Vetto, via agli ultimi lavori sulla frana alla Cantoniera

Da oggi, sulla Sp 513 in località La Cantoniera di Vetto, si viaggerà giorno e notte a senso unico alternato regolato da semaforo. Sono infatti iniziati gli ultimi di una lunga serie di lavori partiti che la Provincia di Reggio Emilia, anche grazie ai finanziamenti della Protezione civile regionale, ha effettuato a partire dal maggio 2014 su una delle principali frane dell'Emilia-Romagna, provocando per alcuni giorni la chiusura di questo importante asse stradale della Val d'Enza.

In particolare, nei prossimi giorni verrà installato un paramento verticale in calcestruzzo prefabbricato con funzioni statiche e di rivestimento dei gabbioni realizzati sul lato di monte della strada. Questa fase di lavori durerà circa un mese, durante il quale la circolazione continuerà ad avvenire a senso unico alternato.

La frana a La Cantoniera, avvenuta in seguito a una violenta ondata di maltempo che investì l'Emilia-Romagna tra il 30 aprile e i primi di maggio 2014, coinvolse circa 20.000 metri cubi i detriti e massi, anche di considerevoli dimensioni, che si riversarono sulla Sp 513.

In caso di eventuali emergenze consultare il profilo Twitter della Provincia di Reggio Emilia @ProvinciadiRE

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

7 Commenti

  1. E’ bene che persone come il sottoscritto lascino questo mondo, che vadano “avanti” come diciamo noi Alpini, con la speranza di non vedere cosa faranno i vivi che restano a questa povera Italia. Quanti anni sono che si spendono soldi su questa frana? e quanti se ne spenderanno ancora?; quando bastava fare una piccola galleria e vita natural durante si sarebbe risolto il problema della frana e dei disagi. Ieri ero a Bolzano ad un convegno di Casaclima; nel tornare a casa sono passato dal Trentino e dal Veneto; esattamente in corrispondenza della Diga di Forte Buso nel Parco Nazionale della Foresta di Paneveggio ai piedi delle Pale di San Martino, c’era la stessa situazione di Vetto, sempre problemi di frane, caduta sassi e sensi unici, ieri sono transitato nella nuova galleria che bay-passa la frana; problemi risolti; dimenticavo: la siamo in Trentino.le cose che servono le fanno

    Franzini Lino

    Rispondi
  2. Allacciandomi a quanto scrive Franzini, pure io mi sono sempre chiesto perché mai, per la frana a Cantoniera di Vetto, non si sia allora adottata la soluzione delle cosiddette semi-gallerie, quelle cioè aperte da un lato, a valle, come tante se ne vedono in giro per il Belpaese (mi domando ancora per quali ragioni sia stato scartato, o non preso in considerazione, un tale tipo di intervento).

    P.B. 09.10.2020

    P.B.

    Rispondi
  3. Sono anni che vedo lavorare imprese in quella frana, sarebbe interessante conoscere esattamente l’importo complessivo di quanto speso in tutti questi anni su questa frana visto che sono soldi nostri. Ma risolvere il problema in modo definitivo, come accenna Franzini e P.B. con una galleria, un tunnel esterno o un ampliamento della strada verso l’area del frantoio, forse non va bene a tutti.

    Daniele

    Rispondi
  4. ” Al via gli ultimi lavori…” Non è male! Qualcuno forse si aspetta una perizia Geologica… Idrogeologica… MorfoIdrogelogica o di impatto… Che ne giustifichi le azioni, altrimenti… Per non essere d’accordo con i Signori : Franzini. P. B. E Daniele bisogna essere Discenti del Nulla!

    Massimo Pinelli

    Rispondi
  5. Sg. Franzini… Vada avanti a Testa Alta! Almeno Lei ci mette la Faccia… Con convinzione, perseveranza e lungimiranza. Ripeto per l’ennesima volta (qualora fosse necessario) che non mi interessano colori e bandiere… Quando l’interesse è pubblico… Si ha bisogno di Brave e Capaci Persone che possano a volte cercare perlomeno di far un po’ di differenza. È… A mio giudizio è tutto ciò che possiamo passare ai ns. Giovani… Da ex ALPINO la invito al motto : Sempre Fedeli in Onore e in Miseria alla Nostra sempre Amata Patria!

    Massimo Pinelli

    Rispondi
  6. Grazie Massimo Pinelli per il sostegno al bene comune della ns. Valle, ma grazie per il motto che ha riportato; quanti ne avevamo negli Alpini, uno più bello dell’altro; il motto della mia Compagnia del Genio Alpini della Julia era: “Fin che go fià”; ma quello dell’Onore che cita Lei ha un ulteriore valore; forse sarebbe più corretto dire “aveva un ulteriore valore”. Mentre un tempo l’Onore imponeva di comportarsi con onestà e dignità morale, di valutare il bene e non di agire nel proprio interesse a danno di altri, ora mi sembra un concetto che nessuno utilizza più. Altri tempi Massimo Pinelli, tempi in cui il bene comune era prioritario su tutto, tempi in cui la nostra amata Patria era l’Italia; mentre ora sono i tempi in cui prevalgono solo gli interessi di parte e di partito, pessimo insegnamento per le giovani generazioni.

    Franzini Lino

    Rispondi
  7. A proposito di semi-galleria, una tale ipotesi era stata prospettata oltre sei anni fa, se si va a leggere un articolo di Redacon del 4 marzo del 2014, dal titolo “Ancora dissesti nel vettese: una semigalleria per ovviare?”, il cui estensore iniziava col ricordare che nel corso del 2013 la rete viaria di Vetto era stata martoriata dalle frane, su quasi tutte le sue direttrici, con non piccole conseguenze per la circolazione di autoveicoli e mezzi agricoli, e vi veniva altresì rammentato che sempre nel 2013 si era pure assistito al riavviarsi del movimento franoso in località Cantoniera, su cui vennero eseguiti lavori di ripristino, e già oggetto in precedenza di opere di stabilizzazione.

    Ipotesi che l’estensore di dette righe riprese poi di lì a qualche mese, allorché la via provinciale 513, che collega Vetto con Ciano d’Enza, venne chiusa al transito causa la frana di Cantoniera, come risulta dall’aggiornamento “eravamo stati, purtroppo, facili profeti”, inserito nel successivo articolo di Redacon “Interventi inutili: chiusa completamente la sp 513. Val d’Enza spezzata”, del 20.4.2014, ma per quel che ne so, salvo mie sviste o disinformazioni, non mi risulta che i nostri decisori politici abbiano mai ritenuto di motivare il fatto che per la frana di Cantoniera sia stata scelta altra e diversa soluzione (rispetto a quella della semi-galleria).

    P.B. 12.10.2020

    P.B.

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48