Donne più sole durante la pandemia: nel 2020 in aumento le richieste d’aiuto

Più del 43% nel 2020 le telefonate al numero verde 1522 (che quasi raddoppiano considerando solo le vittime di violenza o stalking). Un trend in crescita confermato anche dai primi sei mesi del 2021 (+13%). Scendono invece i contatti con un Centro antiviolenza (-18,5%) e gli accessi al Pronto soccorso (-30%). Dalla Regione oltre 10 milioni di euro nel periodo 2017-2020 per la prevenzione, il lavoro e il sostegno alla rete dei servizi.

Questi i dati raccolti nel Rapporto 2021 dell’Osservatorio regionale sulla violenza di genere, presentato in Regione in occasione della Giornata internazionale contro la violenza alle donne.

Numeri che ci dicono che le donne sono più fragili e isolate; più esposte alla violenza specialmente in ambito familiare. E la pandemia ha peggiorato le cose. Le restrizioni imposte nell’ultimo anno hanno reso difficile l’accesso ai servizi presenti sul territorio, che comunque hanno continuato a garantire i propri servizi, attraverso strumenti nuovi come app, social network e profili anonimi per avvicinarsi con discrezione e delicatezza.

Se da un lato cala il numero delle donne che nel 2020 ha preso contatto con un Centro antiviolenza:  4.614 nel 2020, contro le 5.662 del 2019 (- 18,5%); dall’altro aumenta quello delle chiamate al numero verde antiviolenza 1522 : 1.606 contro le 1.125 del 2019 (+43%).

Un dato quest’ultimo che di fatto raddoppia, considerando solo le telefonate da parte di vittime di violenza e stalking: 913 rispetto alle 491 dell’anno precedente (+86%).

E le prime anticipazioni relative all’anno in corso confermano il trend in crescita: 520 telefonate da vittime di violenza o stalking nel primo semestre 2021 contro le 462 dello stesso periodo del 2020 (+13%). E +107% rispetto al 2019.

Anche gli altri dati del Rapporto  -  da quelli di accesso al Pronto soccorso, a quelli sugli ingressi nei Centri antiviolenza e nelle Case rifugio, tutti in flessione nel 2020 rispetto al 2019 -  confermano la condizione di solitudine vissuta da molte donne nei mesi più duri della pandemia e la conseguente impossibilità di accedere ad un percorso di aiuto.

In controtendenza  - ma con una spiegazione che può essere rintracciata nei possibili sconti di pena previsti dalla  cosiddetta legge “Codice Rosso” (la n. 69/2019 sulla violenza domestica e di genere) -  i dati sugli uomini maltrattanti: 409 quelli che sono stati seguiti in uno dei 16 Centri attivi in Emilia-Romagna:  + 10,5% rispetto al 2019.

Pur nella difficoltà della pandemia i centri presenti sul territorio hanno continuato a operare. La conferma arriva dai 4.614 contatti ricevuti e dal numero di donne che sono state accolte in uno dei 22 Centri antiviolenza presenti in Emilia-Romagna: 2.335 nel 2020 contro le 2.724 nel 2019 (- 14,3%). A ulteriore conferma che centri e case rifugio rimangono interlocutori privilegiati per le vittime.

Una situazione analoga per le 44 Case Rifugio che l’anno passato hanno potuto ospitare 301 donne contro le 351 del 2019 (- 14% ). In calo anche il numero dei figli accolti: 336 contro i 384 del 2019 (-12,5%).

Il telefono è dunque stato, in molti casi, il modo più diretto per stabilire un contatto con il mondo esterno. I dati mostrano dunque una tendenza alla crescita delle chiamate al numero verde anti violenza  gratuito e attivo 24 ore su 24. Anche nel 2021, al netto del picco di massima richiesta rilevato durante il secondo trimestre 2020: nei primi sei mesi di quest’anno le chiamate al 1522 sono state 802 che, seppur inferiori alle 978 del primo semestre 2020 (-18%), crescono del +42% rispetto alle 564  dei primi sei mesi del 2019. Tra queste, 659 sono stati primi contatti (-21% rispetto al primo semestre 2020, +53% rispetto al 2019) e appunto 520 le chiamate da vittime di violenza o stalking (+13% rispetto al primo semestre 2020, +107% rispetto al 2019).

Nel 2020 sono state 3.081 le donne  con almeno un accesso al Pronto soccorso per potenziale causa violenta (4.372 nel 2019, - 30%).

Allargando lo sguardo, nel triennio 2018-2020  sono state 1.919 le donne il cui ricorso ai Servizi di emergenza-urgenza si è concluso con una diagnosi di violenza. Ma se nel periodo 2018-2019 si osservavano circa 60 accessi al mese con diagnosi di violenza, nel 2020 la media è scesa a 40. Un andamento chiaramente influenzato dai picchi pandemici, con un minimo di 17 diagnosi di violenza nel mese di aprile e una ripresa (48) nel mese di maggio.

Da evidenziare come le donne con almeno una diagnosi di violenza si siano recate al Ps in media quattro volte nel triennio contro le due della popolazione femminile considerata nel suo complesso.

Anche a livello provinciale si è registrata nel 2020 una diminuzione delle donne che hanno preso contatto con un Centro antiviolenza. Le riduzioni più marcate  - a fronte di un -18,5% a livello regionale - si sono evidenziate in provincia di Bologna dove sono in funzione 6 Centri antiviolenza (-33%), in provincia di Piacenza (1 Centro antiviolenza, - 21,3%) e in quella di Ferrara (1 Cav, - 11,2%). In controtendenza la provincia di Parma (1 Centro): + 6,6%. Tra 2019 e  2020 il numero dei Centri antiviolenza in Emilia-Romagna è passato da 21 a 22 grazie a una nuova struttura aperta in provincia di Rimini.

Analogamente per quanto riguarda le donne accolte in una Casa rifugio, con punte  del – 37% in provincia di Parma (4 Case rifugio), -29,4% a Piacenza (2 Case rifugio), - 23,1% a Modena (5 Case rifugio), a fronte di un calo medio regionale del 14,2%. In crescita solo le province di Ferrara (2 Case rifugio) e Rimini (6 Case rifugio), rispettivamente + 5,3% e +3,1%. Nel 2020 il numero delle Case rifugio in Emilia-Romagna è di 44 contro le 41 del 2019, grazie a due nuove aperture a Bologna e una a Rimini.

Contrasto alla violenza e alle discriminazioni di genere; promozione delle opportunità lavorative e dei percorsi di carriera; sostegno ai progetti di welfare. Un impegno da parte della Regione che nel triennio 2017-2020 si è tradotto in oltre 10 milioni di euro (ripartiti al 50% tra  finanziamenti regionali e statali), per sostenere  iniziative sul territorio.

In particolare 3,8 milioni sono andati a sostenere il funzionamento dei Centri antiviolenza e delle Case rifugio; 600mila euro all’istituzione di nuovi centri, case e sportelli; 640mila euro hanno permesso di sostenere 16 progetti per la prima annualità del bando per l’autonomia abitativa. E ancora: oltre 4 milioni di euro hanno permesso di avviare 211 progetti di promozione della cultura della parità tra la cittadinanza a partire dalle nuove generazioni e migliorare la presa in carico delle donne vittime di violenza. Mentre 1 milione di euro ha finanziato 42 progetti per favorire l’accesso al lavoro

Info: Osservatorio regionale sulla violenza di genere. Rapporto anno 2021 — Pari opportunità (regione.emilia-romagna.it)

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48