Is our destruction of nature responsible for Covid-19? Speakeasy a cura di Letizia Filippi e Martina Predelli

Continua la collaborazione tra il liceo linguistico "Cattaneo dall'Aglio" e Redacon tramite la rubrica "Speakeasy" curata direttamente dagli studenti, dell'anno scolastico 2019-2020.


Good morning everyone!

Today’s article is going to be about these days’ most discussed issue: Covid-19, and in particular about the connection between the destruction of natural environments and viruses, which brings health, security, social and economic problems.

Letizia Filippi e Martina Predelli

The main question is: "Is our exploitation of nature responsible for the spread of pandemics?". This is a point that we shouldn’t underestimate, because if we focus on it and go deeper into the subject, we can discover things we wouldn’t have thought of.

To make things clearer, we can make a first example: in Africa, in Gabon, there’s a little village called Mayibout 2, where people are accustomed to diseases such as malaria and sleeping sickness, so they usually don’t really mind them. But one day these people got in contact with the Ebola virus, which came out of the forest. People who contracted the virus were mostly the ones who had contacts (carried, cooked or ate for example) with chimpanzees, so the ones that “invaded” the environment of chimps. People got terrible fevers that usually brought them to death, only a few recovered.

This example apparently shows, and it is what it was firmly believed two decades ago, that forests and intact natural environments threaten humans because they hide the viruses of new diseases.

Today researchers are always more convinced that it is humanity’s destruction of biodiversity that makes the new viruses emerge and spread, such as Covid-19 in China. By building roads, hunting and cutting trees humans destroy the places that host animals, plants, but also viruses that we don’t know yet. “If their home is ruined, the consequence is that they have to find another one, usually we are it”, as author David Quammen says.

Patogeni del virus

Furthermore we should consider that lots of diseases, which originate in animals, are passing from animals to people. This is due to a mutation in the DNA of the virus that changes its proteins in order to make them perfectly suitable to our proteins so as to enter our organism. Illnesses that confirm this conclusion are for instance rabies and plague, which crossed from animals to humans centuries ago.

Researchers realized that these diseases, which come from animals, are linked to human activities: people are getting closer and closer to environments where there live animals they have never had contacts with. This isn’t a new phenomenon, there have always been lots of pathogens ready to change hosts, as scientist Eric Fevre says. The difference between our time and the past is that today people are more and more in contact with others and with other living species. This gives the opportunity to viruses to pass from species to species and to spread faster.

Among the scholars who speak their minds about this issue there’s Thomas Gillespie, a professor in Emory University’s department  of environmental sciences who isn’t surprised about the Covid-19 outbreak because, as we said before, he thinks that human beings, in the last few years, have been reducing the natural barriers between host animals and themselves and this contributes to the spread of diseases. He also says that since the majority of pathogens are still to be discovered, we are only at the very tip of the iceberg.

Esempio di deforestazione

There are diseases which are very dangerous, but not easily spread such as Ebola, but the real catastrophe would be if Ebola became as easily transmissible as measles.

Another scientist who studies links between human health and the ecosystem is Richard Ostfeld. He says that human activities are the real damage: the destruction of forests increases the transmission of pathogens caused by animals like rats and bats. These animals prosper when we destroy natural habitats like forests, thus making transmission of pathogens more likely.

As a consequence, the more we destroy natural habitats, the more we are at risk. Many ecologists claim that also informal markets could be a way of diffusion of diseases because they sell live animals. Not only wet markets, but also markets in west and central Africa sell dozens of species of birds, insects, mammals in inadequate places such as in refuse dumps

The Chinese government assumes that the “wet market” in Wuhan could have been the starting point of the current Covid-19 pandemic. In this market they sell wild animals such as crocodiles, scorpions, turtles and squirrels. In fact, the Wuhan market has been shut by Chinese authorities and last month Beijing forbade the trading and eating of wild animals, except for fish and seafood.

"Wet market" asiatico

"Wet markets" increase the transmission of pathogens because they don’t pay attention to hygiene rules: live animals are slaughtered, cut up and sold on the spot. It is also true that it is impossible to eliminate these markets because they provide food for poor people in Africa and Asia.

Not  everyone agrees with this consideration, one of these is researcher  Cecilia Tacoli who thinks that the connection between animals in wet markets and the spread of diseases hasn’t been tested and the trade of wild animals could be more dangerous.

So the main question is: "What should we do to reduce the transmission of pathogens?". First of all, we need to change our attitudes, keep informed and be aware that things are changing and the risk of diseases is greater. It’s important to reinforce health care in developing countries, find solutions and research responses.

We can’t predict when or where the next pandemic will come from, but if we don’t take measures it is sure that it will come soon.

(Letizia Filippi e Martina Predelli, classe 5^R, Liceo Linguistico dall’Aglio)

*****

Traduzione

Esempio di deforestazione

Buongiorno a tutti!

L’articolo di oggi riguarderà l’argomento più discusso di questi giorni: Covid-19, in particolare la connessione tra la distruzione degli ambienti naturali e i virus, che porta a problemi di salute, di sicurezza, sociali ed economici. La domanda principale è: "È il nostro sfruttamento della natura il principale responsabile della diffusione delle pandemie?". Questo è un punto che non dovremmo sottovalutare, perché se ci concentrassimo su questo tema e andassimo più a fondo nella materia, potremmo scoprire cose alle quali non avremmo pensato.

per rendere le cose più chiare, possiamo fare un primo esempio: in Africa, in Gabon, c’è un piccolo villaggio chiamato Mayibout 2, dove le persone sono abituate a malattie come la malaria e la malattia del sonno, dunque solitamente non se ne preoccupano molto. Ma un giorno gli abitanti di Mayibout sono venuti a contatto con il virus dell’Ebola uscito dalla foresta. Le persone che hanno contratto il virus erano principalmente quelle che avevano avuto contatti (trasportato, cucinato o mangiato per esempio) con gli scimpanzé, quindi coloro che “hanno invaso” l’ambiente delle scimmie. Gli abitanti hanno sofferto di febbri terribili che solitamente portavano alla morte; solo pochi sono guariti. Questo esempio mostra, ed è ciò a cui si credeva fermamente due decadi fa, che le foreste e gli ambienti naturali intatti minacciano gli uomini perché nascondono i virus di nuove malattie.

Oggi i ricercatori sono sempre più convinti che sia la distruzione della biodiversità da parte degli esseri umani che fa emergere e diffondere i virus, come il Covid-19 in Cina. Costruendo strade, cacciando, tagliando alberi gli uomini distruggono i luoghi che ospitano gli animali, le piante, ma anche i virus che non conosciamo ancora. “Se la loro casa è rovinata, la conseguenza è che devono trovarne un’altra, solitamente siamo noi”, come dice l’autore David Quammen.

"Wet market" asiatico

Inoltre dovremmo considerare che molte malattie che si originano negli animali stanno passando dagli animali alle persone. Questo è dovuto ad una mutazione nel DNA del virus che cambia le sue proteine per renderle perfettamente adattabili alle nostre, entrando così nel nostro organismo. Patologie che confermano questa conclusione sono per esempio la rabbia e la peste che sono passate dagli animali agli uomini secoli fa.

I ricercatori hanno capito che queste malattie, che provengono dagli animali, sono comunque legate alle attività umane: ci stiamo avvicinando sempre più ad ambienti dove vivono animali con i quali non siamo mai entrati in contatto.

Questo non è un fenomeno nuovo, ci sono sempre stati tanti patogeni pronti a cambiare ospiti, come dice lo scienziato Eric Fevre. La differenza tra il nostro tempo e il passato è che oggi le persone sono sempre più a contatto con gli altri e con altre specie viventi. Questo dà l’opportunità ai virus di spostarsi da una specie ad un’altra e di diffondersi più velocemente.

Tra gli studiosi che esprimono la loro opinione su questo problema c’è Thomas Gillespie, professore presso il dipartimento di scienze ambientali della Emory University, il quale non è sorpreso dell’epidemia Covid-19 perché, come abbiamo detto prima, pensa che gli esseri umani, negli ultimi anni, stiano riducendo le barriere naturali tra gli animali ospiti e se stessi e questo contribuisce alla diffusione delle malattie. Inoltre dice che dato che la maggioranza dei patogeni deve ancora essere scoperta, siamo solo alla punta dell’iceberg.

Ci sono malattie molto pericolose, ma non facilmente trasmissibili come l’Ebola. La vera catastrofe sarebbe se l’Ebola diventasse una malattia facilmente trasmissibile come il morbillo.

Un altro scienziato che studia i legami tra la salute umana e l’ecosistema è Richard Ostfeld. Lui afferma che le attività umane sono il vero danno: la distruzione delle foreste aumenta la trasmissione dei patogeni causata da animali come topi e pipistrelli. Questi animali prosperano quando distruggiamo ambienti naturali come le foreste, rendendo dunque più probabile la trasmissione dei patogeni. Di conseguenza, più distruggiamo gli ambienti naturali, più siamo a rischio.

Molti ecologi affermano che anche i mercati informali potrebbero essere un tramite di diffusione di malattie perché vendono animali vivi.                                                                                                                                                                                  Non solo “mercati umidi”, ma anche mercati urbani  nell’Africa occidentale e centrale vendono dozzine di specie di uccelli, insetti e mammiferi in posti inadeguati come discariche di rifiuti.

"Wer market"asiatico

Il Governo Cinese presume che il “mercato umido” a Wuhan potrebbe essere stato il punto di partenza della pandemia di Covid-19. In questo mercato si vendono animali selvatici come coccodrilli, scorpioni, tartarughe e scoiattoli.

Infatti, il mercato di Wuhan è stato chiuso dalle autorità cinesi e il mese scorso Pechino ha vietato il commercio e il consumo di animali selvatici, ad eccezione di pesce e frutti di mare.

I “mercati umidi” aumentano la trasmissione di patogeni perché non prestano attenzione all’igiene: gli animali vivi sono macellati, tagliati e venduti sul momento.

È anche vero che è impossibile eliminare questi mercati perché garantiscono cibo alle persone povere in Africa e Asia. Non tutti sono d’accordo con questa considerazione e una di queste ricercatrici è Cecilia Tacoli, la quale pensa che il legame tra gli animali nei mercati umidi e la diffusione di malattie non sia ancora stata verificata e più pericoloso potrebbe essere il commercio di animali selvatici.

Quindi la domanda principale è: "Cosa dovremmo fare per ridurre la trasmissione dei patogeni?". Prima di tutto, dobbiamo cambiare le nostre abitudini, informarci e essere consapevoli che le cose stanno cambiando e il rischio di malattie è più elevato. È importante rinforzare l’assistenza sanitaria nei paesi in via di sviluppo, trovare soluzioni e cercare risposte.

Non possiamo prevedere  quando o da dove arriverà la prossima pandemia, ma se non prendiamo provvedimenti, è certo che arriverà presto.

(Letizia Filippi e Martina Predelli, classe 5^R, Liceo Linguistico dall’Aglio)

Bibliografia: The Guardian, 'Tip of the iceberg': is our destruction of nature responsible for Covid-19?

 

Le altre lezioni di inglese.

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48