Dolce & Farina 2020: l’Appennino tosco-emiliano festeggia il suo oro

Sabato 18 gennaio 2020 ore 17.00 al Passo del Cerreto, presso il Ristorante Giannarelli, Centro visita del Parco Nazionale dell'Appennino Tosco Emiliano, si svolgerà un 'Laboratorio gastronomico d'Appennino'.

Protagonisti i produttori di castagne e i ristoratori del circuito a Km Zero della Riserva di Biosfera UNESCO dell'Appennino Tosco Emiliano. Nell'occasione si svolgerà il quarto 'Contest' tra i produttori di farina di castagne realizzata con metodo tradizionale sui crinali di Emilia e Toscana, monumento della tradizione che lega il territorio. Tre i momenti della competizione: l’analisi sensoriale del prodotto, a cura di una giuria di esperti; la degustazione delle farine concorrenti con piccoli assaggi prodotti dai ristoratori del circuito a Km Zero; la rivisitazione di un piatto della tradizione a cura di uno Chef rappresentativo dell'Appennino.
‘Dolce&Farina’ è l’evento dedicato alla filiera della castagna: un percorso antico che da sempre lega le comunità d'Appennino alle loro montagne. Per molti piccoli borghi il recupero dell’'albero del pane - come veniva tradizionalmente chiamato il castagno - e dei suoi frutti, così come la riaccensione degli essiccatoi e le fasi di produzione della preziosa farina, rappresentano un ritrovato senso di comunità; un lavoro per tutti i mesi autunnali, fino all'inverno, che riporta le persone a stare insieme per un bene che torna ad essere collettivo.

L’importanza di questo evento è proprio nella partecipazione delle tante comunità che vi si ritrovano, come spiegano gli organizzatori. ”Se a Vallisnera e Civago, a Licciana Nardi e Casola, a Giuncugnano e Monchio delle Corti si riaccendono i metati dopo più di 50 anni, se da Cerreto Alpi, da Cecciola da Sassalbo, da Vaglie, si porta, a ‘Doce&Farina, la farina di castagne prodotta, curata con sapienza e impegno, e se tanti produttori e “metatari”, anche giovani, parlano della loro esperienza con passione e orgoglio dopo almeno 40 giorni e notti di lavoro per tenere acceso un fuoco che nel borgo non ardeva più da moltissimi anni, e raccontano l’emozione di combinare i saperi dei nonni con l’esperienza del fare, se un “gioco” come una gara per la miglior farina di castagna del nostro Appennino accende non solo ricordi, ma sentimento e orgoglio di appartenenza, allora vuol dire che la “civiltà del Castagno” forse può rivivere davvero.”

Quanto la castagna e la sua farina siano importanti lo si vede non solo dal grande valore sociale, ma anche da quello economico. Un valore riconosciuto che per molti produttori è anche certificato dalla DOP.

La filiera, però, non si ferma alla produzione di farina, ma diventa creatività e tradizione nelle sapienti mani di chi, tra forni e fornelli, ne fa piatti prelibati. Sono questi profumi che i produttori e i ristoratori d'Appennino vogliono raccontare per aprire le porte delle nostre comunità a tutti.

Ci sarà anche la Compagnia del Guiterno di Regnano , associazione impegnata nel recupero delle tradizioni che organizza manifestazioni culturali sul territorio di Lunigiana e non solo.
Tra le varie manifestazioni svolte durante l'anno grande importanza viene data a "Polenta di castagne...e..." giornata che vuole raccontare la storia della castagna passando attraverso gesti e sapori ormai quasi dimenticati.
In occasione di Dolce&Farina sarà allestita una mostra di attrezzi originali della raccolta delle castagne e della pistatura sul ceppo, con possibilità di assistere allo spettacolo della pistatura fatta da mani sapienti ed esperte, e un tavolo a scopo didattico dove sarà raccontato il viaggio della castagna da frutto appena raccolto fino ad arrivare a essere farina.

Per informazioni: turismo@parcoappennino.it - www.parcoappennino.it

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Un Commento

  1. Bellissima iniziativa! Dobbiamo riappropriarci del nostro territorio,delle nostre tradizioni e della nostra cultura.Un plauso ai giovani e non, che si impegnano a riaccendere gli antichi metati. E per non fare morire il nostro passato…..insegnare i dialetti nelle nostre scuole???

    Roberta

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48