Discovering a young poet from Ramiseto: Giulia Gaspari. Speakeasy a cura di Francesca Colombani e Giovanni Attolini

Continua la collaborazione tra il liceo linguistico "Cattaneo dall'Aglio" e Redacon tramite la rubrica "Speakeasy" curata direttamente dagli studenti, dell'anno scolastico 2019-2020.


 

Discovering a young poet from Ramiseto: Giulia Gaspari 

Giulia Gaspari 

Giulia Gaspari

Her name is Giulia Gaspari, she is 20 years old and she lives in Ramiseto. She studied languages at Liceo Linguistico Dall'Aglio in Castelnovo Monti and right now she is studying psychology in Florence. Giulia has only recently decided to show everybody her hidden passion, which is writing poems. Today she is back in her high school to answer some questions over her beloved hobby.

I: "How long have you been writing? What motivates you to do that?"

G: "I've always liked writing, since I was a child. Then, growing up, I started taking advantage of this passion to organize my thoughts when I'm stressed out or to spell out some significant events.

I:" And how long have you been doing it in English?"

G:" Well, it's been around 2 years now. I don't really know what brought me to write poems and not other kinds of texts. In addition to that, I've always loved English and I've always felt as it was my native language. I feel I find the right words more easily and I just feel  more comfortable using that amazing language."

I: "Do you write straight in English or do you usually write your thoughts in Italian and then you translate them? 

G: "Straight in English. Many words come easily to my mind, only at times I take long searching for a synonym.

I: "Did a certain author inspire you? Which kind of books or poems do you like to read?”

G:"To begin with, I love reading. I both read in Italian and in English and I'm alway looking for the original language of the book that I'm reading. Then I like reading any kind of book, from old novels, to thrillers and horror books too!

However I particularly like a few authors who write modern poetry. Such as Amanda Lovelace or Rubi Kaur.

I: "What role does writing play in your life ?" 

G: "I feel the need to do that. I'm under no pressure to write by anybody and I don't do that because I'm looking for a job in that working environment. It is just a way to vent myself."

I: "Would you think of writing as a career? Even though you've almost already answered..."

G: "Honestly I don't think I would. I've never even thought about sharing my poems, it's like a secret. Many people who are really close to me don't know about it."

I: "How do you feel while you're writing? What does writing convey to you? 

G:" First of all, I feel relieved knowing I'm free to write whatever I want. It is like getting something out of my heart. As I've already said it's a passion that I have, I would spend hours looking for the perfect word, searching for links between words..."

I: "Apart from when you are stressed out, do you write on special occasions?" 

G: "I get inspired in literally any way, for example while I'm travelling or even when I'm waiting for my train to go to university and I start observing people around me and wondering about the stories of their lives." 

I: "Have you ever found difficulties in writing your poems?" 

G: "Personally I find it very hard to write about something I have never experienced. In fact, I've never written about important themes such as abuse or rape. 

Talking about the language aspect, I'm only afraid sometimes I could misinterpret an English noun, so that I might give it a meaning which isn't completely correct or that someone could misunderstand."

I: "How many poems have you written? Is your collection personal or have you showed it to someone else?"

G: "Up to now I have written almost 70 poems. When I started thinking my passion could be appreciated by someone else, I sent around 20 poems to my English teacher from my old high school so that she could check them and give me her opinion. Then I sent them to some of my closest friends and I decided to tell my mom who really had no clue I was doing that (but I still have not let her read my poems).

I: "Have you ever thought about publishing them, for instance on your social media?"

G: "I looked up 'self-publishing' on the internet. It is used to publish whatever you want online but I don't feel ready yet"

I: "Have you ever followed any writing course or is it just what you learnt through your years spent in high school?"

G: "I wasn't good at all at writing in Italian during high school, but I believe I was already pretty good at writing in English. So I did not attend any course."

I: "How do you compose your poems?"

G: "Usually I do not pay attention to punctuation and I don't even follow 'writing rules'. I firmly believe its aesthetic aspect is crucial and at the same time it is really important to make every word link with another one. Basically that's what modern poetry is about.

Also I don't write using pen and paper, I note down in my phone whatever comes to my mind. Then, usually, I spend hours and hours changing that text or a single word while sometimes I just leave them like that. 

In my opinion everybody can easily identify themselves in my poems and they can interpret them in the way they prefer."

I: "What's the title you've given your collection?" 

G: "I titled it 'SONDER'. It's a new word which means: 'how the life of a stranger can be as complicated as yours'. 

Then I divided the whole collection in 3 parts, one is about positive poems and another one concerns sad poems. 

The third part, the one in the middle, contains poems which convey many feelings both positive and negative.

I gave these parts subtitles in order to recognize them: destination, journey and arrival." 

Let's analyze some poems in particular:

" Amongst my poems, 'nobody's fault' is one of the most personal and I feel really close to it"

“ Una tra le più personali a cui sono particolarmente vicina è: nobody’s fault”

 “What do I do

When I cannot blame you

For not being here?

Am I allowed

To be angry at you

For not caring?

Is it wrong

If I am jealous

Of my best friends dads?

For they are everything you are not.

But maybe once you were. (what alzheimer took away from you)

I cannot remember. (because this kind of illness starts taking away common things, such as old memories, and continues with the most important ones, to the point you aren’t able to create a phrase any longer)

Neither do I.

It is not your fault” 

“This is one of the first poem I have ever written. It’s been almost two years now when early alzheimer was diagnosed for my father. In this poem I tried to encase my anger towards that kind of illness which does not allow me and my father to do what other dads and daughters do.”

“A poem which concerns love is titled al with them”

“You realize you love someone 

When you want them

To experience every beautiful thing

That you do  experience”

All the magic

All the wonder

All with them

"This poem's themes are food disorders. I have never had experience with those problems but I did some research on this problem as apsychologist of Dinner's ready young people" 

“Could a plate of

       nothing

Make you feel

          f

          u

          l

l

And at the end of the day

 As half full we should see a glass.

The hurt will heal

 The pain will cease

 You will remember

 But you will also find your peace.

The chance you didn’t take

 The words you couldn’t say in reply

 As long as you put effort in it

 On a way better tomorrow you can rely”

Real Gardening

 “A seed stays 

 A seed

 And those

 Who plant it

 They do it

 For love

 Only”

"Sometimes we make mistakes or wrong choices, but if we had good reasons to do them, those mistakes are not mistakes any longer" 

"A volte si possono fare degli errori o scelte sbagliate, ma se le motivazioni alla base hanno un valore, allora gli errori non sono più errori"

(Francesca Colombani e Giovanni Attolini 5Q, Liceo linguistico Dall'Aglio)


***

 

Francesca Colombani e Giovanni Attolini 5Q

Scoprendo una giovane poetessa di Ramiseto: Giulia Gaspari

 Si chiama Giulia Gaspari, ha vent’anni e abita a Ramiseto. Ha frequentato il liceo linguistico a Castelnovo ne’ Monti mentre adesso studia psicologia all'università di Firenze. Questa ragazza ha deciso di esporsi pubblicamente, attraverso la nostra intervista, per parlarci della sua passione, ovvero scrivere poesie.

Quando hai iniziato a scrivere e cosa ti ha spinto a farlo?

Scrivo più o meno da sempre, da quando ero bambina, poi crescendo ho utilizzato la scrittura come un modo per organizzare i miei pensieri nei momenti in cui sono molto stressata o quando capitano eventi significativi. Nello specifico scrivo poesie in inglese da circa due anni. Mi sono sempre sentita come se la mia lingua madre fosse l’inglese, come se il modo migliore per esprimermi fosse con quella lingua. Trovo le parole più facilmente, mi sento più a mio agio.

Ti sei ispirata a qualche autore in particolare? Che genere ti piace leggere?

 Amo molto leggere, leggo in italiano ma se c’è la possibilità di leggere un libro in lingua originale in inglese, preferisco leggere in lingua straniera. Leggo più o meno di tutto, romanzi, gialli, thriller, horror.  In particolare ci sono autori di poesia moderna che mi hanno sempre incuriosito come Amanda Lovelace o Rubi Kaur. 

Che ruolo ha esattamente la scrittura nella tua vita?

 Sento il bisogno di scrivere, mi serve, non lo faccio perché voglio o perché devo farlo. È un metodo di sfogo.

Potresti vedere la scrittura in un’ottica lavorativa?

 No, non ho neanche mai pensato di mostrar le mie poesie a nessuno. Quello che scrivo è come un segreto. Tante persone che fanno parte della mia vita non sanno nemmeno di questa passione.

 Come ti senti quando scrivi? Che emozioni ti trasmette la scrittura?

 Innanzitutto mi sento libera di dire quello che voglio, come se mi si togliesse un peso dallo stomaco. Poi è qualcosa che proprio mi piace, io starei delle ore a trovare i giusti termini, a cercare connessioni tra loro...

Oltre ai momenti in cui ne senti il bisogno, ti sei ispirata a qualche evento in particolare per scrivere una determinata poesia?

 Sì, in genere l’ispirazione può arrivare da qualsiasi cosa, come ad esempio su un aereo guardando dal finestrino durante i miei viaggi oppure in treno quando mi sposto per l’università. Ci sono state volte alla stazione quando dovevo attendere ore e iniziavo ad osservare le persone che mi stavano intorno, persone di ogni tipo. Alcune di queste mi ispiravano un qualcosa e iniziavo a crearci una sorta di storia intorno da poi rivisitare nelle mie poesie.

Scrivi direttamente in inglese o prima in italiano e poi traduci?

 Scrivo direttamente in inglese, diverse parole mi risultano molto facili, mentre alcune devo cercarle. Impiego tempo anche nel cercare sinonimi.

Hai incontrato difficoltà in alcune occasioni?

 Ho difficoltà in particolare quando devo scrivere qualcosa di cui io personalmente non ho fatto esperienza. Ad esempio non ho ancora scritto di temi come l’abuso o tematiche importanti perché mi risulta difficile mettermi dei panni di una persona che può averne fatto esperienza.

 Con l’inglese ho difficoltà quando ho paura di usare una parola che io interpreto in un modo quando magari le altre persone lo possono interpretare in un altro. “

Quante poesie hai scritto? La tua raccolta è quindi personale o qualcuno legge le tue poesie?

Fino ad ora ho scritto una settantina di poesie. Quando ho cominciato a pensare che la mia passione potesse davvero venire apprezzata da altri, ho mandato una ventina di scritti alla mia ex prof di inglese del liceo e a qualche amica più stretta. L’ho anche detto a mia madre, che non ne sapeva niente, ma non gliele ho ancora fatte leggere. Nessun altro sa o perlomeno sapeva di questa mia passione. Ho poi deciso di mettere in un ordine logico tutti gli scritti in una raccolta.

 Hai mai provato a pubblicare sui social media?

 Ho provato ad informarmi sul  Self publishing per pubblicarle, ma per il momento non ho concretizzato nulla perché non mi sento ancora pronta.

 Come sono strutturate le tue poesie?

 Solitamente non bado all’uso della punteggiatura o a determinate regole. Nelle mie poesie è molto importante l’abbinamento delle parole e l’aspetto estetico. La poesia moderna infatti non segue schemi precisi. Personalmente non scrivo con carta e penna, ma appunto i miei pensieri sul telefono, poi li trascrivo sul computer e gli do forma. Per alcune poesie impiego tempo per correggerle, rivisitarle e cambiare le parole che non mi convincono. Altre poesie le mantengo come le ho scritte la prima volta. Tutti possono immedesimarsi nelle mie poesie perché non contengono nomi o riferimenti, ognuno può interpretarle come vuole.

 Come si intitola la tua raccolta di poesie?

 Il titolo iniziale è Sonder, che è un neologismo che significa “Comprendere come la vita di uno sconosciuto può essere complicata come la tua”. Ho poi diviso l'intera collezione in 3 parti, la prima contenente poesie felici, la seconda che riguarda poesie tristi. La terza, quella in mezzo, contiene poesie che trasmettono sia pensieri felici che tristi. 

Al fine di riconoscerli ho dato un sottotitolo ad ognuno di essi: la destinazione, il viaggio e l'arrivo. 

 Sonder è anche una parola collegata ai viaggi e le tre parti si distinguono in “destinazione”,  ovvero il luogo da raggiungere, “viaggio”, ovvero il percorso da percorrere e “l’arrivo”.

 Analizziamo qualche poesia in particolare:

 “ Che cosa posso fare,

Quando io non posso darti la colpa? 

Posso essere arrabbiata con te?  (No non è colpa di nessuno)

È sbagliato se sono gelosa dei papà delle mie amiche?

Perché loro sono tutto quello che tu non sei, (quello che la malattia ti ha tolto)

Ma forse una volta lo eri

Non me lo ricordo e neanche tu. ( perché la malattia parte dalle cose più semplici a quelle più importanti, fino ad arrivare a non essere in grado di formulare frasi, capirle e di essere autosufficiente) 

Non è colpa tua papà non è colpa di nessuno”

 Questa è una delle prime poesie che ho scritto e riguarda la malattia di mio padre. A mio padre è stato diagnosticato ormai da due anni l’Alzheimer precoce. In questa poesia è racchiusa tutta la rabbia verso la malattia, che non permette più di fare certe cose come le altre figlie con i loro padri fanno.

Una poesia riguardo l’amore in generale si intitola "All with them".

 Realizzi chiami qualcuno

 Quando vuoi che quel qualcuno

  faccia esperienza delle cose belle

 Di cui hai fatto esperienza tu.

 Tutta la magia

 Tutto il desiderio

  Tutto con loro.

 Questa è una poesia che ha come tema i disturbi alimentari. Non ho mai fatto esperienza di questo problema ma mi sono documentata molto come psicologa dei giovani Dinner’s ready.

Può un piatto

      Di niente

  Farti sentire

          p

          i

          e

         n

          o

          ?

 La cena è pronta!

Un domani migliore

 Il cero si schiarirà

 La tempesta cesserà

 E alla fine del giorno

 Dovremmo vedere il bicchiere mezzo pieno.

 Il dolore cesserà,

 La ferita guarirà,

 Tu lo ricorderai, ma avrei anche trovato la tua pace.

  Le possibilità che non hai colto

 le parole che non hai detto tenendotele dentro,

 Per quanto tu ti sforza

 Puoi sempre contare su un domani migliore.

Il giardiniere

Un seme rimane un seme

   e quelli che lo piantano

lo fanno sempre per amore.

          l

          ?

 

Dinner’s ready!

A few happy poems : 

A way better tomorrow 

“The sky will clear

The storm will pass

 

(Francesca Colombani e Giovanni Attolini 5Q, Liceo linguistico Dall'Aglio)

Le altre lezioni di inglese.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Un Commento

  1. Io non conosco l’inglese, ma le vostre traduzioni mi hanno emozionato.
    Bravi ragazzi , avanti così !

    EldaZannini

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48