Home Cronaca In ricordo di Anacleto Dughetti, imprenditore dell’Appennino, recentemente scomparso

In ricordo di Anacleto Dughetti, imprenditore dell’Appennino, recentemente scomparso

36
0
Anacleto "Cleto" Dughetti

Solo ieri è scomparso Anacleto Dughetti, imprenditore dell'Appennino Reggiano conosciuto da tutti come Cleto, che nel 1968 ha creato, assieme al fratello Franco, il bar con annessa locanda e gli impianti sciistici presso il Ventasso. Nel 1973, unitamente alla famiglia, ha costituito il camping "Il faggio", meta di numerosi turisti che in esso hanno trovato luogo di riposo e tranquillità, immerso nel verde dei nostri bei monti.

Instancabile, era frequente vederlo di buon'ora a bordo della motofalciatrice aggirarsi per i vialetti che portano alle casette prefabbricate ed alle roulotte. Nel tempo ha creato un'oasi di pace, ingentilita da fiori ed arredi in legno e sasso, fedele custode della tradizione montana e, negli ultimi anni, grazie all'idea della figlia Roberta, da un presepio inserito in un carretto/roulotte che accoglie i visitatori in ogni periodo dell'anno. Mai fermo riceveva i turisti presso il bar e non mancava mai di rivolgere loro un sorriso e due parole. Indispensabile l'aiuto della famiglia: la moglie Ombretta e la figlia Roberta, che dopo un'esperienza lavorativa al di fuori dell'attività di famiglia ha deciso di dedicarvicisi, consapevole del grosso impegno che comporta seguire una struttura di accoglienza.

Chiunque lo abbia conosciuto lo ricorderà amabile ospite ed instancabile lavoratore, che solo una lunga e implacabile malattia ha tolto all'affetto dei suoi cari e a quanti hanno apprezzato le sue qualità umane. L'opera di Cleto prosegue con Roberta, che con la sua altrettanto indefessa attività continuerà a mantenere vivo il suo ricordo grazie al motto di famiglia: "Raggiungeteci da ospiti, ci lascerete da amici!"