“Ripartiamo dall’Appennino: dove si giunge comodamente e dove si può camminare”

E' possibile da domani 4 maggio raggiungere in auto il territorio collinare e montano dell'Appennino emiliano (nell'ambito di ciascuna provincia) anche per svolgere individualmente attività motorie e sportive.

"Il Parco nazionale  - dichiara Fausto Giovanelli - apprezza e condivide: è un bene per tutti che queste attività importanti per il recupero e il benessere psicofisico di tante persone si possano distribuire su spazi naturali ampi e non siano costrette solo in luoghi densamente abitati come le aree urbane e periurbane. Ciò ovviamente ai fini di ridurre i rischi di contatto e i conseguenti pericoli di ripresa del contagio.

Il Parco nazionale, e più ampiamente la Riserva Uomo e Biosfera, possono offrire una grande rete di sentieri, carraie, strade minori, boschi, spazi aperti e mete naturalistiche e paesaggistiche. In alcune aree delimitate (per ora solo la Pietra di Bismantova) l'accesso è proibito da ordinanze locali.

Si raccomanda comunque a coloro che vorranno fruirne di non scegliere luoghi o punti di partenza generalmente noti e quindi presumibilmente utilizzati da molti, ma di scegliere punti di partenza e percorsi più prossimi e soprattutto meno noti e frequentati di altri. Può essere anche l'occasione per andare alla scoperta di nuovi percorsi, località e paesaggi che sono ovunque interessanti in questa primavera in Appennino.

Si raccomanda inoltre attenzione e precauzioni rispetto a ogni rischio di sicurezza personale, ivi compreso quello di perdere l'orientamento. Il Soccorso alpino regionale ha indicato sui propri siti specifiche raccomandazioni, essendo in questa fase più complicata e onerosa ogni azione di soccorso". Conclude il presidente del Parco nazionale dell’Appennino tosco emiliano.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

3 Commenti

  1. Posso chiedere?
    Volevo in settimana andare al passo del Lupo, ma quando si è al passo di Pradarena, bisogna percorrere un paio di km che fanno parte della Toscana, in alcuni punti non si può fare a meno di usare strada, che fare?
    Grazie se posso avere indicazioni

    et

    Rispondi
    • Credo sia meglio cambiare programma! Credo sia meglio per tutti non avere mete ambiziose. Se succedesse qualche cosa durante l’escursione si avrebbe bisogno di un soccorso già molto impegnato sul fronte covid. Prudenza e accontentiamoci di mete vicine e senza rischi. Verranno giorni migliori ma adesso bisogna pazientare e non esagerare con escursioni esagerate. L’Appennino è talmente bello che basta fare due passi nel circondario per rimanerne incantati.

      MCB

      Rispondi
  2. Mi sembra che il ragionamento di MCB, ossia l’invito alla prudenza, e a pazientare un po’, si sposi abbastanza bene – come due facce della stessa medaglia – con la raccomandazione che leggiamo nelle righe dal titolo “Fase due, il Soccorso Alpino: tutti si dimostrino responsabili”.

    P.B. 04.05.2020

    P.B.

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48