Home Homepage Cristian Ielli protettore del lupino del Gigante

Cristian Ielli protettore del lupino del Gigante

18
4

Proteggere un'antica razza di cane pastore e, quasi per paradosso, tutelare le comunità umane che attorno ad essa si sono radicate in un territorio. Ecco le due mission  - una conclamata, l'altra sottesa - di Cristian Ielli, abitante a Costa de Grassi, che dal 2008 ha fondato un'associazione con lo scopo di valorizzare e preservare il lupino del Gigante - così chiamato in onore della leggendaria genesi del monte Cusna.

Persino la storia, quella innestata nei documenti che hanno resistito al tempo, tiene traccia dei lupini. E del ruolo sociale che essi hanno svolto sin dal medioevo in queste terre aspre, eppure amate da chi le ha scelte e le sceglie come dimora. Riscoprire il lupino significa allora riportare alla luce quello stretto rapporto tra paesaggio, essere umano, fauna - un equilibrio instabile, perennemente negoziato - che ha strutturato nei millenni l'Appennino come oggi lo conosciamo. E viviamo.

"Da piccolo scappavo da casa, quando potevo", dice Cristian, per osservare da vicino l'alchimia tra i pastori e i loro lupini. E dalle sue parole traspare ancora l'incantamento e la sorpresa di quel bimbo - che sono rimaste le radici tenaci della sua passione.

Il lupino, fino a qualche decennio fa, era il braccio operativo dei pastori di queste terre. Ai giorni nostri, oltre ad essere stato riscoperto come cane da lavoro, questo animale mette al servizio le sue doti "per attività di pet theraphy e di protezione civile".

"L'Appennino è cambiato molto negli ultimi vent'anni", ci dice Cristian. E lasciamo a voi il piacere di capire il suo punto di vista su questi territori, così come di ascoltare dalla sua voce, così pacata e piena di rispetto, la storia del lupino. E della sua gente.

Ecco la sua video intervista, come sempre inserita nel canale YouTube "r-ESISTERE in Appennino":

 

 

Articolo precedenteEmanuela Cioni presidente Cisadep: “Vogliono cancellare dalla revisione del Patto per la Salute un articolo che permetterebbe di rivedere la questione dei punti nascita in periferia”
Articolo successivoCi ha lasciato Ida Sironi

4 Commenti

  1. Abbiamo un lupino preso da Cristian fra l’altro a titolo gratuito perchè destinato alla pet terapy (come da statuto dell’Associazione).E’ meravigliosa non solo con la sua padroncina in carrozzella ma anche con gli altri componenti della famiglia.
    Complimenti a Cristian, Monia e all’Associazione per il loro lavoro e per la sensibilità particolare per le persone disabili!!

    1954

  2. persone di altri tempi…meriterebbero una maggiore considerazione e gratitudine da parte delle istituzioni pseudoanimaliste di cui il nostro territorio montano e’colmo.grandissimi Cristian, Monia e Athena

    vincenzo

  3. Grazie infinite a tutti … è bellissimo quando tanti sacrifici vengono riconosciuti …un ringraziamento speciale va a tutti i volontari che si prodigano per l’associazione. Cristian

    Cane Lupino del Gigante

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.