E’ morto Pietro Teggi, fu rettore del Convitto nazionale Umberto Primo. Il cordoglio di Carpineti e dei suoi “Teggi’ Boys”

È morto Pietro Teggi di Marola, ex candidato alle primarie del Pd a Carpineti alcuni anni fa e persona molto ben voluta. Era nato a Marola il 6 febbraio 1945, sposato con Leda, padre di tre figli, con tre nipoti.

Si era laureato in lettere moderne con lode nel 1969. Quindi fu docente di Italiano e Storia in scuole secondarie di secondo grado di Venezia dal 1970 al 1980. Nel 1993 vinse il concorso per essere rettore e fu assegnato al Convitto Nazionale “Umberto I“di Torino, dove sarebbe restato sino alla pensione, nel settembre del 2012. Avviò qui la sperimentazione del Liceo Classico Europeo e coordinà a livello nazionale tutti i Licei Classici Europei. Aveva presieduto la commissione provinciale e regionale voluta dal ministro Berlinguer per il rinnovamento dell'insegnamento della storia.

La sua attività gli valse diversi riconoscimenti: nel 1999 fu nominato dal ministro dell'educazione della Repubblica Francese, M.Claude Allegre, Cavaliere dell'Ordine delle Palme Accademiche per il contributo dato alla diffusione della lingua e della cultura francese in Italia. Nel 2012 venne nominato dal primo ministro francese “ Officier “ nell'Ordine delle Palme Accademiche per i servizi resi alla cultura francese.
È spirato a Padova dopo una lunga malattia.

"È con il cuore pesante che ricordo una persona degna di ragguardevole stima - commenta Tiiziano Borghi, sindaco di Carpineti -. Ricordo, la prima volta che conobbi Pietro, ebbi l’impressione di trovarmi davanti ad una persona estremamente autorevole. Infatti era proprio così. Si percepiva che non era una persona come tutte le altre. Superata la timidezza e la riverenza iniziale, Pietro aveva la capacità di metterti a tuo agio e parlare in modo diretto e schietto. Sapeva essere buono ed possedeva una forza d’animo incredibile. Quando mi regalò un volume sul Convitto Nazionale Umberto I di Torino, mi resi conto di quale forza possedesse. Sfogliando le pagine di quel volume, capii come dal nulla, riuscì a risollevare un istituto che ora è diventata un’eccellenza nazionale, ricevendo premi e onorificenze anche dallo Stato francese. Ricordo la sua grande determinazione, quando si metteva in testa una cosa riusciva a raggiungere gli obiettivi con duro lavoro, passione e studio. Mi disse che non aveva mai perso l’amore per il nostro Appennino".

E fu proprio dopo aver raggiunto la meritata pensione che Pietro Teggi tornò definitivamente a Carpineti e volle impegnarsi sin da subito, in prima persona, per il bene del Comune. Si candidò alle primarie del Partito Democratico e riunì attorno a sé un gruppo di giovani carpinetani - si sarebbero affettuosamente chiamati i "Teggi' Boys"-  volenterosi di fare le prime esperienze politiche e di mettere a disposizione i loro studi e le loro capacità per il proprio comune. Per  Pietro, abituato per professione ad investire nell’educazione dei giovani, gli parse lapalissiano poter e dover sostenere i giovani anche nella politica, mettendo a loro disposizione la sua esperienza e i suoi consigli. "Lo ricorderemo come un mentore, un insegnante ed un amico. Esprimo alla moglie Leda e ai figli le condoglianze mie e della comunità".

 

AGGIORNAMENTO

"Abbiamo appreso con dolore della morte di Pietro Teggi. Chi lo ha conosciuto lo ricorda come un uomo molto capace e di singolare spessore e integrità. Come candidato alle elezioni primarie del PD di Carpineti, Pietro ha portato un contributo importante in termini di idee e proposte.  Il nostro pensiero ora va alla famiglia a cui vogliamo manifestare la nostra vicinanza e a cui porgiamo le più sentite condoglianze".  A nome del Circolo del Pd di Carpineti , Dario Bottazzi

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

5 Commenti

  1. La tua improvvisa morte ha lasciato un grande vuoto in quanti ti hanno amato. Specialmente in tutti gli studenti che tu hai conosciuto nel lungo periodo di rettore svolto, al convitto Umberto l a Torino. Il tuo ricordo sarà sempre nel loro animo. Ciao carissimo Pietro. R. I.P

    Tiziano Bertacchi

    Rispondi
  2. Bella persona, attenta alle esigenze degli altri.
    Ho avuto l’opportunità di lavorare con lui per lui.
    Autorevole e solidale
    Lo salito con affetto

    luca

    Rispondi
  3. Conoscevo Pietro da tantissimo tempo .
    Insieme ci siamo trovati a studiare alla Scuola Apostolica del Sacro Cuore di Albino (Bergamo), presso i Sacerdoti del Sacro Cuore, conosciuti come i Dehoniani. Insieme abbiamo fatto tante corse e partite di calcio, tanti silenzi e preghiere, tante ore di studio e ricerca, tanti sogni giovanili e missionari. Insieme siamo cresciuti nell’ideale e nel carisma di Padre Dehon, che ha segnato e impregnato la nostra vita. Poi altre scelte. Però tutti e due impegnati nell’insegnamento. Di tanto in tanto una cena con gli altri amici dehoniani rinsaldava e riscaldava la nostra lunga amicizia. Era il tempo dei ricordi e di qualche rimpianto. Un abbraccio nostalgico rimandava al successivo incontro.
    Sapevo della sua malattia e speravo in un evento positivo.
    Ora saluto Pietro per l’ultima volta e porgo alla moglie e ai figli le mie più vive condoglianze! Addio Pietro. Il nostro prossimo incontro è in cielo!
    Giovanni Guidetti e gli amici dehoniani.

    giovanni guidetti

    Rispondi
  4. Ti saremo sempre vicini nella preghiera, hai lasciato un grande vuoto.

    paola

    Rispondi
  5. Ciao caro Pietro! So che continuerai a farci sentire la tua presenza dal Cielo.

    paola

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48