Con i catechisti proviamo a pensare l’avvento

Riceviamo e pubblichiamo

 


Zona Pastorale di Felina
07.11.2021 - Domenica XXXII del tempo ordinario - anno B


Introduzione alle letture

1Re 17,10-16:
Dio ha ovunque suoi fedeli.

Salmo Responsoriale Sal 145,6c-7; 8-9a; 9bc-10:
Il salmista canta la fedeltà di Dio alle sue promesse.

Eb 9,24-28:
Unico è il sacrificio di Cristo.

Mc 12,38-44:
Gesù insegna ad abbandonarsi alla provvidenza di Dio.


 

Calendario settimanale

 

Con il ritorno all’orario solare,
da Mercoledì 3 novembre le Sante Messe
vespertine saranno celebrate alle ore 18,00
comprese le festive anticipate del sabato,
che saranno celebrate  alle ore 16,00 e alle ore 18,00

 

 

 

Domenica 7 novembre Domenica XXXII

 

Martedì 9 novembreDedicazione Basilica del Laterano

 

Mercoledì 10 novembre San Leone Magno (Papa)

 

Giovedì 11 novembre San Martino

 

Venerdì 12 novembre San Giosafat
ore 20,30 A Felina : incontro dei catechisti.

 

Domenica 14 novembre Domenica XXXIII

 

 

Sacramento della riconciliazione
Anticipando le sante messe del sabato alle ore 16, e alle ore 18,00
per il sacramento della riconciliazione saremo disponibili
dalle ore 14,45 alle ore 15,45 e dalle ore 16,45 alle ore 17,45
in altri momenti su richiesta se possibile.

 

 

Benedizioni alle famiglie:
Abbiamo concluso la visita benedizione alle famiglie;
se qualcuno non fosse stato presente può contattare don Maurizio
tel: 334 5636 506

 

 

La CARITAS necessita di: farina e seggiolino auto.
Possono essere consegnati agli incaricati o in parrocchia
Anche le offerte in denaro andranno per l’acquisto di questi beni.


 

Enciclica Laudato sii del Santo Padre Francesco
Capitolo quinto
Alcune linee di orientamento e di azione

V. Le religioni nel dialogo con le scienze
201. La maggior parte degli abitanti del pianeta si dichiarano credenti, e questo dovrebbe spingere le religioni ad entrare in un dialogo tra loro orientato alla cura della natura, alla difesa dei poveri, alla costruzione di una rete di rispetto e di fraternità. È indispensabile anche un dialogo tra le stesse scienze, dato che ognuna è solita chiudersi nei limiti del proprio linguaggio, e la specializzazione tende a diventare isolamento e assolutizzazione del proprio sapere. Questo impedisce di affrontare in modo adeguato i problemi dell’ambiente. Ugualmente si rende necessario un dialogo aperto e rispettoso tra i diversi movimenti ecologisti, fra i quali non mancano le lotte ideologiche. La gravità della crisi ecologica esige da noi tutti di pensare al bene comune e di andare avanti sulla via del dialogo che richiede pazienza, ascesi e generosità, ricordando sempre che «la realtà è superiore all’idea ».


Un racconto per l'anima

24 ore su 24 a contatto con Cristo.
A Calcutta c’è un tempio dedicato alla dea Kalì, uno dei più grandi templi del mondo: ci si fanno ancora dei sacrifici di animali, che vengono bruciati. Intorno a questo grande tempio ci sono parecchi alberghi per ospitare i pellegrini. Un giorno alcuni sacerdoti del tempio invitarono Madre Teresa a venirli a trovare. Alle tre del pomeriggio, mentre il sole taceva risplendere le colonne dorate del tempio, si udì un lieve scalpiccio di passi sul pavimento di marmo. Madre Teresa, avvolta nel suo candido sahari ornato di azzurro, si avvicinò al capo dei sacerdoti, con-giunse le mani e, sorridendo, si inchinò in un rispettoso saluto.
«Da molti mesi — cominciò l’anziano sacerdote — discutiamo tra noi su quello che tu fai e abbiamo deciso, se accetti, di darti gli alberghi del tempio per alloggiarvi tutti i malati che curi».
Il volto di suor Teresa si illuminò. Ora i suoi poveri potevano avere un rifugio sicuro. Questa «intrepida messaggera di Cristo», ha svolto per lunghissimi anni la sua opera di generosità in India e in tantissime altre parti del mondo. «La nostra è una vocazione difficile — ha detto suor Teresa — ma molto bella: siamo 24 ore su 24 a contatto con Cristo che nuovamente si incarna nei poveri».


 

Per pregare con il Vangelo della prossima Domenica

Domenica XXXIII del Tempo Ordinario (Anno B)
14 Novembre 2021
Vangelo secondo Marco (Mc 13,24-32)

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «In quei giorni, dopo quella tribolazione, il sole si oscurerà, la luna non darà più la sua luce, le stelle cadranno dal cielo e le potenze che sono nei cieli saranno sconvolte.
Allora vedranno il Figlio dell’uomo venire sulle nubi con grande potenza e gloria. Egli manderà gli angeli e radunerà i suoi eletti dai quattro venti, dall’estremità della terra fino all’estremità del cielo.
Dalla pianta di fico imparate la parabola: quando ormai il suo ramo diventa tenero e spuntano le foglie, sapete che l’estate è vicina. Così anche voi: quando vedrete accadere queste cose, sappiate che egli è vicino, è alle porte.
In verità io vi dico: non passerà questa generazione prima che tutto questo avvenga. Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno. Quanto però a quel giorno o a quell’ora, nessuno lo sa, né gli angeli nel cielo né il Figlio, eccetto il Padre».


 

 

 

 

Zona pastorale di Felina: parrocchie di Felina - Gatta - Villaberza - Gombio - Montecastagneto

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48