Home Homepage Da Casina a Istanbul in bici: l’avventura di Ivano Filippi

Da Casina a Istanbul in bici: l’avventura di Ivano Filippi

100
0

Pedalando per 2470 chilometri, il casinese Ivano Filippi è arrivato lo scorso 27 settembre a Istanbul in bici. Solo, con le sue gambe. Il 64enne è partito da Casina il primo settembre, accompagnato da una carovana di amici fino a un camping lungo il Po, dove avrebbe soggiornato la prima notte per poi ripartire alla volta di Venezia, prima tappa del viaggio.

Dopo aver pedalato per 27 giorni a una media di 91 chilometri al giorno, Ivano Filippi, ex bancario in pensione, è arrivato nella capitale turca, città che aveva già visitato in passato. "Ora sono di nuovo qui, arrivato con la mia indistruttibile Trek, le mie borse da viaggio, le mie paure ma anche i miei sogni - si legge sul post di Facebook, su cui Ivano ha tenuto un diario di viaggio -. Con me ho portato "Le ali di Camilla" e sono certo che Camilla ha volato insieme a me fin qui a Istanbul. È stato un viaggio entusiasmante, un'avventura avvincente. Ho pedalato per 27 giorni, percorso esattamente 2.470 chilometri, attraversato 7 Stati (Slovenia, Croazia, Bosnia, Montenegro, Albania, Grecia e Turchia), e scoperto e ammirato posti incredibili, conosciuto persone diverse, un po' strane ma sempre gentili.

Ringrazio di cuore tutti quelli che mi hanno sostenuto, i numerosi amici che mi hanno incitato, scritto, addirittura telefonato preoccupati di sapere come stavo e come era la situazione intorno a me. Grazie al mio gruppo ciclistico "i Tornanti" per il continuo supporto e, infine, un caloroso pensiero ai miei familiari, spero di riabbracciarvi presto. Alessandra arrivo! Un arrivederci e un risentirci alla prossima avventura".

Nel suo viaggio, Filippi ha infatti voluto sostenere l'associazione no-profit "Le ali di Camilla", fondata a Modena nel 2019. Il gruppo si occupa di promuovere la ricerca e la cura dell'Epidermolisi Bollosa e di malattie rare degli epiteli e di favorire la presa in carico sanitaria dei pazienti affetti da tali patologie. "In questo viaggio porto con me la vicinanza di molte persone che sostengono con amore un'associazione no-profit "Le ali di Camilla"- si legge in un altro post.

Ivano non è però nuovo a imprese del genere: è stato a Parigi, Capo Nord e altre località. Ex bancario in pensione, oltre a questa grande passione, la bicicletta, è anche triatleta, pratica nuoto e podismo, tra le altre discipline. Ha partecipato anche ad alcune maratone. In passato ha attraversato a nuoto lo stretto di Gibilterra, le Bocche di Bonifacio dalla Sardegna alla Corsica, e soprattutto il lago di Lochness, dove però, dopo 8 ore di nuoto, si è dovuto ritirare causa il freddo e le condizioni avverse. Ora annovera questa ulteriore straordinaria impresa fra i ricordi più belli.

"Oggi non so dove arriverò ma l'importante è avanzare, con calma e tranquillità, ma avanzare sempre. Inshallah (se Dio vorrà)"