Punto Nascite, il viceministro Sileri a Castelnovo ne’ Monti. Aggiornamento

"Questa mattina incontreremo il Viceministro della Sanità Pierpaolo Silieri. Gli esporremo le criticità che abbiamo evidenziato in questi anni sia per il punto nascita che per la ginecologia h24 e tutti gli altri servizi che stanno venendo meno nel nostro territorio. Gli ribadiremo le responsabilità della regione ER in queste scelte e di quanto sarebbe assurdo pensare a fantomatici progetti pilota che sposterebbero solo la lancetta di una possibile riapertura con costi enormi per la comunità sia economici che in disservizi. Il punto nascita c'era ed operava in deroga (quindi in sicurezza secondo le vigenti normative) quindi serve solo un decisione regionale per riaprirlo mettendo a disposizione le risorse ed il personale necessari. Come sempre resisteremo, perchè è un nostro diritto nascere e vivere in montagna!"

E' quanto scrive il comitato DI.NA.MO sulla sua pagina Facebook in merito alla visita di oggi del viceministro in Appennino Pierpaolo Siliri.

Precedente articolo

“La riapertura dei punti nascita per il MoVimento 5 stelle è un punto imprescindibile” dichiara la Vicepresidente della Camera dei Deputati ed esponente del Movimento 5 Stelle Maria Edera Spadoni che annuncia la visita del Viceministro Pierpaolo Sileri che sabato sarà Castelnovo ne' Monti incontrerà i Comitati e cittadini.
“Sileri si è detto disponibile sabato a venire di persona a Castelnovo ne’ Monti per incontrare i Comitati ed i cittadini sul tema” continua la deputata reggiana del MoVimento.

“La chiusura dei punti nascita nasce da una legge del centrodestra votata da Lega, Forza Italia e destra e poi attuata dalla Giunta Regionale del Pd nel 2014, quando altre potevano essere le scelte come accaduto in Toscana. Ricordo anche in questa sede che, alcuni mesi fa, su mia richiesta il comitato punti nascita nazionale ha confermato che il proprio parere è consultivo e non vincolante. Dunque la competenza sulla riapertura è regionale. Per questo la riapertura immediata dei Punti nascita con i necessari livelli di sicurezza rientra nel nostro programma elettorale” spiega Spadoni.

PROGRAMMA: Sabato 21 dicembre con il Viceministro alla Sanità Pierpaolo Sileri, la Vicepresidente della Camera Maria Edera Spadoni, i portavoce del Movimento 5 Stelle e i candidati alla Regione Gianni Bertucci e Natascia Cersosimo.

Castelnovo ne' Monti (RE)
11.00-12.00: incontro con i Comitati c/o Sala Consigliare del Comune di Castelnovo ne' Monti, Piazza Gramsci 1

12.00-13.00: Banchetto M5S c/o Isolato Maestà (sito tra Piazza Gramsci e Piazza Peretti).

^^^^^^^^^^^^^^^^

Riceviamo e pubblichiamo

Domani mattina incontreremo il Viceministro della Sanità Pierpaolo Silieri. Gli esporremo le criticità che abbiamo evidenziato in questi anni sia per il punto nascita che per la ginecologia h24 e tutti gli altri servizi che stanno venendo meno nel nostro territorio. Gli ribadiremo le responsabilità della regione ER in queste scelte e di quanto sarebbe assurdo pensare a fantomatici progetti pilota che sposterebbero solo la lancetta di una possibile riapertura con costi enormi per la comunità sia economici che in disservizi. Il punto nascita c'era ed operava in deroga (quindi in sicurezza secondo le vigenti normative) quindi serve solo un decisione regionale per riaprirlo mettendo a disposizione le risorse ed il personale necessari. Come sempre resisteremo, perchè è un nostro diritto nascere e vivere in montagna!

                                              Comitato DI.NA.MO
Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

2 Commenti

  1. la colpa è di chi la applica al momento, si poteva fare in modo di ottenere una deroga quando era ora, è tutto uno scarica barile, ma la responsabilita è di tutta la classe politica.

    anonimo

    Rispondi
  2. UN INCONTRO A NUMERO CHIUSO!!
    Avevo letto che sarebbe venuto il Vice Ministro per incontrare Comitati e cittadini. Da cittadino alle 11 mi sono presentato in Sala Consigliare dove ho appreso che il programma era stato spostato di un’ora. Nessun problema: ero tanto entusiasta e curioso delle importanti notizie che ci avrebbe illustrato il Ministro che ho aspettato fino alle 12 (in realtà non avevo nient’altro di meglio da fare se non starmene un’ora al calduccio in Comune!). Alle 12 iniziano ad arrivare tutte le autorità e cerco di guadagnarmi un posto a sedere nelle ultime fila. Maioli Luica mi fa notare che il Ministro vuole prima incontrare i Comitati (peraltro apprendo che le cicogne non ci saranno, forse hanno capito dell’inutilità dell’incontro) e quindi se si tratta di una riunione a numero chiuso ho deciso di andarmene per trovare qualcosa di meglio. Ed in effetti pensandoci bene, ho fatto alcune considerazioni:
    1) Sulla riapertura dei Punti Nascite decide la Regione (già lo sapevamo) e quindi domanda logica: cosa sono venuti a dirci questi stamattina)
    2) In Regione i pentastellati hanno prodotto una lista autonoma; altra domanda: perchè a livello nazionale governano insieme mentre a livello regionale, pur avendo Bonaccini schierato una lista “civica”, i pentastellati portano una lista autonoma? Forse che si tratti di una lista civetta? o forse non si sono trovati d’accordo sul come spartirsi le poltrone a livello regionale?
    3) Mi è venuta spontanea un ‘equazione (in tempo natalizio ci sta): la lista 5S sta ala lista Bonaccini come S.Giovanni Battista sta al Gesù Cristo. Diceva il Battista: “dopo di me viene uno a cui non sono degno neppure di sciogliere….” facendo da apripista al Messia.
    L’ultima considerazione verte più in generale: in questo ultimo anno da parte di M5S e PD si è sentito e visto di tutto, affermazioni e subitanee smentite. Ora improvvisamente, anzi leggermente in anticipo rispetto a Babbo Natale, qualcuno si accorge che esistono anche territori montani particolarmente disagiati dal punto di vista sanitario, occupazionale e relazionale e vuole fare credere ai cittadini che una certa espressione politica il 26 gennaio potrà far rinascere vigorosa la vita nei nostri territori. In questo ultimo anno noi cittadini siamo stati chiamati a fare molti…troppi atti di Fede. Prossimamente dovremo credere all’arrivo di Babbo Natale, alla Befana, poi viene il 26 Gennaio per cui M5S e Bonaccini ridaranno vigore alle nostre montagne. Mi dispiace i miei atti di Fede si fermano alla Befana!
    Cordiali saluti, Buone Feste a tutti e Buon Tour al Vice Ministro ed a Bonaccini
    Dott.Cavana

    Dott.Cavana

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48