Home Cronaca Festival Reggae: “Ma sono ammesse le droghe leggere?” La nota del consigliere...

Festival Reggae: “Ma sono ammesse le droghe leggere?” La nota del consigliere Cavana

35
10
Roberto Cavana

Sul Festival Reggae di cui abbiamo dato notizia nei giorni scorsi, previsto al Pianello dal 9 al 10 agosto e organizzato da Frank Circolo Arci, interviene il consigliere castelnovese del Movimento 5 Stelle. "Complimenti - scrive il consigliere a Redacon - , sarà sicuramente una bella festa a cui spero di partecipare per quel tipo di musica e perché sappiamo cosa ha significato quel movimento musicale per l’America caraibica. Sicuramente anche questa iniziativa servirà ad avvicinare popoli e culture diverse. Tuttavia rimango un po’ 'basito' leggendo le ultime quattro righe che spiegano le raccomandazioni dell’organizzazione". Infatti, "alla riga 'no droghe pesanti' mi sono fatto delle domande. Pesante e leggero esprimono concetti di relatività ossia io, che peso circa 120 Kg sono leggero rispetto ad uno che pesa 150 Kg, mentre sono pesante rispetto ad uno che pesa 70 Kg. Ora mi sono chiesto; vado alla festa e cosa porto 'di leggero'? Sigarette? spinello? cocaina? altro? Visto che avete affrontato l’argomento sarebbe stato meglio informare a priori i partecipanti cosa intendete per leggero o pesante senza lasciare all’utente (io nella fattispecie) la responsabilità di decidere il 'peso' della droga".

Prosegue il consigliere: "Visto che siete in argomento, non sarebbe stato meglio prevedere un 'punto vendita' della droga che voi intendete leggera? E da genitore: nel programma fate risalto a spazi per bambini con lodevoli iniziative di svago e musicali… ma perchè devo portare i miei figli in un ambiente in cui si raccomanda di non usare droghe pesanti mentre le leggere vanno bene?"

Prevedendo critiche al suo intervento aggiunge: "Come vi sarete accorti ho usato toni 'civili' per esprimere la mia disapprovazione. Non sarebbe stato meglio nella riga incriminata dire: festa aperta a tutti, ma si raccomanda agli interessati di 'farsi' a domicilio? Sarebbe stato forse meno 'democratico' ma l’organizzazione avrebbe mantenuto alto il livello di stile. Anche perché se vai a casa di una amico e bevi una birra, ti beccano e passi i guai; in quella festa basta che ti droghi leggero e tutto passa. Verrò sicuramente, ma ditemi cosa posso portare di leggero o se la 'roba' me la vendete sul posto (dal momento che l’organizzazione la prevede) così evito di cercarla in giro!"

 

 

10 COMMENTS

  1. Buona sera ho letto l’articolo e sinceramente sono argomentazioni le quali possono essere condivise o no dal pensiero personale di ognuno di noi e non mi permetto di controbattere il pensiero esposto
    Vorrei solo chiedere perché non è stato fatto, dallo stesso, una qualche considerazione sulla notte rosa appena passata, la quale ha fatto vedere un tasso alcolico molto elevato anche di tanti ragazzini non maggiorenni? E le parlo da gestore di un bar.

    Maurizio Peretti

    • Firma - Maurizio Peretti
  2. Non so se ridere o se piangere…
    Mi pare che si commenti da sola la frase: vado la festa e cosa mi porto di leggero inserendo la cocaina tra le droghe leggere, mi sorprende questa frase soprattutto se pronunciata da un dottore che dovrebbe sapere la differenza tra la cocaina e la cannabis light…
    Io sicuramente porterò, come l’anno scorso, i miei bambini a questa festa, perché è una bella festa con bella gente e bella musica, in un bellissimo posto. (non li porterei di sicuro al Papeete Beach, tra cocaina, pastiglie e viceministro “un mito, nel tempio dello sballo mentre demonizza la canapa light”).
    Inoltre mi sorprende molto il cambiamento dei 5 stelle sul tema, il movimento dei primi anni era contro la legge Fini Giovanardi che equiparava ed equipara ancora oggi tutte le droghe, risultato? Le previsioni fatte si sono avverate visto il ritorno dell’eroina che in 5 anni è cresciuta del 100% e un consumo di cocaina alle stelle da 10 anni (gli spacciatori e le mafie ringraziano).
    Ah un’ultima cosa… Per anni ho dovuto rispondere a Filippi, alle sue accuse per la festa della canapa,senza mai querelarlo…
    Oggi se fossi negli organizzatori non rifarei lo stesso sbaglio.

    Mattia Rontevroli

    • Firma - mattia rontevroli
  3. Cocaina droga leggera ?
    Intendiamo rispondere alle affermazioni offensive e calunniose del consigliere Cavana del M5 di Castelnuovo ne ‘Monti.
    Nell’ articolo apparso sulla Vostra testata abbiamo riscontrato una serie di inesattezze e accuse a cui vorremmo rispondere.
    Il Signor Cavana si è permesso di offendere il festival ed il nostro pubblico.
    Le tre parole “no droghe pesanti” gli hanno procurato disappunto e l’appiglio per attaccarci. In realtà sono un chiaro invito a non fare uso di droghe all’interno del festival.
    Il dottor Cavana, perché questo è, un medico, attraverso le sue parole crea una pericolosissima confusione affermando che la cocaina è una droga leggera. Lo invitiamo a rileggere il nostro evento dove mai si fa riferimento all’utilizzo di qualsivoglia sostanza stupefacente.
    Aspettiamo il dottor Cavana ed i suoi figli alla nostra festa dove forse, impareranno la codivisione, la gioia di vivere la musica e a non avere pregiudizi, attaccando senza alcun reale motivo persone che lavorano faticosamente per tenere vivo il territorio.
    Chiediamo altresi al Sig. Cavana di non permettersi di denigrare ed offendere i partecipanti al nostro festival senza conoscere.
    Al suo stile, preferiamo il nostro.

    Organizzatori green’s app festival

    • Firma - Organizzatori green's app festival
    • spett.le comitato, sono curioso, e chiedo, non avendolo letto.
      davvero avete scritto nel manifesto “no droghe pesanti”?

      e se si chiedo ancora: è stato liberalizzato l’uso delle e droghe leggere??

      giusto per avere informazioni corrette

      M.B.

      • Firma - M.B.
  4. Gentile Dott. Cavana, le consiglio un sito che si chiama Wikipedia. Alla voce droghe leggere può trovare tutte le informazioni del caso. Solo, mi stupisce che un medico e consigliere comunale abbia bisogno del nostro aiuto per reperire informazioni che dovrebbe conoscere anche un bambino. Complimenti alla nostra classe politica e al Movimento 5 Stelle. Questo ci fa capire perchè l’Italia va a rotoli.

    Andrea

    • Firma - Andrea
  5. Da “Rivista di Psichiatria”(2017): La letteratura scientifica è concorde nell’indicare i rischi e le conseguenze psicotiche dell’assunzione di cannabis nelle sue varie preparazioni (marijuana, hashish ecc.). I suoi “cannabinoidi naturali” interagiscono con i recettori cerebrali e periferici degli “endocannabinoidi” e questa interazione comporta alterazioni fisiologiche cerebrali che sono alla base dei disturbi psicotici, dei disturbi dell’umore, delle alterazioni delle condotte istintuali, dei disturbi dell’apprendimento e della cognitività in senso generale. Quale tristezza per un figlio sapere che il padre, per cogliere la bellezza di un quadro, di un paesaggio, di un’armonia musicale, ha bisogno di un supporto chimico! La realtà non ha i colori che le diamo con le nostre lenti colorate scelte a piacimento.

    Giorgio

    • Firma - giorgio
  6. Non avevo dubbi. Anche un colpo di tosse del Dott Cavana ormai è motivo di gogna mediatica. Non mi pare dall’articolo che Roberto abbia voluto denigrare o offendere nessuno. Riguardo ai commento sulla notte rosa e ai minorenni ubriachi di certo qualche bar avrà dato alcolici e superalcolici a questi giovani. Ma non è vietato somministrare alcolici ai minori? So già la risposta. Tutti innocenti. Rifornimenti presso supermercati. Riguardo alla cocaina da medico penso che il Dott Cavana Sappia benissimo che è una droga dagli effetti devastanti. Plaudo agli organizzatori dell’evento ma sinceramente il rischio droga leggere light o pesanti esiste. La memoria è breve e tutto si dimentica. Qualche anno fa in quel di Guastalla 12.000 giovani si trovarono nella golena del Po per un rave party… Non autorizzato. L’allora Sindaco per motivi di sicurezza a un eventuale sgombero forzato lasciò che 12000 giovani si stordissero di musica alcool e altro (Signori sempre droghe sono non conta il peso). La mattina successiva un giovane al rientro(mi pare fosse di Torino) a Brescello centro’ frontalmente una coppia di anziani. E ovviamente ci scappo’ il morto. Naturalmente mi auguro che non succeda nulla al Pianello. Che sia una serata di divertimento allegria e svago per tutti. E lasciate perdere le denunce. Pensate a passare una bella serata. Cordialmente.

    Alfredo Baisi

    • Firma - Alfredo Baisi
  7. Una risposta la devo un po’ a tutti. Ringrazio il collega Baisi che da medico puntualizza come qualunque sostanza che modifica le capacità sensoriali o di coscienza può risultare pericolosa a chi la assume e agli altri. Vedi anche il commento di Giorgio, molto più scientifico. Ribadisco che la riga incriminata è scritta nel programma dettagliato che ho letto su Redacon, per cui la storia delle droghe pesanti non me la sono inventata ed il programma a Redacon con le raccomandazioni della organizzazione qualcuno glielo deve aver pur dato!! Per quanto riguarda la notte rosa, sono d’accordo, ma ormai sembra che non si possa fare una festa senza superare qualche limite (solitamente di benessere) per cui la festa viene bene se c’è qualcuno che “vomita l’anima” o va portato a casa perchè non si regge in piedi.
    Mi scuso ancora una volta con gli organizzatori ma ribadisco che sarebbe importante non far passare il messaggio (soprattutto negli adolescenti) che esistono droghe leggere “tollerate” (o per le quali “si chiude un occhio”) e droghe pesanti che fanno male. Un altro argomento importante: teniamo distinte le evidenze terapeutiche della cannabis in certe patologie e quindi teniamo distinto l’ambito medico dall’ambito ludico dell’uso della cannabis, per evitare che persone sane facciano uso non terapeutico di cannabis con la conseguenza di ammalarsi (vedi riferimento a trattato di Psichiatria di Giorgio).
    Poi se ne vogliamo parlare seriamente oppure fare anche un meeting aperto a tutti sull’argomento…..a disposizione.

    Dott.Cavana

    • Firma - Dott.Cavana
  8. Per dovere di corretta informazione il rave party fu organizzato il giorno 11 agosto 2008 e un altro giovane venne salvato da una micidiale overdose di eroina. Riguardo al morto di Brescello era un povero ragazzo di 28 anni che in scooter tornava a casa. Signori leggetevi il commento del Signor Sergio. Molto esaustivo. E a proposito dell’orco cattivo Cavana non vi sorge il dubbio che la cocaina sia stata citata provocatoriamente per far comprendere la pericolosita’ di queste SOSTANZE.TUTTE.Spinelli eroina cocaina e le 350 pastigliette… Sì, 350 pastigliette colorate e sintetizzate in laboratorio e si possono anche comprare su Internet.
    Perciò tranquilli. Il commento del Dott Cavana non crea nessuna Pericolosa Confusione.

    Alfredo Baisi

    • Firma - AlfredoBaisi
  9. Sono pronto a confrontarmi, insieme ad esperti del settore, con il Dott Cavanna dove e quando vuole in merito all’argomento cannabis. Anzi sarebbe molto utile se davvero decidesse di istituire un bel tavolo di discussione sull’argomento, serio e senza pregiudizi e preconcetti. E magari proprio al Festival ed affrontando nello stesso meeting anche i problemi legati all’abuso legato all’alcool ed alla nicotina, cui i nostri ragazzi, minorenni e non, possono accedere a tutte le ore del giorno e della notte.
    Per il resto ho gia’ risposto al suo discutibile intervento sulla pagina facebook di Redacon. Resto in attesa di capire se e quando intende organizzare questo incontro, che per quel che mi riguarda dovrebbe essere aperto alla cittadinanza tutta. Cordiali saluti. Fabio

    PS: il Movimento 5 stelle,di cui fa parte, aveva presentato un progetto riguardo la legalizzazione della cannabis. Lei ne e’ a conoscenza? Se si,cosa pensa in merito?

    Arico Fabio uno degli organizzatori

    • Firma - AricoFabiounodegliorganizzatori