Sorpresa a Ventasso: il nuovo sindaco è Chicco Ferretti. A Casina si conferma Costi

Enrico Chicco Ferretti, nuovo sindaco di VentassoEnrico (Chicco) Ferretti nuovo sindaco di Ventasso. Stefano Costi confermato a Casina.

Il colpo più grosso lo ha fatto Enrico (Chicco) Ferretti a Ventasso, nato dalla fusione dei Comuni (storicamente “rossi”) di Busana, Ligonchio, Ramiseto, Collagna. Qui, a vincere, è la lista Civica di Enrico (noto a tutti come Chicco) Ferretti. Sarà lui a raccogliere il testimone di Antonio Manari che segna un clamoroso tonfo al 20,8% delle preferenze. Prima ancora, durante lo spoglio, avvincente è stato il testa a testa con Paolo Bargiacchi che si è fermato al 39,3% delle preferenze contro il 39,9% delle preferenze di di Ferretti che incassa 976 voti: solo 13 in più di Bargiacchi.

A Casina, invece, esce confermato il civico Stefano Costi che vince con il 62,28% delle preferenze (parti a 1.473 voti) sulla giovane Anna Fornili, sostenuta da una lista di centrosinistra, ferma al 37,72% (892 voti). Costi, per altro, aumenta l’apprezzamento rispetto allo storico ballottaggio con Gianfranco Rinaldi di 5 anni fa.

Stefano Costi, confermato sindaco a CasinaCon questo quadro prosegue l’ondata di sindaci civici al governo della montagna che, di fatto, sono la maggioranza ora all'interno dell'Unione Montana. Di contro esce sconfitto il Pd che, su queste elezioni, aveva messo in campo l’unico candidato sindaco tesserato (Antonio Manari a Ventasso) e i vertici regionali a sostegno nella campagna elettorale delle due liste al partito più vicine. Alessio Mammi, assessore regionale, era intervenuto a Ventasso e Casina, quindi Luca Vecchi, Graziano Delrio, Ilenia Malavasi, Pierluigi Castagneti si erano spesi di persona (o sui social, come Castagnetti) a sostegno della Fornili a Casina.

Negli altri due comuni reggiani dove si votava a Castellarno si conferma sindaco Giorgio Zanni, a San Martino in Rio il sindaco sarà il confermato Paolo Fuccio.

___

Una singolarità: Facebook, Whatsapp e Instagram down in contemporanea. Problemi per le tre piattaforme di proprietà della compagnia di Mark Zuckerberg nel pomeriggio del 4 ottobre 2021. Proprio quando un po' in tutta Italia si commentavano i risultati delle elezioni amministrative. Il problema si è verificato praticamente in simultanea su tutte e tre le piattaforme, alle quali è temporaneamente impossibile accedere (i browser indicano che è impossibile raggiungere i tre siti; problemi anche per consultare le app e leggere i messaggi). Così, come molti anni fa, l'unico modo "online" per commentare online le elezioni... è attraverso i "vecchi commenti" su Redacon.

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

34 Commenti

  1. Molto bene Chicco. Ora avanti tutta!

    (Paola Bizzarri)

    Rispondi
  2. Congratulazioni Chicco!!!

    (Paola Ferretti)

    Rispondi
  3. L’incredibile è solo un millimetro oltre il credibile… Bravooo!

    (Umberto)

    Rispondi
  4. Che la gestione Manari sia stata deludente allora e’ vero …… Auguri al giovane nuovo Sindaco e in bocca al lupo.

    (A.)

    Rispondi
  5. Complimenti a Ferretti, ma l altro dato che esce da questa consultazione è che il quinquennio dell ‘ amministrazione Manari non ha suscitato grandi entusiasmi nella popolazione; e i progetti che erano stati avviati dagli amministratori uscenti che fine faranno ora ?

    (IC)

    Rispondi
  6. Chi vince ha sempre ragione!
    Congratulazioni e buon lavoro al nuovo Sindaco.
    Un grande e sincero ringraziamento ad Antonio Manari per tutl ottimo lavoro svolto. ( almeno qui a Cerreto Laghi).
    La speranza è che il nuovo Sindaco possa fare quanto e più del suo predecessore.

    (Alessandro Zampolini)

    Rispondi
  7. Quindi SI PUÒ’ FARE!!! Esiste vita oltre la
    Sinistra !
    FN

    (FN)

    Rispondi
  8. E adesso via con la diga…..

    (STEFANO)

    Rispondi
  9. quali sono i progetti avviati dalla precedente amministrazione?

    (tb)

    Rispondi
    • Nei vari incontri prima delle elezioni la lista Manari ha parlato di quanto fatto in questi 5 anni ed anche nella loro pagina Facebook ci sono riferimenti.

      (IC)

      Rispondi
  10. Non condivido il titolo dell’articolo, non vedo dove sia la sorpresa vista la disastrosa amministrazione degli ultimi 5 anni. Ormai, soprattutto i più giovani, non credono più alle fandonie della vecchia politica. Buon lavoro alla nuova amministrazione.

    (Pane)

    Rispondi
  11. Auguro un grosso in “bocca al lupo” a Chicco ed alla sua giovane squadra. Avra’ un percorso molto duro davanti ma con volonta’, impegno, idee chiare e progetti realizzabili, tutto sara’ possibile.

    (Enrico Ferretti 1960)

    Rispondi
  12. Bravi, ora altri 5 anni di assistenzialismo al Cerreto.

    (GA)

    Rispondi
  13. Non per spaventare il nuovo sindaco di Ventasso al quale auguro buon lavoro, ma noi a Carpineti con una cosiddetta lista civica siamo diventati uno dei comuni più “poveri” della vecchia comunità montana; sono molto curioso di vedere ciò che riuscirà a realizzare visto che ha fatto grandi proclami !

    (Luciano Montermini)

    Rispondi
  14. Ciò dimostra che anche a Castelnovo sarà possibile vincere, a condizione di avere il candidato sindaco giusto. In caso contrario, l’ennesima sconfitta. Quale il candidato giusto? 🤔 Molto semplice : quello scelto dai simpatizzanti EXTRA PD, votando tra chi si candida, quello preferito. Gli Americani, le chiamano PRIMARIE.

    (Umberto)

    Rispondi
  15. Complimenti a Chicco e sono certo che non sarà il Sindaco di Cerreto come qualcuno sostiene ma sarà il Sindaco di tutta Ventasso proprio perchè vorrà dimostrare quanto vale a tutti quelli che lo hanno votato.
    Buon lavoro e in bocca al lupo!
    Miriano

    (Miriano Monnanni)

    Rispondi
  16. Leggo con sorpresa un commento del maestro Luciano Montermini rivolto al neo sindaco del Ventasso – dove circa l’80% degli elettori di quel comune ha votato una lista civica – che afferma “a Carpineti con una cosiddetta lista civica siamo diventati uno dei comuni più “poveri” della vecchia comunità montana”. Premesso che la logica vorrebbe che quando si fa riferimento ad un dato misurabile si citasse la fonte, chiedo cortesemente a Montermini di indicarci a quale statistica fa riferimento. Per la cronaca riporto il link della Camera di Commercio di Reggio Emilia dove a pag. 58 dell’elenco dei redditi procapite mette il comune di Carpineti al 31° posto in provincia, secondo solo a Castelnovo rispetto a tutti gli altri comuni della montagna.

    http://www.re.camcom.gov.it/allegati/Il%20Rapporto%20in%20sintesi_210219091443.pdf

    (Tiziano Borghi)

    Rispondi
  17. Ho avuto modo di conoscere Enrico Ferretti nel profondo del suo cuore, un uomo di 46 anni che ha accettato la candidatura da Sindaco di Ventasso con la speranza di riuscire a bloccare lo spopolamento e l’abbandono da parte dell’Uomo di questo territorio dell’Appennino Reggiano, è convinto, come lo siamo tutti noi, che questo immenso territorio montano, a differenza di altri territori, ha le potenzialità di offrire un futuro ai suoi cittadini, ma servono le infrastrutture, quelle iniziate, quelle sospese per motivi ingiustificati e mai fatte ripartire, quelle mai completate e quelle mai eseguite. Ferretti è un vero montanaro, nelle sue scelte mette cuore, passione, onestà e amore per queste terre, le sue terre, le nostre terre; questo suo attaccamento a questi paesi lo porterà ad essere veramente il Sindaco di tutti; vuole amministrare per portare benessere e non per manie di protagonismo, scopi o interessi personali o per accontentare un partito o un altro. Inoltre ha un grande merito, un merito che dovrebbero avere tutti i Sindaci, quello di essere un cittadino in mezzo ai cittadini e al pari dei cittadini, e di non essere un servitore ubbidiente al potere, alla politica. Non avrà la bacchetta magica ma avrà la forza di andare a chiedere al “potere” ciò che serve per questi paesi e non di andare a mendicare le briciole per sopravvivere. Chiunque può costatare che da oltre mezzo chi ha amministrato questi ex Comuni montani non ha mai preteso ciò che serviva all’uomo per continuare a vivere in questi paesi, è stato consentito il ripopolamento di lupi, cinghiali e cervi e lo spopolamento dell’uomo, assurdo, inconcepibile; nulla abbiamo contro lupi e cinghiali, vanno solo controllati, ma ritengo che prima di loro venga tutelata la presenza dell’uomo. Abbiamo la più grande ricchezza della terra, l’acqua, che già 120 anni fa portò ricchezza a tanti cittadini di questi paesi, e ora di ricchezza ne porterebbe molto, ma molto di più di allora, ma non si è mai fatto nulla per realizzare le opere che servono per creare questa ricchezza; lavoro, turismo, sviluppo, energia, ecc.. Si scende in piazza per tanti motivi e non si è mai scesi in piazza per pretendere ciò che ridarebbe la vita a queste terre; questo è voluto da qualcuno?, penso proprio di si, ma sono in tanti a pensarlo; questo ha fatto aprire gli occhi ai montanari di queste terre e li apriranno anche i cittadini di altri Comuni montani. Auguri al Sindaco Ferretti Enrico e a tutti noi

    (Franzini Lino)

    Rispondi
    • Riporto ” è stato consentito il ripopolamento di lupi, cinghiali e cervi”.
      Sig. Franzini i lupi non li ha mai ripopolati nessuno, mentre cervi e cinghiali sono stati immessi per scopi venatori, specialmente per quei montanari cacciatori di cui lei lamenta lo spopolamento.
      Credo fortemente che le basi per limitare lo spopolamento della nostra bellissima montagna passi attraverso infrastrutture diverse da quelle a cui pensa lei. Connessioni veloci in fibra, per evitare a migliaia di persone di scendere a Reggio per lavorare in un ufficio, tutela del territorio naturale (e le dighe non lo sono) per attirare turisti e tanta ma tanta formazione per far uscire i montanari dall’isolamento culturale che tanti turisti allontana, molti più di quelli che pensa siano allontanati da una buca sulla strada.

      (AG)

      Rispondi
      • Quoto AG al 100%!

        (Andrea)

        Rispondi
      • Quello che sotiene lei è ciò che è stato fatto in questi ultimi 20/30/40 anni e i risultati sono ben visibili: spopolamento ed invecchiamento della popolazione, conseguenze: chiusura dei servizi, mancanza di lavori, degrado dell’ ambiente. Dica se non è vero oppure dica dove non c’è degrado e abbandono del territorio. Purtroppo ci sono lavori che non si fanno con le infrastrutture digitali…
        cordialmente

        (fabio)

        Rispondi
      • AG, così la chiamo perchè così si presenta a tutti, innanzitutto dire che cervi e cinghiali siano stati immessi per scopi venatori è sbagliatissimo in quanto la loro presenza sul territorio, o il loro ritorno, se così vogliamo definirlo, è data dal cambiamento che ha avuto il nostro territorio degli ultimi decenni. Come ben sapete gli animali si spostano in base a varie esigenze (cibo, rifugio, predazione, ecc..) e nel nostro territorio hanno trovato ricchezza ed un luogo SELVAGGIO dove rifugiarsi. Questo da un lato è una cosa molto positiva, dall’altro invece indica una mancanza di lavorazione della terra e di gestione, in parte, di essa. Poi per il resto non mi dilungo, ma penso che lei non abbia capito quali siano le reali esigenze della montagna perchè se spera di migliorarla con la sola connessione veloce, vuol dire che lei in montagna non ci sa vivere.

        Firmato da un giovane cacciatore, pescatore, studente universitario e amante a 360 gradi dei nostri monti.
        Luca Iovinelli

        (Luca Iovinelli)

        Rispondi
        • Forse lei è troppo giovane per sapere che il cervo è stato reintrodotto nei primi anni novanta partendo da un recinto posizionato sopra la presa alta. Progetto curato dalla provincia di Reggio proprio a scopo venatori. Le immissioni dei cinghiali invece sono avvenute un po in tutta italia.

          (AG)

          Rispondi
  18. Finalmente una faccia nuova e giovane per la montagna..grande Chicco e in bocca al lupo

    (Joppa)

    Rispondi
  19. A quanti hanno sostenuto l uscente Amministrazione e continuano a congratularsi con essa per l operato nel comune di Ventasso, in generale, e in Cerreto Laghi (ove risiedo da ormai 15 anni), in particolare…..Vorrei far notare alcune cose (perché “tutte” sarebbe impossibile)… Alcuni disservizi e/o stati di fatto che da anni interessano palesemente la nostra Stazione Turistica e ciò nonostante finiscono per essere elusi proprio da chi vi abita 365 giorni all’anno (perché?????) ……

    1. Assenza totale di un servizio di pulizia e riassetto del paese, che versa in condizioni di degrado.
    2. Assenza di un servizio di vigilanza che imponga “l educazione civica e ambientale”  in un paese dove tutto è concesso e nulla viene sanzionato (come lo scarico dei liquami a cielo aperto da parte dei camperisti non regolamentati).
    3. Negativo e costante ridimensionamento del numero di bidoni pubblici e panchine (ormai quasi completamente assenti attorno al Lago Cerretano).
    4. Incuria dei monumenti e delle aiuole.
    5. Esigua (o nulla se rapportata al bacino di utenza ) presenta di strutture pubbliche ricreative per i più piccoli ( datate e incurate dove presenti).
    6. Inappropriata segnaletica stradale e assenza di rallentatori lungo stade periodicamente affollate da turisti.
    7. Assenza di controlli delle acque del Lago Cerretano, ormai saturo di rifiuti e dove periodicamente affiorano liquami lungo le sponde (ma dove ciò nonostante continua ad essere concessa la pratica della pesca sportiva).
    8. Improduttivo, inadeguato e imperterrito dispendio di risorse nel Palazzetto del Ghiaccio che ciò nonostante continua ad essete inagibile e inattivo da ormai 4 anni.
    9. Superficiale gestione di stoccaggio/raccolta rifiuti ( sopratutto nei periodi di maggior affluenza turistica).

    A QUALCUNO non torna QUALCOSA???
    Ho detto fesserie o…… SOLO LA VERITÀ???

    A chi ha occhi per vedere e non solo guardare … L ardua sentenza!!!!

    Per il bene della nostra magnifica montagna ( e di Cerreto Laghi ovviamente!!) che tanto amo e che merita sicuramente più di ciò che ha avuto fino ad ora…… È ORA DEL CAMBIAMENTO!!

    IN BOCCA AL LUPO CHICCO….. e soprattutto BUON LAVORO !!!!!!

    Jessica.

    ()

    Rispondi
  20. Penso che l l’amministrazione uscente dovrebbe fare una sorta di comunicato di congedo per rendere noto agli elettori quanto svolto in questi 5 anni a Ventasso , anche per capire da dove riprenderà le fila la nuova amministrazione e anche perché ci sono cittadini che sia in questa tornata elettorale che in quella passata vi hanno riposto fiducia.

    (commento firmato)

    Rispondi
  21. Complimenti a voi che dimostrate amore, passione, competenza e soprattutto tanta ma tanta onestà.
    Questo meraviglioso territorio dimenticato dalla politica sbagliata, ha bisogno di voi! Grazie

    (Anto)

    Rispondi
  22. Vedo che fino ad ora i commenti riguardano solo Ventasso, io ne approfitto invece per dire bravo e complimenti a Stefano Costi che a Casina ha vinto largamente contro un PD agguerrito per riprendersi la poltrona. Saluti

    (Andrea.S)

    Rispondi
  23. Su questo territorio montano qualcosa doveva cambiare e finalmente è cambiato; se amministri bene continuerai, se amministri male vai a casa, ma è troppo tardi. Sia chiaro che le infrastrutture, a partire dalla viabilità, sono indispensabili per andare e tornare in giornata. Chi scrive che i collegamenti in fibra sostituiscono le infrastrutture, vive sulla luna, io lavoro in ceramica come tanti altri montanari e posso assicurare che nessun collegamento in fibra può fare ciò che faccio io. Ma se il progetto di far morire i paesi montani reggiani è definito, non resta che scrivere certe cose. Sappia il Sig. AG che tra tre mesi farò quello che hanno fatto tanti montanari, me ne andrò anchi’o da questi paesi montani, per ovvii motivi, e non certo per la felicità di AG, ma non dirò certo grazie a chi la pensa come lui

    (Davide)

    Rispondi
    • Sapere che lei abbandonerà la montagna non mi rende minimamente felice, anzi. Però vede se si prende l’esempio personale per trarne conclusione generali si corre il rischio di avere una visione limitata. Io conosco bancari, impiegati, progettisti, che ogni giorno dalle nostre montagne scendono a Reggio per fare un lavoro che se supportati da infrastrutture degne di questo nome, potrebbero fare tranquillamente da casa.
      Uno studio dell’associazione industriali di un paio di anni fa stimava che nel 2030 (dopodomani) circa il 20 % dei giovani sarebbero stati impiegati in lavori che ancora non esistono, non ancora inventati.. Lavori legati nella maggior parte alla tecnologia e alle informazioni. Credo che se si vuole evitare lo spopolamento o la riduzione dei paesi a dormitori per pendolari occorrerebbe investire sul quel futuro. Anche per attrarre cittadini stanchi della vita in città. Non solo per facilitare il pendolarismo di mano d’opera per le fabbriche della pianura. Poi sono d’accordo con lei, le strade sono uno strazio, me è uno strazio vissuto sopratutto da chi le vive tutti i giorni. Non ci si nasconda dietro le infrastutture (strade o dighe che dir si voglia) per dire che attraggono i turisti. Mai visto nessuno tornare indietro e andare in trentino perchè ci sono delle buche sulle strade. Per l’accoglienza a volte riservata ai piansani nei bar o nei ristoranti, o per il livello delle strutture ricettive (private) invece ne ho visti tanti dire addio.

      (AG)

      Rispondi
  24. Concordo totalmente con AG!

    (Paolo Romei)

    Rispondi
  25. Complimenti Chicco…umile,modesto e vincente..
    DB

    ()

    Rispondi
  26. Penso che il Sig. AG abbia una visione un po’ troppo politica di ciò che serve veramente ai paesi montani, ho la sensazione che viva di ideologie e non di realtà, Purtroppo per vivere in montagna occorre confrontarsi con la realtà di tutti i giorni, la fantasia è un’altra cosa. La realtà purtroppo è ciò che scrive il giovane Luca o Davide, le infrastrutture, come la viabilità servono a chi lavora come il sottoscritto che con un autotreno gira tutti i giorni su queste strade e ogni mattina non ho la certezza di tornare a casa a causa della viabilità che ci si ritrova, ma come me c’è ne sono migliaia e non saranno certo le sue idee telematiche a portare le merci in montana. Credo che migliorare le ns. strade per il turismo può portare benefici al ns. appennino, faccio prima ad andare in Trentino che per andare al Cerreto o a Ligonchio, ma non è questo il problema, il problema sono le persone che la pensano come Lei, che hanno portato i paesi montani in questo stato. Speriamo che il nuovo Sindaco riesca a cambiare un po’ di cose.

    (Sergio)

    Rispondi
    • Sig. Sergio, lei mi attribuisce una visione politica ma devo contraddirla. Il mio primo commento era rivolto a Franzini e alla sua litania sulle infrastrutture e sulla diga in particolare. Ora io non ho mai detto che le strade vadano bene così. Ma non si dica che le strade e la diga porteranno da sole al ritorno degli abitanti nei paesi montani. E che grazie alle strade aumenteranno i turisti. I turisti faranno un pò prima ad arrivare ma non aumenteranno se non aumenteranno le strutture per riceverli e la qualità dell’accoglienza offerta. Nel nostro appennino gli alberghi con stanze degne del livello che ci si aspetta nel 2021 si contano sulle dita, i bed and breakfast pure, l’accoglienza ai piansani spesso e volentieri è quella di 20 anni fa. Poi delle strade si parli, le si sistemi, se ne facciano anche delle nuove e pensate in modo moderno, ma per chi abita in montagna, non con la scusa che servono a richiamare turisti. Cordialmente.

      (AG)

      Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48