Una mostra sul lavoro coatto in Germania al Teatro Bismantova dal 9 ottobre

Quest’anno ricorre il 75esimo anniversario della fine della Seconda Guerra Mondiale. In particolare il 12, 13 e 14 aprile del 1945 l’esercito americano liberò i deportati e le deportate nei lager e nelle baracche della Reimahg, vicino a Kahla in Turingia. L‘8 maggio del 1945, seguì la resa incondizionata della Germania.

Per celebrare e non dimenticare questo importante momento storico, che ha visto coinvolti anche numerosi abitanti dell’Appennino (nell’ottobre del ’44 circa 100 uomini rastrellati sul territorio furono rinchiusi nell’edificio che oggi ospita il Teatro Bismantova, e 80 furono avviati alla deportazione, diversi proprio verso la Turingia), l’Associazione Walpersberg di Kahla ha organizzato una mostra dal titolo “Storie della porta accanto: lavoro coatto, produzione bellica e crimini dello stabilimento Reimahg 1944-1945”, dedicata alla memoria delle lavoratrici e dei lavoratori coatti, di quelli uccisi e di quelli sopravvissuti.

L’evento è stato reso possibile grazie alle associazioni tedesche che hanno portato la mostra tradotta a Castelnovo, con la collaborazione del Teatro Bismantova e del Comitato gemellaggi castelnovese, molto attivo nel promuovere rapporti con Kahla in vista di un possibile, prossimo gemellaggio.

Afferma l’Assessore ai Gemellaggi e Progetti Europei, Lucia Manfredi: “In questi anni abbiamo coltivato un rapporto molto costante e proficuo con Kahla, fonte di amicizie e nuove conoscenze, attraverso scambi e visite reciproche". A far da guida per le scuole sarà Cleonice Pignedoli, autrice del libro "L'Appennino a Khala".

L'inaugurazione della mostra esposta al Teatro Bismantova è prevista il 9 ottobre, al mattino per gli studenti e alla sera, alle 21, aperta a tutti. Per l’occasione sarà presente una delegazione in arrivo da Kahla, composta da Claudia Nissen-Roth (Presidente dell'Associazione internazionale dei caduti alla Reimahg), Marcel Roth, Frank Sommer, Christin Matthes (membri dell’Associazione internazionale), Hans Gläßer (membro dell'Associazione di storia e ricerca Walpersberg), Markus Gleichmann (membro del Parlamento della Turingia) Franziska Lange (Presidente dell'Associazione di storia e ricerca Walpersberg).

La mostra consiste in una serie di pannelli illustrativi, foto del periodo bellico e video.

Le classi interessate possono prenotare la visita tramite e-mail a [email protected]nemonti.re.it, tenendo presente che il Teatro, nel rispetto delle norme anti-covid, potrà ospitare massimo 65 persone alla volta. Sarà obbligatorio indossare la mascherina.

Altre classi avranno la possibilità di visitare la mostra, previa prenotazione, fino al 23 ottobre 2020, dal lunedì al venerdì, dalle ore 9 alle 13. Per tutti i cittadini la mostra sarà visitabile nei pomeriggi di sabato 10, 17 e 24 ottobre 2020, dalle ore 15 alle ore 19 (con visita a gruppi), tramite prenotazione obbligatoria su www.codazero.it.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48