“Anche a distanza prendiamoci cura dei nostri alunni”: lettera di un professore del Nelson Mandela ai suoi colleghi

Riceviamo e pubblichiamo

Ai miei colleghi,
Ci sono momenti nella vita di ognuno di noi che impongono un cambiamento.
Questa grave emergenza ci sta facendo capire giorno dopo giorno che
dobbiamo prenderci cura gli uni degli altri. Dei nostri nonni, dei genitori, dei
figli, dei fratelli e delle sorelle, dei nostri amici, di chiunque ci sia vicino, di
chiunque abbia bisogno di noi.
Lo stesso vale per i nostri alunni, se pure a distanza in un modo del tutto
nuovo, riusciremo a farli sentire come a scuola.
Lo stiamo già facendo!
Questo è per noi un momento difficile.
Ma abbiamo la forza per resistere e andare avanti. E poco importa se fuori
c'è tempesta, se restiamo uniti presto arriverà l'arcobaleno.
Spero con tutto il cuore di potervi riabbracciare quanto prima. Tutti!

Forza MANDELA...
#ANDRÀTUTTOBENE

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

2 Commenti

  1. L’insegnante è la persona alla quale un genitore affida la cosa più preziosa che possiede suo figlio: il cervello. Glielo affida perché lo trasformi in un oggetto pensante. Ma l’insegnante è anche la persona alla quale lo Stato affida la sua cosa più preziosa: la collettività dei cervelli, perché diventino il paese di domani.
    (Piero Angela)
    EVVIVA gli Insegnanti che lavorano come artisti!

    Giuseppina

    Rispondi
  2. Complimenti perché non tutti stanno usando lo stesso amore…
    Grazie a quelli come Lei.

    alle

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48