The LGBTQ community and freedom of expression, promoted by Harry Styles. Speakeasy a cura di Chiara Marotta e Giada Ferrari

Continua la collaborazione tra il liceo linguistico “ Cattaneo-Dall’Aglio” e Redacon tramite la rubrica “Speakeasy” curata direttamente dagli studenti dell'anno 2020-2021.

***

Chiara Marotta e Giada Ferrari

The acronym LGBTQ (lesbian, gay, bisexual, transgender, queer) was born in the 90s to replace the term "gay community", considered too generic to represent a much wider community.

The acronym is intended to indicate the multiple sexual diversities existing without discriminating against any gender but trying to satisfy the desire for personal identification of all and referring to anyone who is non-heterosexual.

This community has always been discriminated, regardless of their role in society: the famous writer Oscar Wilde was initially prevented from publishing one of his most famous novels "The Portrait of Dorian Gray" because it vaguely alluded to the homosexuality of one of the protagonists. Oscar Wilde himself was a homosexual and was therefore imprisoned and excluded from society.

With the advent of totalitarianism in Europe, the hatred for these communities only increased: with Hitler’s rise to power and his policy of hate for whoever was “different”, more than 50.000 homosexuals were interned in concentration camps. To distinguish homosexuals from other prisoners there was, in the case of men, a pink triangle sewn on the uniform at the height of the chest; in the case of women, a black triangle. We usually refer to the extermination of homosexuals in Nazi concentration camps as Homocaust.

It was not until the 1980s that these episodes began to be recognized as part of the Nazi persecution. In 2002, the German government officially apologized to the gay community.

Deportati omosessuali nei campi di concentramento con il triangolo rosa

The starting point for what will be the contemporary homosexual liberation movement around the world are the Stonewall uprisings of 1969. The riot takes its name from the historic local Stonewall Inn in New York, which the LGBT community of the time used to frequent and where police raids were a fairly regular custom.

On the evening of June 27 1969, district officials entered the bar to arrest those who were without identity papers and all people dressed in opposite-sex clothes, in addition to some employees. The riot lit up in the crowd to the cry of "Gay Power" and continued into the following days, bringing out all the anger at the way the LGBT community had been treated in previous decades.

In the 80s the LGBT movement had to deal with the AIDS epidemic. It was widely believed that AIDS was related to homosexuality, and the syndrome was initially called GRID, Gay-Related Immune Deficiency.

LGBTQ flag in Stonewall, New York

Although doctors of the time soon denied the correlation between AIDS and homosexuality, unfortunately the propaganda of some Churches spread the convinction that the illness was God’s punishment for being homosexual.

With the 2000s, LGBT movements around the world began to be recognized.

In fact, the long series of countries that have enacted laws to establish civil unions between persons of the same sex began, although Italy had to wait until 2016.

Despite the many steps forward, the LGBTQ community continues to suffer violence: the most recent example dates back to 26 February 2021 at a station in Rome, when a passer-by saw a homosexual couple about to kiss and began to insult them, and then hit them with kicks and punches.

This, like many other episodes, has sparked some anger especially on social media, where many people have taken sides to defend the couple.

However, social media are the origin of the most frequent homophobia episodes: many users hide behind fake accounts in order to offend and insult the young people, who simply try to express themselves through this platform.

Harry Styles, Vogue Campaign 2020

 

Because of these comments, many young people feel there’s something wrong with them and try to hide who they really are.

Fortunately, positive content is also published, which aims to convey confidence and eliminate many prejudices like toxic masculinity, which forces young people to show up for what they’re not, just to meet standards.

One of the characters that today tries to convey these messages is the singer Harry Styles, who, knowing the risks and aware of the criticism that it might attract, is committed to supporting freedom of expression and equal rights.

Last December he was involved in a Vogue campaign in the name of freedom of expression and against toxic masculinity. In each of the shots we see the singer wearing long dresses, skirts, but also accessories such as nail polish and bags. It is thanks to celebrities like him that many young people are no longer afraid to express themselves and to show themselves as they are. They are models to follow so that the society in which we live can finally change.

With this article we would like to raise your awareness on a subject much closer to our reality than it seems, and we would like to encourage you to reflect on the ZAN bill of law: a draft law whose purpose is the prevention of homolesbobitransfobic phenomena, on the one hand through the extension of hate crimes against sexual orientation, gender identity and gender, and on the other through a series of active proposals that educate and raise awareness of respect for everyone. We need this law in order to allow everyone the respect they deserve and to obtain a morally equal society.

(Chiara Marotta e Ferrari Giada 5ªQ)

 

****

 

La sigla LGBTQ (lesbiche, gay, bisessuali, transgender, queer) nasce negli anni ’90 per sostituire il termine “comunità gay”, ritenuto troppo generico per rappresentare una comunità ben più vasta.

L’acronimo ha infatti il fine di indicare le molteplici diversità sessuali esistenti, senza discriminare alcun genere ma cercando di soddisfare il desiderio di identificazione personale di tutti e riferendosi a chiunque sia non-eterosessuale.

Questa comunità è da sempre oggetto di discriminazioni, indipendentemente dal suo ruolo nella società, come accadde al celeberrimo scrittore Oscar Wilde a cui fu inizialmente impedito di pubblicare uno dei suoi romanzi più famosi “Il ritratto di Dorian Gray”, perché alludeva vagamente all’omossessualità di uno dei protagonisti. Oscar Wilde stesso era omosessuale e per questo fu anche incarcerato ed escluso dalla società.

Con l’avvento dei totalitarismi in Europa, l’odio verso queste comunità non ha fatto altro che aumentare: con l’ascesa al potere di Hitler e con la sua politica di odio nei confronti del diverso, più di 50000 omosessuali furono internati nei campi di concentramento. A distinguere gli omosessuali dagli altri prigionieri era, nel caso degli uomini, un triangolo rosa cucito sulla divisa all'altezza del petto; nel caso delle donne, un triangolo nero. Si è soliti riferirsi allo sterminio degli omosessuali nei campi di concentramento nazisti come Omocausto.

Solo a partire dagli anni '80 del 1900 si è cominciato a riconoscere anche questi episodi come parte della persecuzione nazista. Nel 2002 infine il governo tedesco ha chiesto ufficialmente scusa alla comunità gay.

Il punto di inizio per quello che sarà il movimento di liberazione omosessuale contemporaneo in tutto il mondo sono i moti di Stonewall del 1969. La rivolta prende il nome dallo storico locale Stonewall Inn a New York, che la comunità LGBT dell’epoca era solita frequentare e presso il quale le incursioni della polizia erano una consuetudine abbastanza regolare.

La sera del 27 Giugno 1969, gli ufficiali del distretto entrarono nel bar per arrestare coloro i quali erano privi dei documenti di identità e tutte le persone vestite con abiti del sesso opposto, oltre ad alcuni dipendenti. La rivolta si accese tra la folla al grido di “Gay Power” e si protrasse anche nei giorni seguenti, facendo emergere tutta la rabbia per il modo in cui era stata trattata la comunità LGBT nei decenni precedenti.

Negli anni ‘80 il movimento LGBT dovette fare i conti con l’epidemia dell’AIDS. Nell’opinione pubblica si diffuse l’idea che l’AIDS fosse correlato all’omosessualità, tant’è vero che all’inizio la sindrome fu chiamata GRID, ovvero Gay-Related Immune Deficiency.

Nonostante i medici dell’epoca avessero smentito presto la correlazione tra AIDS e omosessualità, purtroppo la propaganda di alcune Chiese diffuse la convinzione che la malattia fosse una punizione di Dio per i gay.

Con gli anni 2000 i movimenti LGBT di tutto il mondo iniziarono a vedersi riconosciuti. Ha infatti inizio la lunga serie di Paesi che promulgano leggi per istituire le unioni civili tra persone dello stesso sesso, sebbene l’Italia abbia dovuto aspettare fino al 2016.

Nonostante i numerosi passi avanti, la comunità LGBTQ continua tutt’oggi a subire violenze: l’esempio più recente risale al 26 febbraio 2021 in una stazione di Roma, quando un passante vide una coppia omossessuale in procinto di baciarsi e iniziò ad insultarli, per poi colpirli con calci e pugni.

Questo come molti altri episodi ha scatenato una certa ira soprattutto sui social, dove moltissime persone si sono schierate per difendere la coppia.

Tuttavia i social media sono l’origine degli episodi di omofobia più frequenti. molti utenti si nascondono dietro ad account falsi per poter offendere ed insultare gratuitamente giovani che attraverso questa piattaforma cercano semplicemente di esprimere se stessi. Proprio a causa di questi commenti, molti ragazzi si sentono sbagliati e cercano di nascondersi.

Fortunatamente vengono anche pubblicati contenuti di positività, che mirano a trasmettere autostima ed eliminare molti pregiudizi: come la mascolinità tossica, che costringe i ragazzi a mostrarsi per quello che non sono realmente, soltanto per soddisfare gli standard.

Uno dei personaggi che ad oggi cerca di trasmettere questi messaggi è il cantante Harry Styles, che seppur conoscendo i rischi e consapevole delle critiche che potrebbe attirare, si impegna con molta dedizione a supportare la libertà di espressione e la parità dei diritti.

Lo scorso dicembre è stato coinvolto in una campagna di Vogue all’insegna della libertà d’espressione e contro la mascolinità tossica. In ognuno degli scatti vediamo il cantante indossare abiti lunghi, gonne, ma anche accessori come lo smalto sulle unghie e le borse. È proprio grazie a celebrità come lui, che molti giovani non hanno più paura di esprimersi e di mostrarsi per come sono. Sono dei modelli da seguire affinché la società in cui viviamo possa finalmente cambiare.

Con questo articolo vorremmo sensibilizzarvi su un argomento molto più vicino alla nostra realtà di quanto sembri, e vorremmo spingervi a riflettere sul DDL ZAN: una proposta di legge il cui scopo è la prevenzione dei fenomeni omolesbobitransfobici, da una parte tramite l’estensione dei reati d’odio contro l’orientamento sessuale, l’identità di genere e il genere e dall’altra tramite una serie di proposte attive che educhino e sensibilizzino al rispetto verso tutte e tutti.

Noi abbiamo bisogno di questa legge per poter consentire a tutti il rispetto che si meritano e per ottenere una società equa.

(Chiara Marotta e Ferrari Giada 5ªQ)

Le altre lezioni di inglese

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Un Commento

  1. Bravissime ragazze, chapeau!
    Dispiace doverla buttare sempre in politica, ma l’ultimo passaggio sul DDL Zan fa riflettere. L’atteggiamento della destra e della lega in particolare su questo argomento è scandaloso. Questi partiti politici cercano di fare ostruzionismo con ogni scusa (ci sono cose più importanti da fare, come salvare il vitalizio di Formigoni), e non hanno nemmeno il coraggio di ammettere la loro più o meno velata omofobia. Nel 2021 un atteggiamento di questo tipo non ha davvero scusanti, speriamo che la mobilitazione di gran parte dell’opinione pubblica prevalga sulla mentalità retrograda di questi personaggi.
    Andrea

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48