Aggiornamenti Coronavirus in Emilia-Romagna, nuove restrizioni in arrivo per evitare il lockdown

L'andamento dei contagi in Italia sta subendo un leggero aumento e con l'arrivo della brutta stagione la paura di una seconda ondata obbliga l'esecutivo a rivedere i provvedimenti adottati fino ad ora e a prolungare lo stato di emergenza almeno fino al 31 dicembre.

Al riparo dagli allarmismi, con il Dpcm del 7 ottobre è cambiato ben poco se non l'obbligo di indossare le mascherine anche all'aperto, misura peraltro già adottata a livello locale da molte amministrazioni. Sembra infatti che questo Dpcm altro non sia che un piccolo passo in attesa del nuovo decreto più corposo che ci attende giovedì 15 ottobre prossimo.

Per quanto il premier Conte continui a ribadire che non ci sarà un altro lockdown nazionale, se la situazione dovesse peggiorare sarebbero già pronte alcune misure restrittive simili a quelle adottate nei mesi "caldi" di maggio/giugno:

  • il divieto di assembramento fuori da locali, bar e ristoranti, ovvero l'obbligo di essere seduti a un tavolo
  • il divieto di somministrare alcolici dopo le 22, con la possibilità di un vero e proprio "coprifuoco" di bar e locali con chiusura anticipata alle 23
  • mini-lockdown territoriali decisi autonomamente dal presidente regionale, anche se non potranno essere vietati gli spostamenti dentro e fuori la Regione senza l'approvazione dell'esecutivo
  • limitazioni al numero di invitati ai matrimoni e alle feste private in casa

Per quanto riguarda la situazione contagi in Emilia-Romagna, su oltre 10.747 276 tamponi effettuati nella giornata di giovedì 8 ottobre sono 276 i nuovi casi positivi, di cui 126 asintomatici individuati nell'ambito di focolai già noti.

28 i nuovi contagi collegati a rientri dall’estero, per i quali la Regione ha previsto due tamponi naso-faringei durante l’isolamento fiduciario se in arrivo da Paesi extra Schengen e un tampone se di rientro da Grecia, Spagna, Croazia, Malta e regioni della Francia. 11 invece i casi positivi di rientro da altre regioni.

Per quanto riguarda la situazione nelle province, i numeri più elevati si registrano a Modena (52), a Reggio Emilia (48), a Piacenza (35), a Bologna (29), a Parma (28), a Ferrara (26), a Rimini (16), a Ravenna (11) e a Forlì (20).

Nel Reggiano su 48 nuovi casi positivi, 12 sono riconducibili a focolai familiari, 9 classificati come sporadici, 5 importati dall'estero (Marocco, Repubblica Ceca, Ucraina, Moldavia, Romania), 14 riconducibili a focolaio isolato in una struttura per anziani, 8 a focolai noti (2 in ambito scolastico, 4 lavorativo, 2 di amici). 44 le persone in isolamento domiciliare, 4 ricoveri in terapia non intensiva.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48