La Provincia di Reggio Emilia va al voto per eleggere il Consiglio. Previsto un seggio volante a Castelnovo ne’ Monti

Anche la Provincia di Reggio Emilia è pronta per l'election day nazionale previsto per sabato 18 dicembre, quando 72 delle 76 Province italiane saranno chiamate a votare per il Consiglio e, in alcuni casi, anche per il presidente.

Saranno 3 le liste – e 24 i candidati – in lizza per il Consiglio; gli elettori saranno 612: i 42 sindaci e 570 consiglieri comunali. Di loro – dopo il voto del 18 dicembre – 12 assumeranno anche la carica (non retribuita) di consigliere provinciale.

Alle due liste di centrodestra (Terre reggiane) e – con varie denominazioni (quella di quest’anno è Insieme per la Provincia di Reggio Emilia) – di centrosinistra che fin dal 2014 si sono sempre presentate alle ‘nuove’ elezioni provinciali, si è infatti aggiunta la lista Provincia progressista, che candida consiglieri comunali in carica per liste civiche o Movimento 5 stelle. Nelle liste nessuno dei due sessi può essere rappresentato in misura superiore al 60 per cento del numero dei candidati, come prevede la legge di riordino delle Province, che tutela la parità di genere. I seggi saranno allestiti a Palazzo Allende, sede della Provincia, dove si potrà votare dalle 8 alle 20 (previsti anche due seggi volanti, a Castelnovo ne' Monti e Scandiano, per consentire il voto a persone eventualmente sottoposte a quarantena): di seguito, avverranno scrutinio e proclamazione degli eletti.

Il disegno di legge collegato alla Manovra 2022, che sarà discusso in Consiglio dei ministri, prevede che le Province, superando la legge Delrio del 2014, continueranno a restare organi di secondo livello, ma ritorneranno ad avere Giunte e assessori, che saranno 3 o 4 (nelle Province con più di un milione di abitanti) e percepiranno un’indennità pari al 50% degli assessori del Comune capoluogo.

Il meccanismo di voto e i candidati

Come noto le elezioni per il Consiglio provinciale – con la Legge 56 del 2014 divenute di secondo grado, quindi riservate esclusivamente a sindaci e consiglieri comunali in carica – avvengono attraverso un complesso meccanismo di voto ponderato: l’elettore (sindaco o consigliere comunale) che appartiene ad un Comune con un minor numero di abitanti esprime infatti un voto con un valore inferiore rispetto all’elettore di un Comune con un numero maggiore di abitanti. Ad esempio, la preferenza ‘vale’ 34 voti ponderati se espressa da un consigliere o sindaco di Vetto, 59 se di Rolo o Casina, 109 se di Cavriago o Gualtieri, 171 se di Scandiano o Correggio, addirittura 949 per i 33 elettori (il sindaco e 32 consiglieri comunali) di Reggio Emilia.

Questi i candidati delle tre liste alle elezioni del 18 dicembre per il Consiglio provinciale di Reggio Emilia.

Provincia progressista: Marco Signori, Sara Martinico, Luca Grasselli, Sonia Viviana Grisendi, Patrizia Maselli e Antimo Pappadia.

Terre reggiane: Maria Cristina Camurri, Davide Ganapini, Cristina Fantinati, Federico Predieri, Monica Santini e Alessandro Rinaldi.

Insieme per la Provincia di Reggio Emilia: Claudia Dana Aguzzoli, Andrea Barozzi, Francesca Bedogni, Elena Carletti, Elisa Cavatorti, Nico Giberti, Mattia Giroldi, Ilenia Malavasi, Francesco Monica, Fabiana Montanari, Elio Ivo Sassi ed Erica Spadaccini.

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy





Powered by WordPress | Officina48