“L’avvertimento” (poesia di Dante Bortolotti)

Ricordi?...noi finimmo le canzoni
ed era ora di tornare a casa
il gelo della notte ci freddava
svelando pensamenti e confessioni.
Ci promettemmo in caso di premorte
di ritornare...vigili in un sogno
per svelare i segreti della sorte
a chi fosse rimasto spettatore.
Tornasti in fretta e...sembravi sicuro
nell'atrio di un palazzo sconosciuto
professionale nel vestito scuro
mi dicesti che niente era perduto.
Eri di fretta, come.... accompagnato,
sotto gli occhiali spessi una favilla
dicesti " attento!" e un nome esagerato
e te ne andasti verso lo scalone.
Al mattino quel sogno era reale
soltanto il nome non ricompariva
per decenni ho provato a ricordare
oggi l'ho visto su tutti i giornali!
Coronavirus! maledetto il nome!
mi avvertivi di un male sconosciuto?
amico mio perché? che devo fare?
il fato mi era già predestinato!
Se non riguarda me l'avvertimento
cercherò di allertare le attenzioni
Ricordi?...noi finimmo le canzoni
ma avvertimmo i rigurgiti del tempo!
Da " La Cultura dell'Alba" inedita Diritti Riservati
Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48