Monsignor Guiscardo Mercati nella meditazione domenicale illustra come la testimonianza dello Spirito rivela il Figlio.

Riceviamo e pubblichiamo

UNITÀ PASTORALE DI CARPINETI

(335/8257036)

San Prospero, San Biagio, San Donnino, San Pietro,

Onfiano, Pantano, Pianzano, Poiago e Pontone

Vita parrocchiale dal 10 al 17 gennaio 2021

DOMENICA

10 gennaio

Festa del Battesimo del Signore S. Messe: Carpineti ore 8.30 (def. Casolari Andrea e Licinia)

ore 11.15 (pro populo) ore 18.00 (libera intenzione) Pontone ore 10.00 Pantano ore 10.00

LUNEDI’

11 gennaio

S. Messa: ore 18.00 (def. Filippi Remo )

MARTEDI’

12 gennaio

S. Messa: ore 18.00 (def. Carbognani Decimo)

MERCOLEDI’

13 gennaio

S. Messa: ore 10.30 (libera intenzione)
GIOVEDI’

14 gennaio

S. Messa: ore 18.00 (libera intenzione)
VENERDI’

15 gennaio

Memoria di San Mauro

S. Messa: ore 18.00 (voto parrocchiale)

SABATO

16 gennaio

S. Messe: Festive ore 15.00 (per i bambini e ragazzi del catechismo)

ore 18.00 (libera intenzione) a S. Donnino

DOMENICA

17 gennaio

S. Antonio Abate. S. Messe: Carpineti ore 8.30 (def. Filippi Felice) ore 11.15 (def. Piagni Corrado)

ore 18.00 (pro populo) Pontone ore 10.00 Pantano ore 10.00

Meditazione domenicale. La testimonianza dello Spirito rivela il Figlio. Le letture del giorno del Battesimo del Signore- seconda manifestazione di Gesù, dopo l’Epifania- sono caratterizzate da un movimento discendente, dal cielo alla terra, dall’alto verso il basso. Nella prima lettura, tratta dal profeta Isaia, dal cielo, come pioggia, scende la parola di Dio, che non torna a Lui senza aver portato frutto. Nelle acque del Giordano, come ci racconta il Vangelo, di fronte a Giovanni il Battista, scende Gesù inabissandosi, per partecipare al destino degli uomini; dal cielo scende, come colomba, lo spirito di Dio che si posa su Gesù, dando così inizio al suo ministero pubblico. Nel giorno del Battesimo, Dio dà testimonianza al suo Figlio prediletto e questa testimonianza eccezionale, superiore a quella di qualsiasi altro profeta, garantisce saldamente la fede di chiunque aderisca a Gesù di Nazareth: solo una vittoria vince il mondo, ed è la fede in colui che è Figlio amato, rivelazione definitiva che ”Dio è amore”(seconda lettura).

Una bella notizia: Alessio Carubbi lascia l'ospedale e torna in famiglia. Caro Alessio, hai affrontato una dura battaglia, senza mai scoraggiarti, dimostrando tanta forza e coraggio. I tuoi genitori, nonni e amici ti hanno dato una grande forza e i progressi della medicina, un grande contributo. Come Unità Pastorale, in particola la parrocchia di Pantano, non ti siamo potuti stare vicino fisicamente, ma lo siamo stati col pensiero, l’affetto e la preghiera. Siamo felici che tutto si sia concluso nel migliore dei modi. La tua testimonianza serva a tutti come esempio e questa bella notizia sia motivo di speranza per il nuovo anno che stiamo affrontando. Ora vivi la vita con lo stesso coraggio. Sicuramente questa esperienza ti renderà un uomo più forte. Ti auguriamo di realizzare tutti i tuoi sogni. A nome di tutta l’unità pastorale di Carpineti e in particolare di Pantano, un bentornato. Con affetto, Don Guiscardo.

Concorso Presepi. Quest’anno purtroppo noi catechiste non siamo potute passare nelle famiglie per vedere i bellissimi presepi che sono stati allestiti dai ragazzi del catechismo, nelle loro case. Alcuni di essi hanno inviato la foto! Ora la commissione li sta esaminando, non tanto per una graduatoria, ma per cogliere, come tutti gli anni, il significato e la volontà di coloro che l’hanno realizzato. È bello che nelle famiglie si costruisca insieme il presepe perché è un momento di unità familiare, che ci richiama la bellezza della nascita di Gesù nostro Salvatore. Appena saremo in grado di fornire questa valutazione, la comunicheremo. Non potremo fare come gli altri anni in chiesa la descrizione, ma metteremo sul bollettino parrocchiale i commenti più significativi. Un grazie a chi ha aderito a questa tradizionale iniziativa. Le catechiste.

Il tergicristallo. Era un pomeriggio piovoso e una signora stava percorrendo in auto una delle strade principali della città, facendo particolare attenzione perché la strada era bagnata e scivolosa. All’improvviso il figlio, seduto sul sedile accanto, disse: “sai mamma, sto pensando a una cosa”. La donna era curiosa di sapere quello che avrebbe scoperto con la sua testolina di bambino di 7 anni. “Che cosa hai pensato?”. “La pioggia”, iniziò a spiegare, “è come il peccato, e i tergicristalli sono come Dio, che spazza via i nostri peccati”. Superato lo stupore, la mamma chiese: “hai notato che la pioggia continua a cadere? Che cosa significa, seconde te?”. Il bambino non esitò un attimo a rispondere: “noi continuiamo a peccare e Dio continua a perdonarci”. Non esiste nessun libro dove vengono annotati i peccati. Dio non conserva nessun registro, nessun catalogo. Egli ci vede nel momento presente e ci avvolge con un amore incondizionato.

Ricordiamo i nostri morti. Celide Zobbi vedova Gatti di anni 74 deceduta a Castelnuovo Né Monti il 7 gennaio. Nativa di Villa Minozzo, si era sposata con Arnaldo ed era venuta ad abitare a Onfiano, dove ha vissuto occupandosi prevalentemente della cura della sua famiglia. Ha generato due figlie, Agata e Sara alle quali ha trasmesso i valori fondamentali del vivere. Ha gioito per la nascita dei nipoti; dopo la tragica e improvvisa morte del marito, ha continuato ad abitare alla Fornace di Onfiano, ultimamente alternando periodi a casa delle figlie, che l’hanno amorevolmente accudita fino alla fine. Ha concluso la sua vita terrena nel periodo natalizio, il Signore Gesù, che si è fatto bambino per la salvezza dell’umanità, la accolga nella sua infinita misericordia nel suo Regno di luce e di amore. Il suo nome deriva dal greco e significa ”rondine”, possa volare libera nel cielo di Dio Il suo funerale lo abbiamo celebrato nella chiesa di Onfiano e il suo corpo, sepolto nell’attiguo cimitero accanto al marito, vi riposi in pace. Condoglianze ai familiari.

Offerte ricevute: In memoria di Fiorini Cinzia: i famigliari per la chiesa. Corrado Ovi, per la parrocchia. L’alunno Ferrarini Giulio, per la Caritas. Filippi Carla, per l’asilo. In memoria di Zobbi Celide i famigliari per la chiesa di Onfiano . A tutti grazie!

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48