Genitori di studenti di Modena e Reggio Emilia protestano per il trasporto scolastico delle superiori e la organizzazione del tempo scuola

Il Coordinamento dei Presidenti dei consigli di istituto di Modena e provincia, il Coordinamento dei  Presidenti dei consigli di istituto di Reggio Emilia e provincia, il Coordinamento Provinciale Genitori Modena – insieme per la scuola CGD - Coordinamento Genitori Democratici, l'A.Ge. Associazione Genitori – Modena  PAS Modena – Priorità alla Scuola Modena, il PAS Reggio Emilia – Priorità alla Scuola Reggio Emilia hanno inviato la lettera che segue a tutte le autorità territoriali e scolastiche, a partire dal Presidente del Consiglio , a diversi ministri, alle autorità regionali, provinciali e comunali, alle autorità scolastiche territoriali, fino al presidente di SETA la società che gestisce il trasporto pubblico.

La lettera lamenta la inadeguatezza del trasporto scolastico in tempi di pandemia e chiede ai dirigenti scolastici della provincia di Reggio Emilia di sospendere la turnazione nelle superiori come già avvenuto a Modena.

^^^^^

Siamo genitori delle scuole delle province di Modena e Reggio Emilia (province con il maggior numero di studenti pendolari dopo Bologna) e siamo a segnalarvi che, a seguito del DL 52 del 22/04/2021 che innalza la percentuale di presenza minima degli studenti al 70%, a causa della inadeguatezza del trasporto scolastico, le scuole hanno dovuto attivare un doppio orario di entrata (8 – 10) e di uscita (13/14 – 15/16). Inoltre questa situazione obbliga i ragazzi e i docenti (sorveglianza scolastica) a sostare in aula per il pranzo con evidente aumento del rischio di contagio.

Tale misura è stata imposta dalle due Prefetture per ottemperare a quanto previsto nel DL senza poter scendere al di sotto della soglia minima prevista.

A seguito della mobilitazione di studenti e famiglie, a Modena dopo due giorni è stato ripristinato il turno unico, mentre purtroppo persiste ancora in Reggio Emilia e provincia.

Premettiamo che abbiamo sempre desiderato che tutti i ragazzi delle scuole superiori potessero lasciare la DAD e frequentare la Scuola in presenza. Tuttavia, gli orari differenziati, le uscite fino al pomeriggio inoltrato e i lunghi tempi di trasferimento casa/scuola, fanno prevalere il disagio e mettono in seria difficoltà famiglie, alunni e organizzazione scolastica, ad un mese dalla fine della scuola e ad un anno dall’inizio della pandemia.

Vi richiediamo di estendere a Reggio Emilia quanto già attuato su Modena e di attivarvi affinché, per il nuovo A.S. 2021/22, ci sia finalmente la garanzia di un servizio di trasporto pubblico adeguato alle esigenze della popolazione scolastica del territorio.

 In considerazione della nostra forte preoccupazione che questo disagio si protragga anche nel prossimo A.S., rimaniamo in attesa di un vostro solerte riscontro.

 

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Un Commento

  1. Anche a Parma hanno l’orario normale . Secondo me questo orario lungo stanca solo i ragazzi che arrivano a casa alle 15.30/16 e devono iniziare a studiare mahh
    Capisco che questa pandemia ha spiazzato tutti e decidere su queste cose non e’ facile ma confermo che a Parma orario normale . Bisognerebbe confrontarsi su contagi ecc. Speriamo finisca presto con vaccino per tutti .

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48