Inequality and pandemics. Speakeasy a cura di Giorgia Bertolani e Matteo Manfredi

Continua la collaborazione tra il liceo linguistico "Cattaneo dall'Aglio" e Redacon tramite la rubrica "Speakeasy" curata direttamente dagli studenti, dell'anno scolastico 2019-2020

Giorgia Bertolani e Matteo Manfredi

The Guardian has recently published an article by science journalist Laura Spinney (author of Pale Rider: The Spanish Flu of 1918 and How It Changed the World) about the consequences of social inequality in a pandemic.

It is said that inequality doesn’t just make pandemics worse, but it could cause them. In fact, disease outbreaks have often appeared at a time of deep social inequality and discord. Research on influenza has found that in an epidemic poverty and inequality can intensify rates of transmission and mortality for everyone. The poor get poorer and they are forced to move and travel between cities, searching for work and a more stable life. In the meantime, the rich have more money to spend on luxury goods, often coming from distant places. In this way, trade routes among different countries connect the world and this leads to the spread of germs and diseases.

The Black Death in European Art

Historian Peter Turchin has defined a strong statistical relationship between the global connection, social crises, and epidemics throughout history. An example could be the Roman and Chinese empires during the second century CE when both kingdoms were at their peak of prosperity and power: because of the Antonine plagues of Rome, within a decade this disease was devastating both the Roman Empire and China, which led to their decline. Also the Black Death of the 14th century and the plague of Justinian of the 6th century appeared in similar circumstances and today we are living the same situation: globalisation and widening social inequality leads to the birth of new human pathogens.

Two major risk factors are thought to make the coronavirus deadlier for those who catch it: old age and pre-existing health conditions. But a body of research points to a third: low socioeconomic status.

Pandemics often cause social crisis or worsen the previous inequalities that caused them. That’s because they mostly hit the poor: people who are underpaid and have unstable employment; who live in crowded places; who have previous health problems; who cannot afford healthcare. People in the lower ranks of society are nearly 10% likelier to have a chronic health condition, making them more exposed to the disease. According to recent studies, such conditions can make the Coronavirus 10 times deadlier. This disease does not depart from the historical pattern that Turchin described before, but, unlike the others, this time there’s also a racial dimension, caused by the socioeconomic collapse.

New York deserted during the lockdown

On the other hand, there’s something new, which has never happened before in the history of humanity: our global lockdown. This procedure is arranged to slow the spread of the virus, prevent overloading the health systems and to save lives. It seems to be working, but it could also worsen social inequalities.

We won’t know how serious the impact is until the pandemic is over, but systematic analyses are already emerging. A survey of 1200 Norwegians has found that people with lower levels of education and income are more likely to be temporarily fired. They can demand a government furlough scheme, but they are also more likely to see their income fall and worry that their unemployment might become permanent.

The Norwegian study didn’t find any relationship between poverty and sickness from Covid-19, but it found that poorer and uneducated people didn’t follow social distancing rules. It’s difficult to explain the reason, but the demographer Svenn-Erik Mamelund of Oslo Metropolitan University, who was involved in the survey, has some theories.

“People in lower socioeconomic levels have to go to work because of their conditions, and they have linguistic problems if they don’t have Norwegian origins” says Mamelund. He is afraid that these people, who don’t understand public health measures, might have higher levels of sickness and then death.

It’s impossible to say whether the measures against Covid-19 are dangerous for human life, but those who imposed them knew there would be a high price to pay. Last year Mamelund took part in a committee that advised the World Health Organisation not to act with medicines in case of a pandemic. The purpose was to consider the costs and benefits of measures to slow down the spread of the disease. They made a list of recommendations that excluded lockdown, even in the worst-case scenario. They never suggested lockdown because they knew it would be harmful socially and economically for all countries.

American anti-quarantine protesters

The social impact of the lockdown happened in India, where there have been many deaths of unemployed migrant workers going back home in search of food. Even the USA has faced social protest.

In China, many workers are employed informally, so they cannot rely on social services if they take time off, especially those in service jobs that have regular contact with other people. As a result, the people who can least afford care are often at greatest risk of transmission.

In Italy, some workers have gone on strike over their employers’ failure to establish what they consider sufficient health protection as the epidemic spreads. “Who cares about the workers’ health, while the rich run away,” a worker said. “But then poor people, who need to bring bread home, go out and take risks.”

Governments should control these events and decide where to impose lockdown. But this cure can be worse than the disease and it could cause a different malaise, which is impossible to deal with.

We should address the issue of inequality in our society, which the pandemic is making harder and on which it feeds.

https://www.theguardian.com/commentisfree/2020/apr/12/inequality-pandemic-lockdown

Giorgia Bertolani and Matteo Manfredi, Classe 4ªQ

*****

Disuguaglianza e pandemie

The Guardian ha recentemente pubblicato un articolo della giornalista scientifica Laura Spinney (autrice di Pale Rider: The Spanish Flu of 1918 and How It Changed the World) sulle conseguenze delle disuguaglianze sociali in una pandemia.

Plague and the Medieval Triumph of Death

Si dice che la disuguaglianza non solo peggiori le pandemie, ma potrebbe causarle. In effetti, i focolai di malattie sono comparsi spesso in momenti di profonda disuguaglianza sociale e discordia. La ricerca sull'influenza ha scoperto che in un'epidemia la povertà e la disuguaglianza possono intensificare i tassi di trasmissione e mortalità per tutti. I poveri diventano più poveri e sono costretti a spostarsi e viaggiare tra le città in cerca di lavoro e di una situazione di vita più stabile. Nel frattempo, i ricchi hanno più soldi da spendere in beni di lusso, spesso provenienti da luoghi distanti. In questo modo, gli scambi commerciali di diversi paesi si intersecano e questo porta alla diffusione di germi e malattie.

Lo storico Peter Turchin ha individuato una forte relazione statistica tra la connessione globale, le crisi sociali e le epidemie nel corso della storia. Un esempio potrebbe essere l'impero romano e quello cinese durante il II secolo d.C., quando entrambi i regni erano al culmine della prosperità e del potere: a causa delle piaghe antonine di Roma, nel giro di un decennio questa malattia devastò sia l'Impero Romano che la Cina, portando al loro declino. Anche la Morte Nera del 14° secolo e la peste di Giustiniano del 6° secolo apparvero in circostanze simili e oggi viviamo la stessa situazione: la globalizzazione e l'ampliamento della disuguaglianza sociale porta alla nascita di nuovi agenti patogeni umani.

Si pensa che due principali fattori di rischio rendano il coronavirus mortale per coloro che lo prendono: vecchiaia e condizioni di salute preesistenti. Ma un gruppo di ricerca ne indica un terzo: basso stato socioeconomico.

an Amercan citizen fired because of Covid19

Le pandemie spesso causano crisi sociali o peggiorano le precedenti disuguaglianze che le hanno causate. Questo perché colpiscono soprattutto i poveri: le persone che sono sottopagate e hanno un'occupazione instabile; che vivono in luoghi affollati; che hanno precedenti problemi di salute; che non possono permettersi l'assistenza sanitaria. Le persone che occupano gli strati più bassi della società hanno quasi il 10% di probabilità in più di avere una condizione cronica di salute, rendendole più esposte alla malattia. Secondo recenti studi, tali condizioni possono rendere il Coronavirus 10 volte più letale. Questa malattia non si discosta dal modello storico precedentemente descritto da Turchin, ma, a differenza degli altri casi, questa volta esiste anche una dimensione razziale, causata dal collasso socioeconomico.

D'altra parte, c'è qualcosa di nuovo, che non è mai successo prima nella storia dell'umanità: il nostro blocco globale. Questa procedura è organizzata per rallentare la diffusione del virus, prevenire il sovraccarico dei sistemi sanitari e salvare vite umane. Sembra funzionare, ma potrebbe anche peggiorare le disuguaglianze sociali.

Non sapremo quanto sia grave l'impatto fino alla fine della pandemia, ma stanno già emergendo analisi sistematiche. Un sondaggio su 1200 norvegesi ha scoperto che le persone con livelli di istruzione e reddito inferiori hanno maggiori probabilità di essere licenziate. Possono richiedere un piano di cassa integrazione, ma hanno anche maggiori probabilità di vedere diminuire il proprio reddito e che la loro disoccupazione possa diventare permanente.

Lo studio norvegese non ha trovato alcuna relazione tra povertà e malattia da Covid-19, ma ha scoperto che le persone più povere e meno istruite non seguivano le regole di distanziamento sociale. È difficile spiegare il perché, ma il demografo Svenn-Erik Mamelund della Metropolitan University di Oslo, che è stato coinvolto nel sondaggio, ha delle teorie.

“Le persone dei più bassi livelli socioeconomici devono andare a lavorare a causa delle loro condizioni e hanno problemi linguistici se non sono di origine norvegese” dice Mamelund. Si teme che queste persone, che non comprendono le misure per la salute pubblica, possano ammalarsi più gravemente e arrivare anche a morire.

È impossibile dire se le misure contro il Covid-19 siano dannose, ma coloro che le hanno imposte sapevano che ci sarebbe stato un alto prezzo da pagare. L’anno scorso Mamelund partecipò a un congresso che consigliò all’Organizzazione Mondiale della Sanità di non agire farmaceuticamente in caso di pandemia. Lo scopo era valutare i costi e i benefici delle misure per rallentare la diffusione della malattia. Fu stilata una lista di raccomandazioni che escludevano il blocco anche nel peggiore dei casi. Non fu mai suggerito il lockdown perché sapevano che sarebbe stato dannoso socialmente ed economicamente per tutti i paesi.

Striking Essential Workers

L’impatto sociale del blocco è avvenuto in India, dove ci sono stati numerosi decessi di lavoratori migranti disoccupati che tornavano a casa in cerca di cibo. Anche gli Stati Uniti hanno affrontato proteste sociali.

In Cina molti lavoratori sono impiegati in modo informale, quindi non possono fare affidamento sui servizi sociali se si devono assentare dal lavoro, specialmente quelli che svolgono un servizio regolare e hanno contatti regolari con altre persone. Di conseguenza, le persone che possono permettersi meno cure sono spesso a maggior rischio di trasmissione. In Italia alcuni lavoratori hanno scioperato per l'incapacità dei loro datori di lavoro di adottare sufficienti protezioni sanitarie mentre l'epidemia si diffonde. "Chi se ne frega della salute dei lavoratori, mentre i ricchi scappano", ha detto un lavoratore. "Ma poi i poveri, che hanno bisogno di portare il pane a casa, escono e corrono rischi."

I governi dovrebbero tenere sotto controllo queste situazioni e decidere dove attuare il blocco. Ma questa cura può essere peggiore della malattia e potrebbe causare un diverso malessere impossibile da affrontare.

Dovremmo affrontare il problema della disuguaglianza nella nostra società, che la pandemia sta rendendo più difficile e di cui si nutre.

https://www.theguardian.com/commentisfree/2020/apr/12/inequality-pandemic-lockdown

Giorgia Bertolani e Matteo Manfredi 4ªQ

Le altre lezioni di inglese

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48