“A Latere. La seduzione della controstoria”. Il documentario che permetterà un dibattito in diretta sul fenomeno del negazionismo dell’Olocausto

Liliana Segre in un fotogramma del documentario

Giovedì 28 gennaio 2021, alle ore 18:15, incontro in diretta con Matteo Manfredini, autore del documentario "A Latere. La seduzione della controstoria", un documento sul fenomeno del negazionismo dell'Olocausto.

L'incontro è organizzato dall'associazione culturale Quarta Dimensione di Cavola in collaborazione con Redacon e sarà trasmesso nelle rispettive pagine Facebook (le trovate nei link col nome).

Adriano Arati

Aprirà il dibattito la portavoce di "Quarta dimensione" Paola Belli, lasciando poi la parola a Matteo Manfredini, al giornalista Adriano Arati,  dell'Area  di comunicazione Istituto storico Istoreco di Reggio Emilia  e l'archivista e ricercatrice storica oltre che  collaboratrice di Istoreco, Chiara Torcianti. Sarà letto uno scritto della poetessa Ivana Cavalletti.

Durante la diretta il pubblico potrà intervenire scrivendo domande o considerazioni in diretta nella chat, che verranno poi poste agli ospiti.

Logo "Quarta dimensione"

Nel mondo della post-verità, dei social network e della riduzione dei "fatti" a semplice conflitto di "opinioni", la storia e il suo uso pubblico vivono un'epoca di grande difficoltà. Nonostante la loro insussistenza scientifica, le tesi negazioniste continuano a esercitare grande fascino e pericolosa attrazione. Per questo Matteo Manfredini ha realizzato questo lavoro che descrive meccanismi e tecniche, attraverso le testimonianze di chi ha vissuto l'Olocausto e di chi ha studiato il fenomeno negazionista.

Sarà un momento per riflettere anche dell'esperienza dell'Olocausto attraverso il pensiero di importanti filosofi del Novecento. Un fenomeno che non si inserisce tra i tanti avvenimenti del secolo scorso, ma una finestra ancora aperta che può dirci molto sul nostro presente.

Chiara Torcianti

Riprese: Matteo Manfredini e Niki Lugli.

Montaggio e post produzione: Francesco Baiocchi e Niki Lugli.
Tecnico del suono: Niki Lugli. Musica: Niki Lugli.
Riprese: Milano, Torino e Museo Memoriale di Auschwitz-Birkenau.
Intervistati: Liliana Segre, sopravvissuta Auschwitz-Birkenau, senatrice a vita; Valentina Pisanty docente di semiotica Università di Bergamo; Claudio Vercelli storico, autore del volume “Il Negazionismo: storia di una menzogna”; Stefano Gatti, ricercatore Osservatorio Antisemitismo, CDEC.
***

Matteo Manfredini

Matteo Manfredini Storico e Saggista, autore de "I Giorni del Covid. Cronaca di una pandemia", Santelli 2020; "Il Gesuita Comunista, vita estrema di Alighiero Tondi spia in Vaticano", Rubbettino 2020; "Le foglie dell'albero, itinerari tra religioni e spiritualità a Reggio Emilia", Corsiero 2019: "Alessandro Carri, un comunista emiliano tra le storie del Novecento", Aliberti 2018. "A latere, la seduzione della controstoria" documentario sul negazionismo dell'Olocausto, 2019.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

2 Commenti

  1. Bellissima iniziativa, bravi tutti!
    Mi si permetta solo una piccola “critica”: suggerirei di utilizzare altri media, oltre (o in alternativa) a Facebook: non tutti difatti usano questa piattaforma e si rischia di tagliare fuori qualcuno. Inoltre, sarebbe anche un bel segnale di rottura verso i social networks, che forniscono, a mio avviso, parecchia benzina al motore del negazionismo e delle teorie complottiste.

    Andrea

    Rispondi
  2. Una iniziativa quanto mai opportuna,tira una brutta aria,vedi il successo delle teorie deliranti diQAnon,schierati in America a sostenere il tentativo di Trump di sovvertire il risultato delle elezioni .L’attacco armato al senato americano in nome di una cospirazione internazionale capitanata dagli ebrei,con 4 morti,non è certo stato un episodio di poco conto..Dobbiamo essere tutti “sentinelle” perché la storia si può ripetere!!!Paolo Ruffini

    Ruffini Paolo

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48