (334 3966000).

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Powered by WordPress | Officina48