Caf Cisl: la carica dei 68.000 mila. Secondo anno di denuncia dei redditi “in emergenza”

Franco Saracino

Massima discrezione, secondo anno di campagna fiscale ai tempi della pandemia, con tante novità. E’ quanto comunica il Caf Cisl Emilia Centrale, uno dei più grandi Centri di assistenza fiscale della regione, che lo scorso anno ha processato quasi 130 mila pratiche fiscali tra Reggio Emilia e Modena.
“Siamo alla terza settimana di denuncia fiscale, ancora in pandemia ma anche quest'anno operiamo in condizioni di sicurezza – spiega Franco Saracino, responsabile Caf Cisl Emilia Centrale -. Per questo ci siamo organizzati per assicurare la massima disponibilità agli utenti, sia in termini di accesso alle sedi che per gli orari e le modalità di appuntamento. Per garantire alle persone la compilazione della dichiarazione dei redditi in piena sicurezza anche quest'anno abbiamo ulteriormente perfezionato e ripensato gli uffici, con nuovi spazi dotati di scrivanie distanziate, protezioni in plexiglas e dispositivi di sicurezza nel rispetto della normativa anti Covid. Ci rivolgiamo non solo a già chi conosce, ma ci preme ricordare che è importante che anche i lavoratori che sono stati interessati da misure di messa in cassa integrazione o disoccupazione operino per la denuncia dei redditi, perché potrebbero generarsi non solo debiti anche possibili crediti”.
Il servizio del Centro per l’assistenza fiscale della Cisl ha preso il via il lunedì 6 aprile. Sono più di 68.000 mila i modelli 730 elaborati nel 2020 dal Caf: 27.317 in provincia di Reggio Emilia e 40.614 nel Modenese. A questi numeri si aggiungono, da parte della struttura, l’elaborazione di altre 60 mila pratiche fiscali fra dichiarazioni dei redditi, calcolo dell’Isee, Imu, Tasi, successioni, dichiarazioni per prestazioni assistenziali Inps, procedure Red, amministratore di sostegno. Al lavoro anche con i servizi Colf e badanti e locazioni. “Tutte pratiche che il nostro Caf di Reggio Emilia e Modena continua a garantire anche durante le settimane d'emergenza in zone rosse e arancioni”.
“Tradizionalmente – dettaglia il responsabile Saracino – i reggiani e i modenesi ci richiedono la compilazione del modello 730 in virtù di un servizio efficiente e veloce, dalla prenotazione fino alla presentazione della pratica, e soprattutto visionato e controllato da esperti”.
Ed è per questo che il Caf Cisl Emilia Centrale ha messo in campo visi familiari al mondo dei contribuenti: sono infatti 31 gli operatori fissi, che, come ogni anno, sono stati affiancati da altri 83 lavoratori – formati da un corso di ben 150 ore -, per un totale di 114 operatori. Dall’Appennino alla Bassa, sono le 17 sedi di Reggio Emilia (tra cui Castelnovo ne' Monti) e 24 quelle di Modena, aperte in orari d’ufficio. Nella maggior parte delle sedi dalle 8.30 alle 12.30 e tutti i pomeriggi dalle 14.30 alle 18.30.
Per prendere appuntamento ci si può rivolgere ai numeri 0522357555 (per Reggio Emilia), 800 214450 (Modena) oppure al call Center regionale: 800 948 888
Per chi, invece, vuole fare tutto da casa è disponile il personal Caf, sul sito nazionale dove è possibile depositare i documenti www.cafcisl.it.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48