Rondini e rondoni annunciano la fine dell’estate (video di Marco Campari e Umberto Gianferrari)

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Un Commento

  1. Rondini e rondoni, unitamente ai balestrucci, vengono annoverati tra i principali “predatori” delle zanzare diurne, anche se c’è disomogeneità di vedute sul numero dì tali insetti catturati giornalmente, e tra le tesi in campo figura pure quella che attribuisce alla diminuzione di dette specie di avifauna il progressivo aumento delle zanzare, e la loro diffusione anche in zone che prima ne erano esenti (anche di alta collina e oltre)

    Io non so se vi sia realmente questa corrispondenza tra causa ed effetto, ma è innegabile la coincidenza temporale tra le due circostanze, e non possiamo comunque ignorare i tempi in cui rondini e affini popolavano abbondantemente i nostri luoghi, nidificando in buon numero all’interno delle stalle – allora piuttosto diffuse sul nostro territorio – mentre il loro arrivo e la loro successiva partenza segnavano l’avvicendarsi delle stagioni.

    C’è chi teorizza che il calo delle stalle abbia allontanato le rondini dai nostri posti, e forse può anche esservi una qualche relazione in tal senso, ma il fenomeno della loro riduzione sembra essere più generalizzato, e trova verosimilmente anche altre e diverse ragioni, e in ogni caso potrebbe tentarsi di attrarne la nidificazione attraverso il ricorso a nidi artificiali (qui però sarebbe utile, e benvenuto, io credo, il parere di un esperto in materia).

    P.B.

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48