Home Economia Bando GAL a sostegno delle nascenti imprese dell’appennino

Bando GAL a sostegno delle nascenti imprese dell’appennino

5
0

E’ in arrivo un nuovo strumento a sostegno delle nascenti imprese extra-agricole dell’Appennino reggiano e modenese. Dal 27 dicembre e fino al 31 maggio 2022 sarà possibile partecipare al bando a sostegno a investimenti di nuove imprese Start-up a premio unico promosso dal GAL Antico Frignano e Appennino Reggiano.
Possono presentare domanda di contributo le persone fisiche che avviano o sono già titolari di una impresa individuale e le persone fisiche che assumono o già possiedono una responsabilità civile e fiscale di società di persone. In entrambi i casi dovrà trattarsi di una micro impresa che eserciti una nuova attività extra-agricola.

Il contributo previsto è un premio unico di 20 mila euro, indipendentemente dall’importo del Piano di Sviluppo Aziendale presentato. Le risorse disponibili sono in totale 520 mila euro. Tra le spese ammissibili: i costi di preparazione e realizzazione del progetto, le spese per informazione, comunicazione e realizzazione siti web, la costruzione e ristrutturazione di immobili produttivi, la locazione, i mutui e le rate di eventuali contratti di leasing finanziario.
I criteri di priorità, in parte riferiti al beneficiario e in parte alla tipologia di attività premieranno progetti legati alle produzioni del territorio, all’ambito sociale e all’innovazione. In un’ottica di integrazione con il progetto sull’autoimprenditorialità, attuato in collaborazione con quattro istituti tecnici superiori del territorio, un punteggio aggiuntivo sarà riconosciuto agli studenti che hanno partecipato al percorso.

Il bando è disponibile sul sito www.galmodenareggio.it e sui profili facebook e linkedin del GAL. Nelle prossime settimane verrà pubblicato anche il calendario degli incontri di presentazione che si terranno a partire dalla fine di gennaio 2022.

Articolo precedentePresentato oggi il progetto di valorizzazione e rilancio del Sentiero dei Ducati
Articolo successivoLettera aperta dei medici ai concittadini

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.